Iran: le donne in esilio chiedono sostegno internazionale

Iran: le ONG iraniane portano a 31 il numero delle vittime nelle manifestazioni dopo la morte della giovane che indossava il velo fuori posto, mentre la televisione ufficiale riduce il numero a 17.

Ali Khamenei
Ali Khamenei – NanoPress.it

Questo venerdì segna una settimana dall’inizio delle proteste per la morte della giovane Mahsa Amini quando era sotto la custodia della polizia morale di Teheran, che l’ha arrestata per aver indossato il velo sbagliato. Le autorità hanno affermato che è morto per un infarto, descrivendo la sua morte come uno “sfortunato incidente”. E nonostante abbiano assicurato che sulla morte si indagherà, non è bastato a calmare i manifestanti, che denunciano che la donna è morta dopo aver ricevuto colpi alla testa.

“Se nessuno ci aiuta, ci uccideranno davanti al silenzio del mondo”

Secondo un conteggio di Iran Human Rights, ONG con sede a Oslo, il numero dei civili uccisi durante la repressione delle proteste ammonta a 31. La televisione di stato IRIB abbassa questa cifra a 17, mentre altri canali semiufficiali parlano anche di decine di feriti nelle forze di sicurezza e almeno cinque deceduti.

L’ultimo dei morti sarebbe un membro della milizia paramilitare Basij “subordinato alla Guardia Rivoluzionaria”, che sarebbe stato accoltellato. Jina, che chiede di nascondere il suo vero nome, ammette che la morte di Amini è stata per lei uno “shock”, nonostante fosse abituata “al regime islamico che uccide innocenti”.

“Le donne subiscono molta pressione in Iran, ci costringono a non essere noi stesse, fin dall’infanzia, da quando abbiamo iniziato ad andare a scuola. Ma arriva il momento in cui devi dire basta”, dice. Le proteste sono iniziate dopo il funerale di Amini, nella natia Saqqez, nella provincia del Kurdistan iraniano.

Ma si sono diffusi in cinquanta città del paese e hanno acquisito intensità con l’aumento della repressione, alimentando a sua volta la rabbia dei manifestanti. Nella notte da mercoledì a giovedì sono state attaccate diverse stazioni di polizia; le auto della polizia sono state bruciate; furono bruciati anche i ritratti di personalità di spicco del regime; e le critiche contro Ali Khamenei, il leader supremo iraniano, si sono intensificate. 

Immagini pubblicate sui social network hanno mostrato donne in Iran che manifestano senza il velo obbligatorio con cui le autorità le costringono a coprirsi i capelli; dare fuoco a questo indumento; e persino tagliare ciocche di capelli. La stessa cosa è accaduta nelle manifestazioni di solidarietà che sono state indette in diverse città dove è presente l’esilio iraniano, come in Turchia.

Mercoledì, l’attivista iraniana Nasibe Shamshaei si è tagliata una ciocca di capelli fuori dai cancelli del Consolato della Repubblica Islamica a Istanbul. “Mi sono tagliato i capelli con rabbia, in segno di protesta contro il governo dei tiranni. Distruggiamo una parte del nostro corpo – la parte per la quale il governo ci opprime – a mani nude.

È un gesto di rabbia, di liberazione dall’oppressione, di solidarietà con i miei compatrioti: gli uomini e le donne che protestano per le strade e quelli che sparano”, spiega. Amnesty International ha denunciato la “repressione brutale” e l’uso di “pallottole, pallini d’acciaio, gas lacrimogeni e cannoni ad acqua” per reprimere le proteste. Alcuni attivisti iraniani hanno anche denunciato l’uso di armi da fuoco.

In Iran la Guardia Rivoluzionaria ha bollato il movimento di protesta come “sedizione”

Da parte sua, la potente Guardia Rivoluzionaria ha bollato il movimento di protesta come “sedizione” e agisce “organizzato dal nemico”. Inoltre, ha chiesto alla magistratura di perseguire coloro che “diffondono voci e bugie” sui social network e nelle strade, secondo l’agenzia di stampa Efe.

Il caos per le strade di Teheran
Il caos per le strade di Teheran – Nanopress.it

Inoltre, le autorità hanno invitato la popolazione a manifestare questo venerdì, giorno sacro e festivo musulmano in Iran, per mostrare il loro rifiuto di coloro che protestano e il loro sostegno alle rigide politiche del regime degli Ayatollah riguardo all’abbigliamento femminile. “Per 43 anni, le nostre donne hanno resistito all’oscurità, allo sfruttamento e all’oppressione di questo sistema misogino.

Come donne, dobbiamo essere in grado di far sentire la voce degli oppressi nel mondo e sostenerli”, chiede l’attivista Shamshaei, in una denuncia per la necessità che le proteste contro il governo iraniano si diffondano in tutto il mondo. la lotta visibile. Attivisti iraniani all’estero hanno condiviso messaggi simili chiedendo sostegno.

Nel frattempo, il regime iraniano ha rallentato la velocità di Internet e limitato l’accesso ai social network e ai sistemi di messaggistica, come WhatsApp e Instagram, entrambi ampiamente utilizzati perché altri come YouTube, Facebook, Telegram, ecc., sono stati recentemente bloccati anni Twitter e TikTok.

Nonostante la situazione in Iran sia molto più complicata, le proteste in Turchia non sono prive di pericoli: “Abbiamo paura”, dice Jina, “possano ucciderci o rapirci qui in Turchia o in qualsiasi parte del mondo. È già successo ad altri iraniani”.

Le manifestazioni degli ultimi giorni sono tra le più importanti in Iran da quando il Paese ha vissuto tra il 2018 e il 2019, causate dall’aumento del prezzo della benzina nel pieno della crisi economica. Poi, le proteste, che si sono estese in un centinaio di città, sono state severamente represse, provocando tra i 200 ei 300 morti, secondo vari conteggi. “Questa volta è diverso. Tutto è iniziato con la protesta di una giovane donna innocente che è diventata un simbolo”, afferma il giornalista iraniano Ashkan Shabani. “In altre occasioni le persone non erano così unite”.