Jesolo: 15enne stuprata in spiaggia, è caccia all'uomo

JESOLO

Stuprata in spiaggia a Jesolo: l’angoscioso racconto è stato fatto da una 15enne friulana in vacanza insieme alla famiglia nella nota località balneare del Veneto. Dopo una serata trascorsa per locali, la ragazzina, che era in giro con amiche e amici, avrebbe accettato l’invito sulla spiaggia da parte di un uomo conosciuto poco prima. Proprio sull’arenile sarebbe avvenuta la violenza sessuale. L’aggressore è poi fuggito, facendo perdere le sue tracce. Ed è caccia all’uomo.

Sul posto sono intervenuti gli uomini della polizia, che hanno soccorso la ragazza portandola in ospedale dopo essere stata allertata dagli amici che, a fine serata, non vedendo tornare l’amica, l’hanno cercata e trovata sulla spiaggia che piangeva.

La Procura dei Minori ha aperto un fascicolo in base alla denuncia dei familiari della giovane. Il sindaco di Jesolo, Valerio Zoggia, ha dichiarato al Corriere: “Servirebbero pene più severe come reale deterrente“ per contrastare le azioni criminali.

La 15enne ha raccontato di essere stata stuprata, di essere stata costretta a un rapporto sessuale che non voleva da quel giovane che aveva conosciuto poco prima. La polizia è a caccia dello stupratore e sta indagando per identificarlo. Pare si tratti di un giovane straniero.

Jesolo è una meta estiva molto frequentata non solo da turisti veneziani o provenienti da altre regioni italiane, ma anche da villeggianti russi, tedeschi e austriaci.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere