La Germania riceverà molto meno gas russo in estate

Nonostante i dibattiti su un embargo totale, la Russia è ancora uno dei più importanti fornitori di gas naturale della Germania.

North Stream 1
North Stream 1 – NnoPress.it

Ma il capo dell’agenzia della rete del gas tedesco, ora avverte: in estate, questi flussi di gas probabilmente a volte si prosciugheranno in larga misura. Le consegne di gas naturale dalla Russia alla Germania e all’Europa occidentale probabilmente diminuiranno drasticamente in estate.

La Germania ‘dipende’ troppo dalla Russia per il Gas

Lo ha annunciato oggi il capo della Federal Network Agency, Klaus Müller. “North Stream 1 (che significa il gasdotto del Mar Baltico Nord Stream 1, ndr) sarà utilizzato tutto in estate, quindi probabilmente non ci sarà alcun deposito per l’inverno”, ha twittato Müller in risposta a un articolo sulle importazioni di gas ancora elevate dalla Russia. E poi c’è il fatto che il Nord Stream dovrà essere sottoposto ad una revisione accurata.

Ciò rende più difficile per gli europei riempire i serbatoi di stoccaggio del gas almeno fino all’80% o, come in Germania, anche al 90% prima dell’inverno. I serbatoi dell’UE sono attualmente pieni in media del 51%, in Germania sono poche punti percentuali in più. Più di recente, il riempimento del serbatoio di gas è stato del 53%, che è migliore rispetto agli anni precedenti, ma non ancora abbastanza“, ha twittato Müller.

La Russia è ancora una delle principali fonti di gas per gli europei, con circa 1,6 miliardi di metri cubi a settimana, che corrispondono a circa un quinto di tutte le importazioni dell’UE. E il Nord Stream 1 è attualmente di gran lunga il gasdotto più importante per l’approvvigionamento di gas russo in Occidente. Secondo un’analisi del think tank di Bruxelles Bruegel, il monopolista di Stato Gazprom ha recentemente inviato attraverso questa linea un buon 70 per cento dell’intero volume destinato all’Europa: circa 1,2 miliardi di metri cubi a settimana.

Quanto gas ci sarà il prossimo inverno?

Per fare un confronto: la Germania consuma circa 1,6 miliardi di metri cubi in una settimana media, ma significativamente meno in estate. La “manutenzione” è una manovra del Cremlino? Non è chiaro se l’oleodotto del Mar Baltico sarà rimesso o meno in funzione durante la stagione invernale. Addetti al mercato del gas considerano possibile anche una manovra tattica del Cremlino.

Un pezzo del North Stream 1
Un pezzo del North Stream 1 – NanoPress.it

Perché meno i serbatoi di stoccaggio europei vengono riempiti in inverno, più dipenderanno dal gas russo. E maggiore è il timore di strozzature sui mercati del gas, più alti aumenteranno i prezzi. Sul mercato all’ingrosso europeo di riferimento TTF, un megawattora in consegna tra le 8 e le 10 a giugno è salito di prezzo da 81,25 a 83,90 euro. Tuttavia, il prezzo è ancora lontano dai livelli record di inizio marzo, quando un megawattora costava a volte 300 euro.

È anche discutibile se altri fornitori possano intervenire e compensare le consegne brevi. Più recentemente, secondo Bruegel, gli europei hanno importato la maggior parte del gas tramite autocisterne: sotto forma di gas naturale liquefatto (GNL). Il secondo fornitore più importante è stata la Norvegia.

Non è ancora noto quanto tempo impiegheranno i lavori di manutenzione, che comunque servono al gasdotto. Il capo della Federal Network Agency Müller ha annunciato lunedì mattina tardi che la manutenzione richiede solitamente circa due settimane.