La Corta Suprema e la deriva reazionaria negli USA

La Corte Suprema degli USA, istituita da Trump emette un avviso inquietante sul futuro con una serie di sentenze regressive.

Corte Suprema USA
Corte Suprema USA – NanoPress.it

La decisione di eliminare il diritto all’aborto negli Stati Uniti dopo mezzo secolo, una sentenza che porta al caos e alla disuguaglianza nella salute riproduttiva, è in tutta la sua gravità solo un’altra in un modello di comportamento dell’attuale Corte Suprema, che fa presagire un futuro oscuro.

Le decisione della Corte Suprema fanno tornare indietro gli USA di 50 anni

A giugno, l’arbitro costituzionale si è pronunciato contro l’autorità dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente di imporre limiti di emissione agli Stati, il che indebolisce gravemente qualsiasi obiettivo climatico della Casa Bianca. Ha anche stabilito che tutti gli americani hanno il diritto di portare armi per strada e non può essere imposta una licenza speciale.

In altre due frasi ha utilizzato argomenti che offuscano la separazione tra religione e sfera pubblica. Tutte queste decisioni sono state prese da una nuova e aggressiva maggioranza conservatrice di sei giudici nominati da presidenti repubblicani contro tre nominati da democratici. I primi punti all’ordine del giorno della prossima sessione sono inquietanti. La corte esaminerà un caso che potrebbe annullare le leggi antidiscriminazione LGBT.

Un altro caso contesta la discriminazione positiva delle minoranze razziali all’accesso all’università. La cosa più importante sarà verificare se un legislatore statale ha l’ultima parola nell’imporre regole elettorali. Ciò avviene in un momento in cui le maggioranze repubblicane in diversi stati, intrappolate nella spirale trumpista del nichilismo elettorale, intendono usare il potere per condizionare le elezioni a loro favore, o addirittura invertire i risultati elettorali, come ha affermato improvvisamente l’ex presidente durante il suo tentativo.

La democrazia stessa è sotto assedio nel quadro di questa deriva reazionaria

Funzionari democratici e simpatizzanti hanno la legittima sensazione che la democrazia stessa sia sotto assedio nel quadro di questa deriva reazionaria. Uno squilibrio così pronunciato nell’interprete della Costituzione è un’anomalia storica. I democratici hanno vinto sette delle ultime otto elezioni presidenziali per numero di voti. Donald Trump, che ha ottenuto tre milioni di voti in meno del rivale, ha potuto nominare tre magistrati: tutti e tre hanno meno di 60 anni e la carica è a vita.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

Uno di loro doveva essere stato nominato da Barack Obama. Mitch McConnell, leader repubblicano al Senato e autore di quel furto istituzionale, riconosce che bloccare il rinnovo di quella carica è stata “la decisione più importante” di tutta la sua carriera politica.Ci vorranno molti anni per correggere la rotta con i voti. Ecco perché i Democratici iniziano a pensare ad altre opzioni: eliminare le ultime regole che bloccano le minoranze al Senato per approvare le leggi federali in tutti questi aspetti e ampliare il numero dei magistrati in tribunale per stemperare la maggioranza conservatrice.

La responsabilità di farlo appartiene a un uomo, Joe Biden, che ha fatto la sua carriera come creatore di consenso ed è un devoto dell’istituzionalità. Ma deve urgentemente sciogliere le pressioni del suo partito e di una società allarmata per la deriva di una Corte suprema a maggioranza artificiale che rischia di far saltare in aria il proprio status di custode della Costituzione di fronte agli eccessi politici.