L’Iran indaga sulla morte del comandante della Guardia Rivoluzionaria

In Iran la morte del colonnello Ali Ismailzadeh arriva due settimane dopo l’uccisione di un altro comandante dell’IRGC, e quindi le autorità del Paese hanno deciso di intervenire.

Ebrahim Raisi
Ebrahim Raisi – NanoPress.it

Le autorità iraniane venerdì hanno avviato un’indagine su quella che hanno definito la morte sospetta di un comandante del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche nella sua casa vicino a Teheran, hanno detto funzionari iraniani, due settimane dopo che un altro membro delle guardie è stato colpito a morte per strada.

In Iran due ‘morti sospette’ di alti militari

Il colonnello Ali Ismailzadeh era un membro della Quds Force, un’unità di guardie d’élite responsabile delle operazioni estere, secondo gli account dei social media affiliati. Uno di loro, Sabreen News, ha affermato che il colonnello Ismailzadeh era un “difensore del santuario”, un termine generico usato dai media iraniani per descrivere i soldati del paese che combattono in Iraq e in Siria.

“Un membro dell’IRGC ha perso la vita a casa sua in un incidente; quindi, le autorità competenti stanno indagando sulla causa dell’incidente”, ha affermato IRNA, l’agenzia di stampa ufficiale statale. Come è risaputo i rapporti tra Iran e Israele sono pessimi, quindi molti rappresentanti dell’intelligence iraniana stanno indagando su un eventuale responsabilità israeliana in queste morti.

La morte del colonnello Ismailzadeh è avvenuta due settimane dopo che il colonnello Hassan Sayyad Khodaei, anche lui comandante della Forza Quds, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da due motociclisti fuori dalla sua casa nella capitale iraniana, un’operazione che l’Iran sospetta sia stata eseguita da Israele.

Il sospettato principale delle morti è Israele

Israele non ha commentato l’omicidio. Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha giurato vendetta per l’omicidio del colonnello Khodaei. Il colonnello Khodaei ha guidato gli sforzi del gruppo per assassinare gli oppositori dell’Iran in tutto il mondo, compresi i recenti complotti falliti per uccidere un diplomatico israeliano, un generale americano e un intellettuale francese, ha riferito il Wall Street Journal, citando persone che hanno familiarità con la questione.

Hassan Sayyad Khodaei
Hassan Sayyad Khodaei – NanoPress.it

Ci sono state notizie contrastanti sulle modalità della morte del colonnello Ismailzadeh. Secondo gli account dei social media affiliati a Quds Force, è morto cadendo dal suo balcone in un sobborgo di Teheran. Un altro mezzo di informazione vicino alla Forza Quds, Ammariyon, inizialmente ha riferito che il colonnello è stato assassinato poco prima che lui tentasse il suicidio.

Le autorità iraniane hanno negato che il colonnello Ismailzadeh sia stato assassinato. Ma le notizie si susseguono e i sospetti su coinvolgimenti di paesi stranieri prendono sempre più corpo.