La riunione del G-20 potrebbe portare a divisioni sulla guerra in Ucraina

I ministri degli Esteri delle più grandi nazioni del mondo, anche in vista del G-20 del prossimo inverno, stanno cercando di affrontare la guerra in Ucraina e il suo impatto sull’energia globale e sulla sicurezza alimentare, quando si incontreranno in Indonesia questa settimana.

Sergey Lavrov
Sergey Lavrov – NanoPress.it

Tuttavia, invece di fornire unità, i colloqui potrebbero esacerbare le divisioni esistenti sul conflitto in Ucraina. Il segretario di Stato americano Antony Blinken, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il ministro degli Esteri cinese Wang Yi parteciperanno all’incontro del Gruppo dei 20 nella località indonesiana di Bali, che preparerà il terreno per un vertice dei leader del G-20 allo stesso sede nel mese di novembre.

Antony Blinken, Sergey Lavrov e Wang Yi si incontrano per preparare il G-20

Sarà la prima volta che Blinken e Lavrov si trovano nella stessa stanza, per non parlare della stessa città, da gennaio. Non ci sono indicazioni che i due si incontreranno separatamente, ma anche senza un faccia a faccia con Lavrov, Blinken potrebbe trovarsi in discussioni difficili. Il Dipartimento di Stato ha annunciato martedì che Blinken terrà colloqui separati con Wang in un momento in cui le già estremamente tese relazioni USA-Cina sono state peggiorate dai legami amichevoli di Pechino con Mosca.

E, a differenza dei recenti incontri a livello di leader con i partner della NATO e altri partner che la pensano allo stesso modo, Blinken si ritroverà tra i diplomatici di paesi diffidenti nei confronti dell’approccio degli Stati Uniti all’Ucraina e preoccupati per il suo impatto su di loro. Funzionari statunitensi affermano che, a parte Wang, Blinken avrà colloqui bilaterali a Bali con le controparti di paesi che non hanno visto negli occhi l’Occidente sull’invasione russa, in particolare l’India, che ha aumentato gli acquisti di petrolio russo anche se gli Stati Uniti e l’Europa hanno cercato di soffocare quel flusso di entrate per Mosca.

Nell’annunciare che Blinken avrebbe incontrato Wang a Bali, il Dipartimento di Stato ha avuto poco da dire sulla possibilità che vedesse Lavrov, che gli Stati Uniti hanno evitato dall’invasione dell’Ucraina a febbraio. Il dipartimento ha affermato che non ci sarebbe un incontro formale tra Blinken e Lavrov, che i funzionari statunitensi accusano di mancanza di serietà prima, durante e dopo l’invasione dell’Ucraina. “Vorremmo che i russi prendessero sul serio la diplomazia”, ​​ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

“Non l’abbiamo ancora visto. Vorremmo che i russi ci dessero una ragione per incontrarci su base bilaterale con loro, con il ministro degli Esteri Lavrov, ma l’unica cosa che abbiamo visto provenire da Mosca è stata più brutalità e aggressione contro il popolo e il Paese dell’Ucraina”. L’amministrazione Biden sostiene che non possono esserci “affari come al solito” con Mosca finché la guerra continua. Ma né Price né altri funzionari statunitensi potrebbero escludere la possibilità di un incontro casuale tra Blinken-Lavrov a Bali, che sarebbe stato il primo dall’ultima volta che si sono incontrati a Ginevra a gennaio.

India, Sud Africa e Brasile si sono opposti ad una netta presa di posizione contro la Russia

Price ha rifiutato di discutere quella che ha chiamato la “coreografia” del G-20. Come quasi tutti i recenti incontri diplomatici internazionali, l’incontro di Bali sarà oscurato dall’Ucraina. Ma a differenza dei vertici del G-7 e della NATO, dominati dall’Occidente, tenuti in Europa la scorsa settimana, il G-20 avrà un sapore diverso. La Cina e molti altri partecipanti, tra cui India, Sud Africa e Brasile, hanno resistito alla firma per l’opposizione a tutto campo degli Stati Uniti e dell’Europa all’invasione della Russia.

Antony Blinken
Antony Blinken – NanoPress.it

Alcuni hanno rifiutato apertamente le suppliche occidentali di unirsi alle condanne del conflitto, che gli Stati Uniti e i loro alleati vedono come un attacco all’ordine internazionale basato sulle regole che ha prevalso dalla fine della seconda guerra mondiale. Pertanto, potrebbe esserci difficoltà nel raggiungere un consenso del G-20 sugli sforzi per mitigare gli impatti alimentari ed energetici del conflitto in Ucraina, in particolare con Cina e Russia nella stanza. Ciò non impedirà agli Stati Uniti di provarci, secondo i funzionari americani.

Vogliono vedere il G-20 mettere il suo peso dietro un’iniziativa sostenuta dalle Nazioni Unite per liberare circa 20 milioni di tonnellate di grano ucraino per l’esportazione principalmente in Medio Oriente, Africa e Asia. “Vorremmo che il G-20 ritenesse la Russia responsabile e insistesse affinché sostenga questa iniziativa”, ha affermato Ramin Toloui, l’assistente segretario di Stato per gli affari economici e commerciali. Mentre una varietà di nazioni, inclusa l’Indonesia, ospite del G-20, stanno spingendo affinché la Russia allenti il ​​suo blocco nel Mar Nero per consentire al grano di entrare nel mercato globale, rimangono diffidenti nell’antagonizzare Mosca e i suoi amici a Pechino.

E quella divergenza ha posto le basi per una riunione preparatoria potenzialmente controversa in vista del vertice del G-20 di novembre tra le domande sulla partecipazione del presidente russo Vladimir Putin. Da Bali, Blinken si recherà a Bangkok, in Thailandia, per compensare un viaggio nella capitale thailandese che è stato costretto ad annullare alla fine dello scorso anno a causa del COVID-19. Oltre ai funzionari thailandesi, Blinken incontrerà i rifugiati fuggiti dalla violenza politica e dalla repressione in corso in Myanmar da quando un colpo di stato ha rovesciato un governo civile nel febbraio 2021.