Kherson: “Serve molto più artiglieria per un’offensiva contro i russi”

I soldati nelle zone di combattimento del fronte meridionale di Kherson assicurano che il futuro della guerra dipende dagli alleati che forniscono più armi all’Ucraina.

Zelensky Ucraina
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

Tra i desideri di un leader politico e la realtà di solito c’è molta strada, ma quando si parla di guerra la distanza può essere abissale. Volodymyr Zelensky, presidente dell’Ucraina, ha confermato il 23 luglio che la campagna per il recupero dei territori nel sud del Paese invaso dalla Russia era già in corso.

Zelensky vuole una controffensiva contro la città di Kherson

Zelensky si riferiva alla prevista controffensiva contro la città di Kherson, sulla costa del Mar Nero, caduta nelle mani dei russi all’inizio dell’invasione e che rappresenta la peggiore sconfitta strategica per l’Ucraina in questa guerra. Tuttavia, le unità militari intervistate sul fronte avvertono che questo obiettivo è tutt’altro che possibile senza prima moltiplicare la fornitura di armi e il numero di soldati qualificati.

La polvere filtra da ogni poro della pelle degli uomini della 17a Brigata Corazzata ucraina, sul fronte tra le regioni di Dnipro e Kherson. Anche quando si soffiano il naso, il pezzo di carta che usano diventa nero. Vladislav Tuzuritza, che i suoi compagni chiamano Il georgiano, è un artigliere di un “Rapira”, un cannone anticarro sovietico da 100 millimetri. Di giorno giace su un materasso sotto gli alberi; di notte, quando l’invasore fa esplodere le sue posizioni con l’artiglieria, dorme in trincea.

Vivono vicino al canyon, riforniti di pile di bottiglie d’acqua, sacchi di cipolle, sacchi di patate e lattine di detersivo per bucato. Non sono stati in grado di avvicinarsi alle linee russe per troppe settimane, dice. La cosa normale è che ucraini e russi sono a tre o quattro chilometri di distanza. In questo settore del fronte, vicino al villaggio di Kochubeivka, sono separati da 12 chilometri. Non possono nemmeno sparare per paura di essere identificati dai droni russi. “Il mio problema principale sono i droni”, conferma Tuzuritza.

Il georgiano si riferisce a velivoli senza pilota che rendono facile per i cannonieri correggere la posizione del loro bersaglio. “Nelle ultime due settimane abbiamo abbattuto due droni russi a questo punto sul fronte. Abbattivamo sei droni al giorno”. Chi fornisce questo esempio è Andrei Lahouvka, tenente di brigata. Debole e di bassa statura, contrasta con il comportamento temprato dalla battaglia e segnato dalle intemperie dei suoi subordinati.

“Non ti confondere”, dice Tuzuritza, “abbiamo passato due settimane cercando di eliminare un cecchino russo. E sai chi l’ha trovato? Il tenente”. Zelensky ha annunciato che per completare la controffensiva, le forze armate devono aumentare il numero di truppe a un milione: attualmente ci sono circa 750.000 uomini coinvolti in azioni di difesa, secondo un conteggio del Center for Eastern Studies di Varsavia.

La priorità è migliorare la comunicazione tra i diversi rami dell’esercito e migliorare l’addestramento dei soldati

Taranenko ritiene che prima di aumentare la fanteria, sia una priorità migliorare la comunicazione tra i diversi rami dell’esercito e, soprattutto, migliorare l’addestramento dei soldati. “Non importa se sono un milione o dieci milioni se non sono ben preparati”, dice Shatalov. “Sto già dando il cambio ai miei soldati con riservisti e volontari, e posso dire che è molto difficile sostituire un soldato normale. E per attaccare, più che difendere, è fondamentale allenarsi”, aggiunge.

Putin decreto
Putin firma il decreto per la cittadinanza semplificata – Nanopress.it

Alexander Yakorenko ha 48 anni ed è al fronte da cinque mesi. Non è stato un giorno di servizio lontano dalla guerra. Il battaglione non può permetterselo, ora è prioritario il soccorso dei feriti. Yakorenko riposa per un momento su un divano nell’area della reception del sanatorio trasformato in caserma.

Venti minuti prima, lo stava facendo in una trincea. “Il nostro ordine è di far uscire di lì i russi, li abbiamo a due chilometri di distanza, ma senza armi continueremo a stare in trincea”, spiega quest’uomo di quasi due metri dallo sguardo affabile. “Con i droni che vagano liberamente, i russi sono più efficaci negli attacchi. Se avessimo artiglieria, droni e batterie antiaeree migliori, li espelleremmo velocemente”.

Shatalov, il suo comandante, assicura che l’arrivo sulla scena dei multilanciatori missilistici a lungo raggio Himar, forniti dagli Stati Uniti, è stato notato perché stanno interrompendo la filiera russa, soprattutto distruggendo i principali arsenali. “Ci sono notti in cui c’è silenzio, e questo è a causa dell’Himar.” Intanto, secondo le fonti consultate dal 98° Battaglione Tattico, i russi stanno migliorando il loro trinceramento e stanno estraendo di tutto, dai campi coltivati ​​agli edifici, anche con armi proibite, secondo i trattati internazionali, dicono.