La Roma licenzia Spalletti

Spalletti disperato dopo il pareggio con il Cagliari

La Roma ha comunicato ufficialmente che Luciano Spalletti non è più l’allenatore. Una notizia che era nell’aria da diverso tempo, ma che è stata resa pubblica alla fine del campionato, che ha visto i giallorossi piazzarsi al secondo posto e ottenere così il diritto a disputare la prossima Champions League. Secondo i rumors, dovrebbe essere il tecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco, il successore del toscano.

Questo il comunicato della Roma: “L’AS Roma comunica la fine del rapporto di lavoro tra il Club e l’allenatore Luciano Spalletti. La Società è attualmente impegnata nella nomina del nuovo tecnico. Vogliamo porgere i nostri più sentiti ringraziamenti a Luciano Spalletti per il grande lavoro svolto e per l’importante contributo dato al club sin dal suo ritorno”. Il presidente James Pallotta ha scritto ancora: “Sotto la sua guida in questa stagione, la squadra ha conquistato il maggior numero di punti e segnato più reti nella storia del club giallorosso. Auguriamo a Luciano il meglio per il futuro. Il club intende continuare il suo percorso di crescita e il nuovo allenatore condividerà i valori e la filosofia della società, contribuendo allo sviluppo dell’AS Roma”.

La Roma, con Luciano Spalletti, ha ottenuto 87 punti in classifica, a -4 dalla Juventus campione d’Italia. Un ottimo torneo, sicuramente, mentre il percorso nelle coppe non è stato così brillante: prima c’è stata l’eliminazione nel preliminare di Champions League contro il Porto, poi in Europa League contro il Lione. In Coppa Italia, al’altezza della semifinale, il percorso della Roma si è fermato nel derby con la Lazio.

Per Luciano Spalletti, nel suo anno e mezzo alla Roma, c’è stato anche il difficile rapporto con la stampa e con Francesco Totti. Il che gli ha messo contro pure la tifoseria. A quanto pare, il futuro di Luciano Spalletti sarà ancora in serie A. L’Inter lo aspetta e adesso, dopo che Lucho è libero dal rapporto con la formazione capitolina, potrà pensare senza remore a come riportare i nerazzurri nelle prime posizioni di classifica.

Parole di Alessandro Pignatelli

Alessandro Pignatelli è stato collaboratore di Nanopress dal 2016 al 2018, occupandosi principalmente di cronaca e sport.

Da non perdere