La Francia rimpatria bambini e donne dai campi di detenzione jihadisti

In Francia il governo punta a un cambiamento nella sua politica ammettendo un primo volo di 51 minori e delle loro madri dal centro di Al Roj, in Siria.

Macron
Macron – NanoPress.it

La chiamata attesa per tanti anni non è arrivata nemmeno questo 5 luglio. Quel giorno, di buon mattino, due aerei noleggiati dal governo francese sono atterrati a Parigi con 51 dei suoi cittadini rimpatriati dal campo di detenzione jihadista di Al Roj in Siria; 16 donne e 35 bambini. Il cuore di Marc e Suzanne Lopez ha battuto più forte quando hanno sentito che i voli erano arrivati.

La Francia fa i conti con lo jihadismo

Suo figlio Léonard si è unito allo Stato Islamico (ISIS) in Siria nel 2015 e questi due insegnanti in pensione stavano aspettando sull’aereo i loro quattro nipoti che sono rimasti intrappolati nell’inferno jihadista. Ma il telefono non squilla. I piccoli non erano nella lista del primo rimpatrio di massa che la Francia ha effettuato dalla caduta dell’ultima roccaforte siriana dell’Isis nel 2019.

I Lopez, però, oggi sono più speranzosi che mai. Un profondo cambiamento sembra essere avvenuto nel governo francese e i parenti dei minori ancora intrappolati in Siria sono fiduciosi che sia già iniziato il conto alla rovescia finale per il rientro di tutti i bambini francesi nel loro Paese.

“È un cambiamento totale”, celebra Marc Lopez in una conversazione telefonica. Finora, la Francia ha mantenuto la dottrina del “caso per caso”, che prevedeva il rimpatrio solo dei bambini dai campi di detenzione, e solo se erano orfani, minori non accompagnati o le loro madri, accettavano di restituirli da soli. Almeno dal 2019, Parigi non aveva restituito adulti, considerando che avrebbero dovuto essere processati sul posto.

L’annuncio della prima massiccia operazione di rimpatrio con adulti all’inizio del mese è un chiaro segnale che “non ci sono più ostacoli a un rimpatrio globale”, concorda Vincent Brengarth, avvocato di Margaux Dubreuil, altra donna francese anche lei ancora in Siria con i suoi tre figli. Almeno altri 150 minori di nazionalità francese e fino a un centinaio di donne continuano a vivere in condizioni molto precarie nei campi siriani presidiati dalle forze curde.

Nessuno nel governo ha finora confermato pubblicamente che l’approccio “caso per caso” che ancora difendeva con le unghie e con i denti all’inizio dell’anno è stato abbandonato. Anche il deputato ambientalista Hubert Julien-Laferrière, che sostiene il rimpatrio dei minori, non crede che lo farà. «Il governo cerca di comunicare il minimo, sappiamo tutti che la politica caso per caso non è sostenuta, ma l’opinione pubblica ha paura, questo caso è terrificante», dice.

Ricordiamo che, nel 2019, lo stesso presidente, Emmanuel Macron, ha categoricamente smentito che fosse in corso una massiccia operazione di rimpatrio, come avevano riportato nei minimi dettagli vari media. La sua smentita è arrivata dopo che un sondaggio ha rivelato che oltre l’80% dei francesi era contrario e che fino al 67% preferiva che anche i minori rimanessero in Iraq o in Siria.

Nel 2019 Macron aveva categoricamente smentito che fosse in corso una massiccia operazione di rimpatrio

I tempi, però, sono cambiati. Julien-Laferrière si riconosce “sorpreso” dal fatto che il rimpatrio del 5 luglio non abbia fatto rumore in un’Assemblea nazionale dove l’opposizione è più forte che mai. Né c’è stato scalpore in un’opinione pubblica in evoluzione: un anno fa, un centinaio di personalità hanno firmato un forum su Le Monde esortando il governo a “rimpatriare immediatamente quei bambini francesi che, vittime di trattamenti disumani e degradanti, muoiono lentamente in i campi siriani.

Combattenti Isis
Combattenti Isis – NanoPress.it

È stato il primo appello della società civile francese “su un argomento tabù sia nell’opinione pubblica che all’interno del governo”, afferma il quotidiano. Dopo il rimpatrio, il segretario di Stato per l’infanzia, Charlotte Caubel, ha dichiarato che i figli degli jihadisti “non sono responsabili degli atti commessi dai genitori” e devono “essere trattati anche come vittime”. Anche alcune associazioni di vittime del terrorismo, ha sottolineato, ne hanno chiesto il rimpatrio.

Alla domanda diretta se è la fine del “caso per caso”, ha evitato di dare un sonoro sì, ma ha indicato che il rimpatrio “35 bambini non è caso per caso”.Il governo inoltre non ha spiegato perché si possa fare ora e non prima. Un’operazione così complicata richiede tempo per essere pianificata ed è chiaro che il provvedimento del 5 luglio era stato deciso da mesi. Ma si è svolto solo una volta trascorso il ciclo elettorale delle elezioni presidenziali e legislative e quando era già in corso il nuovo governo della premier Élisabeth Borne.

Ha anche visibilmente atteso che si concludesse a fine giugno il lungo processo per gli attentati di Parigi del 13 novembre 2015, che è servito a chiudere le ferite e dimostrare che la Francia è capace di giudicare i terroristi jihadisti. Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, è stato attento a garantire che siano stati forniti “mezzi supplementari molto importanti” per garantire che l’arrivo dei rimpatriati non costituisca un problema di sicurezza.

Le 16 donne sono già state accusate di associazione terroristica e sono in detenzione preventiva in attesa di processo, così come una delle minori, che ha raggiunto la maggiore età poco dopo il ritorno e che era sospettata di essere radicalizzata. L’avvocato Brengarth ricorda un altro motivo del cambio di rotta: la “pressione” legale che la Francia ha subito per essersi rifiutata di portare i minori.

Solo la Spagna, che pure non ha rimpatriato i 17 bambini spagnoli che sono ancora in Siria insieme a tre donne spagnole (e una marocchina con figli spagnoli) e il Regno Unito, che ha almeno trenta figli in Siria, hanno condiviso la politica di Parigi. Organismi nazionali come la Commissione nazionale per i diritti umani o l’Ombudsman lo hanno criticato e paesi come la Germania o il Belgio hanno accelerato i rimpatri negli ultimi tempi.

A febbraio, il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia ha accusato la Francia di “aver violato i diritti dei bambini francesi detenuti in Siria non rimpatriandoli”. Gli avvocati delle famiglie hanno portato il caso alla Corte europea dei diritti dell’uomo a Strasburgo nel 2021, la cui sentenza è pendente.