In Mali gli jihadisti ‘predicano’ la Sharia col fuoco dei mitra

Quasi 100 jihadisti in moto si sono radunati in un villaggio nel centro del Mali la scorsa settimana, ed hanno cominciato a sparare all’impazzata e fare una carneficina.

Rgazzzo ferito in Mali
Rgazzzo ferito in Mali – NanoPress.it

Un accordo di pace firmato l’anno scorso tra alcuni gruppi armati, e la comunità nell’area di Bankass, aveva ampiamente tenuto, anche se a volte gli uomini armati entravano in città per predicare la Sharia agli abitanti del villaggio, naturalmente con la forza.

In Mali dopo un solo un anno gli jihadisti ricominciano a sparare

Ma in questa domenica di giugno tutto è cambiato: gli jihadisti hanno iniziato a uccidere persone. “Hanno cominciato con un vecchio di circa 100 anni… poi i rumori delle armi hanno cominciato ad intensificarsi intorno a me, e poi ad un certo momento ho sentito un proiettile fischiare dietro il mio orecchio.

Ho sentito la terra girare, ho perso conoscenza e sono caduto a terra”, ha detto al telefono Tolofidie, un agricoltore di 28 anni all’Associated Press nella città di Mopti, dove stava ricevendo cure mediche.

“Quando mi sono svegliato era buio, verso mezzanotte. C’erano corpi di altre persone sopra di me. Ho sentito l’odore del sangue e delle cose bruciate e ho sentito i suoni di alcune persone che ancora gemevano“, ha detto.

Almeno 132 persone sono state uccise in diversi villaggi nell’area di Bankass, nel Mali centrale, durante due giorni di attacchi lo scorso fine settimana, secondo il governo, che accusa il Gruppo di sostenere l’Islam e i ribelli jihadisti musulmani legati ad al-Qaeda.

L’attacco – il più mortale da quando i soldati ribelli hanno rovesciato il presidente Ibrahim Boubacar Keita due anni fa – mostra che la violenza dell’estremismo islamico si sta diffondendo dal nord del Mali alle aree più centrali, hanno affermato gli analisti.

Il paese tormentato dal conflitto

Il paese tormentato dal conflitto, ha combattuto la violenza degli estremisti per un decennio da quando gli jihadisti hanno preso il controllo delle principali città del nord nel 2012 e hanno cercato di impossessarsi della capitale. Sono stati respinti da un’operazione militare a guida francese l’anno successivo, ma da allora hanno riguadagnato terreno.

Un ragazzo ferito in Mali
Un ragazzo ferito in Mali – NanoPress.iy

L’Associated Press ha parlato venerdì con diversi sopravvissuti che avevano cercato cure in un ospedale di Mopti e provenivano dai villaggi di Diallassagou, Dianweli e Dessagou. Le persone hanno descritto di aver sentito spari e jihadisti gridare “Allahu akbar”, in arabo “Dio è grande”, mentre correvano nella foresta per salvarsi la vita. Il governo del Mali ha accusato degli attacchi il Gruppo per sostenere l’Islam e i musulmani, o JNIM, che è sostenuto da al-Qaeda, sebbene la fazione abbia negato la responsabilità in una dichiarazione venerdì.

Gli Stati Uniti e la Francia hanno condannato gli attacchi e la missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite in Mali (MINUSMA) ha rilasciato una dichiarazione su Twitter affermando che la violenza ha causato vittime e sfollato la popolazione. Gli analisti del conflitto affermano che il fatto che gli attacchi siano avvenuti in un’area in cui sono stati firmati accordi di pace locali potrebbe significare la fine dei fragili accordi.

“La ripresa della tensione è forse legata alla scadenza di questi accordi locali, ma può anche essere collegata all’intensificazione delle operazioni militari da parte delle forze di difesa”, ha affermato Baba Dakono, direttore del Citizen Observatory on Governance and Security, una società civile locale gruppo.

Ene Damango, un meccanico di Dialassagou, è fuggito dal suo villaggio quando sono iniziati gli spari, ma ha detto che suo zio è stato colpito a una gamba e gravemente ferito. “Quando sono tornato al villaggio. Ho scoperto la carneficina. Ed è stato terribile”.