Italia vs Irlanda Euro 2016: il bar sport su Facebook e Twitter

Spot pro brexit

Spot pro brexit

L’Irlanda batte l’Italia 1-0 nell’ultimo e ininfluente match dei gironi eliminatori di EURO 2016 e si scatenano i commenti sui social network come Facebook e Twitter su questo match piuttosto deludente degli azzurri di Conte. La formazione, ampiamente rimaneggiata, ha visto scendere in campo tante seconde punte, che hanno avuto così modo di dimostrare il loro valore. Il risultato non è stato un granché per una partita noiosa e priva di grandi spunti. Peggio ancora, Andrea Barzagli è stato ammonito e anche lui entra nei diffidati. Qui sopra un divertente tweet di Spinoza che ironizza sul fatto che tutte le compagini britanniche sono passate – Inghilterra, Galles, Nord Irlanda e Irlanda – quasi uno spottone per rimanere tutti in Europa. E c’è chi pensa che venga ripescata addirittura anche la Scozia. Vediamo tutte le foto e i commenti più divertenti.

Visto che il match non prometteva niente di buono, poco spettacolo e quasi nessuna occasione da gol, ci si è subito concentrati sui tifosi sugli spalti. Ad esempio questo bell’omino il cui viso un paio di bicchieri di vino e il tiepido sole francese hanno colorato di un rosso vivo.

Abbronzatura irlandesi

La partita è stata davvero noiosa, inutile negarlo e così c’è chi trova divertenti parallelismi con le interminabile sgroppate per raggiungere appena la metà del campo nei manga giapponesi.

Lentezza match

Guarda un po’ chi c’è in panchina? Proprio Roy Keane, uno dei giocatori più cattivi di tutti i tempi. Che, ultimamente, non sembra così attento al proprio look visto che mostra una barba bianca e incolta e stile un po’ trasandato.

Roy Keane

E mentre tutti applaudono alla performance di Insigne, autore di un bel tiro stampato sul palo, ci si strugge per l’ammonizione di Barzagli, che sarà costretto a giocare con meno tranquillità contro la Spagna: molti criticano la scelta di Conte di averlo fatto giocare in questo match non così utile.

Ammonizioni

Parole di Diego Barbera

Da non perdere