Mario Draghi: tra le priorità nel suo programma sanità, scuola e lavoro

È iniziato il secondo giro di consultazioni del premier incaricato, che ha trattegiato i confini di un "Governo europeista con un forte richiamo all'atlantismo"

mario draghi

Foto Getty Images | Sean Gallup

È iniziato oggi, lunedì 8 febbraio, alle 15 il secondo giro di consultazioni del presidente incaricato Mario Draghi per la formazione del nuovo Governo.

Secondo quanto si apprende, il premier incaricato ha iniziato a tratteggiare i confini programmatici del nuovo Governo, senza limitarsi all’ascolto, come avvenuto per il primo giro di consultazioni.

Governo europeista e forte attenzione alla scuola

I confini tratteggiati sono quelli di un “Governo europeista con un forte richiamo all’atlantismo” concentrato su riforme necessarie “della Pubblica amministrazione, del fisco e della giustizia civile”.

Mario Draghi, inoltre, avrebbe detto ai gruppi parlamentari che il nuovo Governo dovrà “rimodulare il calendario scolastico” a causa dei “numerosi giorni persi”.

Quando Draghi parla di europeismo, parla anche di sfida, tanto che è arrivato a mettere sul tavolo la questione del bilancio comune europeo” ha detto Riccardo Nencini, senatore del Psi.

Secondo quanto già detto, quindi, l’impostazione del programma del premier incaricato Mario Draghi è divisa in quattro punti. Si parla di riforme alla Pubblica amministrazione, fisco e giustizia, ma anche di scuola e di lavoro, orientato sulla creazione di grandi infrastrutture e sul turismo.

Il programma di Governo è di lungo periodo, ma siamo di fronte ad una emergenza sanitaria immediata ed all’urgenza di presentare i piani del Recovery” ha detto Paolo Romani al termine delle consultazioni con Mario Draghi.

Lavoro e sanità tra le priorità di Mario Draghi

Il presidente incaricato Draghi ci ha illustrato sinteticamente le priorità che intende seguire: sanità, campagna vaccinale, ambiante, di questo ne ha parlato tanto, lavoro e imprese” ha detto Manfred Schullian, componente delle minoranze linguisti del gruppo Misto della Camera.

Draghi ci ha detto che bisogna investire e con i ristori evitare contribuiti a fondo perduto, ma finanziare le imprese per riprendere” ha concluso Schullian.

Le votazioni sulla piattaforma del Movimento 5 Stelle

Gli iscritti al Movimento 5 Stelle, da 13 di mercoledì 10 febbraio alle 13 di giovedì 11 febbraio, saranno chiamati a esprimersi su un eventuale supporto al Governo di Mario Draghi. È quanto annunciato dal M5S attraverso il suo blog.

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.

Da non perdere