Le cantine dell’orrore: stupro di gruppo come arma di guerra in Ucraina

L’Onu avverte di un aumento delle denunce di stupro e violenza sessuale durante il conflitto. L’ONG ‘La Strada’ ritiene che siano solo la punta dell’iceberg.

Ragazza ucraina
Ragazza ucraina – NanoPress.it

Le autorità di Kiev hanno arrestato tre soldati russi per abusi sessuali. “I soldati sono arrivati nel seminterrato dove c’erano principalmente donne e ragazze. Hanno detto ai presenti di sceglierne due da violentare“, dice Alona Krivuliak, 32 anni, che ha trascorso settimane ad ascoltare l’orrore delle vittime di abusi sessuali come lavoratrice dell’organizzazione ‘La Strada’.

L’Onu denuncia casi di stupro dei soldati russi in Ucraina

La scena è avvenuta a Bucha, alla periferia di Kyiv, durante il mese in cui questa città è rimasta nelle mani delle truppe russe. Le denunce di violenza sessuale come arma di guerra, uno degli orrori del conflitto in Ucraina, sono in aumento, secondo l’Onu.

Il peso dello stigma e del tabù sono, tuttavia, un muro che i ricercatori devono superare per andare avanti senza che le vittime si ricordino della prova che hanno subito. Alcuni non sono in grado di parlare, altri sono incinte e alcuni sono morti. Il ritiro dalla periferia di Kiev dell’esercito russo all’inizio di aprile ha portato alla luce centinaia di omicidi, torture e stupri che vengono documentati per tracciare la mappa dei crimini di guerra dell’esercito russo in Ucraina.

Ma il fatto che il 20% del territorio ucraino sia sotto il controllo di Mosca rende impossibile conoscere la vera dimensione di ciò che è accaduto e di ciò che sta accadendo. Ci sono già 80 casi aperti, secondo il procuratore generale, Irina Venediktova. “È una questione complicata perché le vittime non vogliono parlare“, riconosce il viceministro dell’Interno Katerina Pavlichenko, riferendosi agli abusi sessuali.

Da metà aprile gruppi di agenti hanno setacciato le aree liberate dall’occupazione russa insieme a psicologi per cercare di raccogliere testimonianze e prove. La Polizia ha ricevuto cinquanta denunce di violenza sessuale, e sono già state aperte 16 indagini penali per abusi commessi dall’esercito russo, ha spiegato Pavlichenko venerdì scorso durante un’apparizione nella capitale.

L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) aveva ricevuto fino al 3 giugno segnalazioni di 124 presunti abusi sessuali in Ucraina legati al conflitto. Tre soldati russi sono detenuti e accusati di questi crimini nelle regioni di Kiev e Chernihiv, secondo il viceministro ucraino.

A ciò si aggiunge la denuncia delle autorità di Kiev del tentativo di eliminare le prove da parte dell’esercito russo, bruciando anche i cadaveri delle vittime. Lo ha avvertito Pavlichenko e ricordato dal rappresentante dell’Ucraina all’ONU, Serhii Kislitsia, lunedì durante una riunione del Consiglio di sicurezza. Diciannove dei 20 casi nelle mani dell’organizzazione ‘La Strada’ sono stupri di gruppo e due delle vittime sono minorenni, spiega Alona Krivuliak, responsabile nazionale della hotline dell’Ong.

Tra le vittime di abusi anche minorenni

Crede che questi venti casi siano solo la punta dell’iceberg di una realtà che continua a verificarsi in aree sotto il dominio russo. Solo in uno dei casi è stato vittima degli abusi un uomo, ma è un caso “molto difficile” che non deve essere perso di vista, avverte. Non può lasciare il Paese perché la legge marziale impedisce agli uomini di età compresa tra i 18 e i 60 anni. “È un ragazzo che ha perso la sua ragazza ei suoi genitori (durante l’occupazione) ed è stato violentato ripetutamente in seguito.

Una ragazza ucraina
Una ragazza ucraina – NanoPress.it

È molto difficile per lui ricevere aiuto o trovare conforto. Il suo è un tabù più grande di quello delle donne. Le persone presto pensano allo stereotipo LGTBI e possono persino indicarlo come colpevole”, sottolinea. Krivuliak ha ascoltato le vittime della violenza sessista per un decennio. Il suo profilo e la sua esperienza hanno dovuto adattarsi rapidamente per supportare non solo le indagini penali, ma anche tutte le vittime.

