L’India (non) sta risolvendo il problema delle caste

L’India ha cercato di sradicare il suo sistema di caste altamente discriminatorio per 90 anni, ma nonostante ciò lo stato del Bihar sta portando avanti un censimento, che secondo i critici rafforzerà le linee di classe.

Popolazione indiana
Popolazione indiana – NanoPress.it

Lo stato ha deciso di porre ai suoi stimati 120 milioni di cittadini la domanda che è vietata ormai da anni nella società indiana: a quale casta appartieni? Entro febbraio, lo stato conoscerà l’esatta casta e la composizione socioeconomica della sua popolazione, e baserà le sue politiche sul quadro che emergerà.

India: dopo 90 anni nel Bihar un censimento sulle caste

L’ultima casta dell’India, al contrario della popolazione, è stata censita nel 1931 quando faceva ancora parte dell’Impero britannico. La sua popolazione si attestava allora a circa 350 milioni. Ora sono oltre 1,2 miliardi e nessuno sa come la crescita della popolazione abbia influito sul sistema delle caste.

La decisione del Bihar è controversa. Gli indiani sono suddivisi in due campi sulla necessità – e sulla curiosità socio-economica – di tenere un censimento delle caste. Quelli contrari si chiedono: che senso ha aver cercato di costruire uno stato nazione moderno, in cui gli indiani si considerino cittadini alla pari, piuttosto che membri della gerarchia delle caste indù con tutti i relativi pregiudizi?

In questa prospettiva, un censimento rafforzerà le identità di casta quando invece, secondo la stragrande maggioranza dei politici e degli studiosi è necessario dissolverle. I favorevoli, come il primo ministro del Bihar Nitish Kumar, credono che l’India debba sapere come stanno andando le varie caste.

La politica di azione propositiva dell’India, in vigore da decenni, aveva lo scopo di aiutare a sollevare le caste oppresse da secoli, dando loro una percentuale garantita di posti universitari e posti di lavoro governativi.

Indù
Indù – NanoPress.it

Un censimento delle caste, che includerà i dettagli sul reddito, rivelerà se la politica ha funzionato e come deve essere modificata così tanti anni dopo l’inizio. Ad esempio, se alcuni Dalit (precedentemente noti come “intoccabili”) sono cresciuti socialmente ed economicamente, allora forse non dovrebbero più essere considerati socialmente deboli, e quindi gli incentivi economici dovrebbero essere invece offerti ai più bisognosi.

Nel corso degli anni, c’è stata una certa riduzione nella coscienza di casta degli indiani e la discriminazione diretta alle caste più basse. Tuttavia, la casta persiste in misura sorprendente. Rimane, censimento o non censimento, il fattore principale che determina la qualità della vita e il posto di un indiano nella società. Parsa Venkateshar Rao Jr, un analista politico, si è detto ambivalente sulla decisione “problematica” del Bihar.

“Capisco chi dice che è regressivo. Hanno ragione. Ma è anche vero che le identità di casta esistono da secoli come identità culturale e, quindi, non ha senso ignorarle e fingere che non esistano”.