La “Trussonomics”: come cambierà la Gran Bretagna con Liz Truss

Cosa è la “Trussonomics”? Nelle prossime settimane, questo ‘termine’ sarà al primo posto nella mente di 170.000 membri del Partito conservatore mentre decideranno se nominare Liz Truss o Rishi Sunak il prossimo primo ministro.

Liz Truss
Liz Truss – Nanopress.it

Sebbene la narrazione popolare abbia il ministro degli Esteri e l’ex cancelliere che rappresentano i poli opposti della politica economica – Truss il taglialegna radicale, Sunak il cauto combattente contro l’inflazione – in realtà non sono così distanti, almeno in materia fiscale. Il fulcro del manifesto di Truss sono i 34 miliardi di sterline di tagli fiscali immediati.

La “Trussonomics” cambierà l’economia inglese in maniera significativa

Dice che questi potrebbero essere “pagati all’interno della dotazione fiscale esistente” – in altre parole, prendendo in prestito o esaurendo qualsiasi margine di manovra nelle finanze pubbliche. Sunak ha deriso le promesse di tagli fiscali non finanziati in un momento di inflazione vertiginosa come economia “da favola”.

Ma ha detto che ridurrà le tasse dopo aver “affrontato” il problema dell’aumento dei prezzi: al più presto il prossimo autunno, secondo i suoi calcoli. Come cancelliere ha disegnato a matita un taglio di 1 centesimo all’imposta sul reddito nel 2024. Quindi i grandi argomenti sono sui tempi e sul tono.

Truss vuole eliminare il previsto aumento dell’imposta sulle società da parte di Sunak, dal 19% al 25%, a un costo di 17 miliardi di sterline all’anno. Avrebbe invertito il suo aumento dell’assicurazione nazionale, costando 13 miliardi di sterline, e avrebbe speso 4,2 miliardi di sterline sollevando la tassa sull’energia verde sulle bollette dei consumatori per due anni, risparmiando alla famiglia media 153 sterline all’anno. Roger Bootle, presidente di Capital Economics, ha affermato che il totale di 34 miliardi di sterline era “il limite superiore di ciò che sarebbe accettabile” in termini di finanze pubbliche.

Ma i 30 miliardi di sterline di headroom identificati dall’Office for Budget Responsibility sono soggetti a previsioni altamente mutevoli, il che significa che Truss non può fare affidamento su di essa per pagare i suoi tagli. Potrebbe essere costretta a prendere in prestito di più e infrangere l’attuale regola fiscale del governo, secondo la quale il debito netto del settore pubblico deve diminuire in percentuale del PIL entro il 2024-25.Poi c’è il punto di alimentare l’inflazione.

Ci sono opinioni contrastanti su quanto i tagli alle tasse di Truss alimenterebbero ulteriori aumenti dei prezzi sullo sfondo di una crisi del costo della vita e di una disoccupazione molto bassa. Eppure anche gli economisti che la sostengono ammettono che probabilmente spingerebbero la Banca d’Inghilterra ad aumentare i tassi di interesse in modo più aggressivo. Patrick Minford, che ha difeso la Thatcher quando 364 economisti hanno scritto al Times denunciando il suo budget del 1981, ha affermato che il tasso potrebbe dover arrivare al 7% sotto un governo Truss, dall’1,25% attuale.

Ma ha sostenuto che una politica monetaria più restrittiva e una politica fiscale più accomodante – “una combinazione dei due strumenti, in cui la politica monetaria si occupa dell’inflazione e la politica fiscale agisce efficacemente come meccanismo di supporto per la produzione” – era lo scenario “ottimale”. “Questa idea che le persone hanno, che poiché ora abbiamo l’inflazione, tutto deve essere gettato all’inflazione, è semplicemente subottimale”, ha detto.Truss ha alzato le sopracciglia per aver affermato che non avrebbe tagliato la spesa pubblica nonostante la generosità fiscale.

Ci sarà una importante revisione della spesa

Ha detto che terrà una revisione della spesa, ma il suo team afferma che ciò avrebbe l’obiettivo di creare uno “stato più snello e tecnologicamente abilitato” e sbloccare “valore da una gestione efficiente dei beni del governo”, non imporre l’austerità. Truss, infatti, vuole aumentare la spesa per la difesa al 3 per cento del PIL, dal 2,1 per cento attuale. Quello 0,9 per cento in più del PIL vale 23 miliardi di sterline nel denaro di oggi.

Soldi
Sterline britanniche – Nanopress.it

Nessun economista serio crede che Truss sarebbe in grado di tagliare le tasse senza tagliare anche la spesa nel lungo periodo, anche se cambiasse le regole fiscali e distribuisse i prestiti del governo su un periodo più lungo.

L’Istituto per gli studi fiscali ha affermato la scorsa settimana che l’allentamento delle regole “potrebbe risolvere l’aritmetica per ora in senso stretto, ma alla fine, tasse più basse significano una spesa inferiore, qualunque cosa le regole fiscali autoimposte possano consentire a breve termine”. Truss crede che i suoi tagli alle tasse aumenterebbero la crescita.

La Old Lady di Threadneedle Street è stata oggetto di continui attacchi da parte di Truss per il suo mancato contenimento dell’inflazione. Truss ha suggerito di dare alla Banca centrale un obiettivo di offerta di moneta, utilizzato dalla Thatcher per affrontare l’inflazione a due cifre negli anni ’80 ma da tempo sostituito da un obiettivo di inflazione. Ha anche menzionato la Bank of Japan come possibile modello. Il Giappone aveva un tasso di inflazione di appena il 2,5% a maggio, ma ha subito una deflazione prolungata a causa della debole crescita economica e dell’invecchiamento della popolazione.

La sua banca ha cercato di combattere questo con enormi acquisti di asset e ha un bilancio che supera il PIL annuale del paese. Alcuni economisti temono che, insieme ai tagli fiscali non finanziati di Truss e ai vaghi piani di spesa, i tentativi di compromettere l’indipendenza della Banca potrebbero ulteriormente danneggiare la fiducia nella sterlina.

Ma Julian Jessop, ex capo economista dell’Institute of Economic Affairs, un think tank libertario che ha lavorato con Truss nel corso degli anni, ha detto: “Molte persone hanno sovrainterpretato [le sue parole] come un attacco all’indipendenza della Banca dell’Inghilterra. Penso che sia più solo una riflessione sul fatto che le cose non sono andate bene e forse è il momento di guardare di nuovo al mandato, o provare a capire se ci sono altre cose che potrebbero essere fatte meglio”.