Tra loro ci sono anche parenti, vicini di casa e tutti coloro che hanno assistito a questi abusi, compreso un bambino di tre anni. Gli attentati venivano commessi nei sotterranei, dove si rifugiava la popolazione. Nel deferimento di Bucha, alla fine sono stati i militari invasori a scegliere le due donne che hanno violentato. Tutti gli altri, oltre ai minori, hanno assistito alla scena. Due di loro sono finiti nudi, in procinto di essere violentati anche loro, dice Krivuliak.

Il consumo di alcol e droghe da parte dei soldati russi emerge nelle testimonianze delle vittime con cui mantiene i contatti lo specialista de ‘La Strada’, che parla di soldati di ogni età e grado. Lo schema, spiega, è solitamente una scena in cui ci sono, da un lato, una o più vittime dirette circondate da testimoni e, dall’altro, partecipanti diretti o indiretti allo stupro. Possono dare ordini, permettere che avvenga, insultare, puntare le armi o scattare foto e video.

“I comandanti hanno partecipato allo stupro, acconsentito o sono stati testimoni senza impedirlo. Comprendiamo che è un’altra arma dell’invasione insieme alla tortura o all’omicidio. (…) Non abbiamo prove che ci fosse un ordine di stupro, ma almeno c’era il via libera dall’alto perché ciò accadesse”, dice. Il corpo di una donna colpita alla testa, nuda e coperta solo da un cappotto, è stato trovato in una casa di Bucha, alla periferia di kyiv, circondata da preservativi.

Dei 20 casi che ha, quasi tutti hanno avuto località nella regione di Kiev che sono state occupate durante le prime settimane dell’invasione iniziata il 24 febbraio: Bucha (5), Irpin (4), Hostomel (3), Borodianka (3) e Marariv (1). Gli altri tre provengono da Kherson (2) e Mariupol (1), entrambi in mano russa. Il 20% dell’Ucraina è nelle mani del nemico, secondo il presidente, Volodymyr Zelensky.

È il grande buco nero in cui le autorità temono che continueranno a essere commesse violazioni, afferma il viceministro Pavlichenko. Ci sono casi che aiutano a capire il modo in cui agiscono alcuni soldati russi. L’organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch (HRW) ha pubblicato la testimonianza del brutale stupro subito da una donna di 31 anni a Kharkov, quando era una rifugiata in una scuola con la sua famiglia.

Anche gli anziani vittime di crimini sessuali

Ma parlare offrendo dettagli eccessivi su questioni così delicate sembra essere costato il lavoro al difensore civico ucraino, Liudmila Denisova, il 31 maggio. A Krivuliak, la cui organizzazione, ‘La Strada’, collabora con la Procura, non sembra male che l’abbiano separata. “La violenza sessuale in questa guerra è il crimine più nascosto”, ha detto lunedì alle Nazioni Unite Natalia Karbowska della Fondazione delle donne ucraine.

Ragazza ucraina con cartello
Ragazza ucraina con cartello – NanoPress.it

“Sia i minori che gli anziani sono vittime di crimini sessuali commessi dalle truppe russe e i corpi di coloro che sono stati torturati o violentati vengono bruciati per nascondere le prove”, ha denunciato il rappresentante ucraino. Il russo Vassili Nebenzia ha criticato Kiev ei membri occidentali del Consiglio, affermando che sottolineare gli abusi sessuali è “la sua tattica preferita dall’inizio dell’operazione militare speciale del suo Paese”.

“I soldati russi sono stati accusati di violenza sessuale senza prove”, ha aggiunto. La rappresentante degli Stati Uniti, Linda Thomas-Greenfield, ha sottolineato che “spetta alla Russia fermare gli stupri, le violenze e le atrocità dall’interno delle sue fila”, mentre il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha assicurato che questi “ atrocità” Saranno “punite”.

“Ecco perché stiamo aiutando a raccogliere le prove”, ha aggiunto. Krivuliak a volte riceve telefonate nelle prime ore del mattino da vittime che cercano conforto e aiuto. Senza cadere nella “ritraumatizzazione”, cercano di rendere le loro testimonianze utili per far avanzare le indagini sui crimini di guerra.