Liechtenstein vs Italia 0-4: non arriva la goleada, Spagna sempre davanti

Liechtenstein vs Italia Qualificazioni Russia 2018

Liechtenstein vs Italia   Qualificazioni Russia 2018

L’Italia batte il Liechtenstein per 4-0 a Vaduz. Doveva essere goleada per andare a creare un po’ più di competizione con la Spagna per la leadership del girone di qualificazione F ai Mondiali 2018 in Russia e tanti gol sono arrivati, anche se non gli stessi (il doppio) messi a segno dagli iberici. Le reti sono state messe a segno tutte nel primo tempo e tutte a breve distanza l’una dall’altra: all’11’ ha aperto Belotti, poi dopo un minuto ha raddoppiato Immobile, seguito al 34esimo da Candreva e poco prima del riposo, al 44′, ancora una volta dal centravanti granata che si candida al ruolo fisso per i prossimi match.

Coverciano, l'allenamento della Nazionale Italiana di calcio

Appuntamento questa sera a Vaduz alle ore 20:45 per la quarta partita dell’Italia nel gruppo G di qualificazione ai Mondiali di Russia 2018 contro i padroni di casa del Liechtenstein. Gli azzurri andranno ad affrontare un avversario sulla carta particolarmente morbido, che è ancora fermo a 0 punti nel proprio raggruppamento con la bellezza di 12 gol subiti e solo 1 messo a segno. I ragazzi di ventura si presentano con 10 gol subiti nelle ultime quattro partite esterne e con un grande bisogno di goleada anche per la questione differenza reti che male non fa. Scopriamo le probabili formazioni e i precedenti.

Probabili formazioni

Liechtenstein (4-5-1): Jehle; Rechsteiner, Polverino, Kaufmann, Burgmeier; Hasler, Wieser, Christen, M. Buchel, Salanovic; M. Buchel.

Italia (4-4-2): Buffon; Zappacosta, Bonucci, Romagnoli, De Sciglio; Candreva, Verratti, De Rossi, Bonaventura; Immobile, Belotti.
All.: Ventura

Precedenti

Non ci sono precedenti tra le due nazionali, dunque si tratta di una prima partita ufficiale tra queste due squadre europee che mai si erano incrociate né nelle qualificazioni a EURO né a quelle dei Mondiali.

Parole di Diego Barbera

Diego Barbera è stato un redattore interno di Nanopress fino al 2018. Si è occupato di tecnologia, sport, cronaca.

Da non perdere