Il Vaiolo delle Scimmie preoccupa solo ora perché colpisce l’occidente

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) convoca oggi il suo comitato di emergenza per valutare se l’epidemia di vaiolo delle scimmie meriti di essere dichiarata un’emergenza globale.

Vaiolo delle Scimmie
Vaiolo delle Scimmie – NanoPress.it

Ma alcuni esperti affermano che la decisione dell’OMS di agire solo dopo che la malattia si è diffusa in Occidente potrebbe radicare le grottesche iniquità sorte tra ricchi e paesi poveri durante la pandemia di coronavirus.

Il Vaiolo delle Scimmie preoccupa solo ora perché colpisce l’occidente

Dichiarare il vaiolo delle scimmie un’emergenza globale significherebbe che l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite considera l’epidemia un “evento straordinario” e che la malattia è a rischio di diffondersi attraverso ancora più confini. Darebbe anche al vaiolo delle scimmie la stessa distinzione della pandemia di COVID-19 e dello sforzo in corso per eradicare la poliomielite.

Molti scienziati dubitano che una tale dichiarazione aiuterebbe a frenare l’epidemia, dal momento che i paesi sviluppati che registrano i casi più recenti si stanno già muovendo rapidamente per chiuderla. La scorsa settimana, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha descritto la recente epidemia di vaiolo delle scimmie identificata in più di 40 paesi, principalmente in Europa, come “insolita e preoccupante”.

Il vaiolo delle scimmie ha ammalato le persone per decenni nell’Africa centrale e occidentale, dove una versione della malattia uccide fino al 10% degli individui colpiti. Nell’epidemia, al di fuori dell’Africa finora non sono stati segnalati decessi.“Se l’OMS fosse davvero preoccupata per la diffusione del vaiolo delle scimmie, avrebbe potuto convocare il suo comitato di emergenza anni fa, quando è riemerso in Nigeria nel 2017″, ha affermato Oyewale Tomori, un virologo nigeriano che siede in diversi Gruppi consultivi dell’OMS.

È un po’ curioso che l’OMS abbia chiamato i propri esperti solo quando la malattia si è manifestata nei paesi bianchi e ricchi”, ha detto. Fino al mese scorso, il vaiolo delle scimmie non aveva causato focolai considerevoli al di fuori dell’Africa. Gli scienziati non hanno trovato cambiamenti genetici importanti nel virus, e un importante consulente dell’OMS ha affermato il mese scorso che l’aumento dei casi in Europa, era probabilmente legato all’attività sessuale tra uomini gay e bisessuali, in due rave in Spagna e Belgio.

Ad oggi, fuori dall’Africa, 3mila e 300 casi di Vaiolo

Ad oggi, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno confermato oltre 3.300 casi di vaiolo delle scimmie in 42 paesi in cui il virus non si è mai palesato. Oltre l’80% dei casi si trova in Europa. Nel frattempo, l’Africa ha già visto più di 1.400 casi quest’anno, di cui 62 morti.

Test per il vaiolo delle scimmie
Test per il vaiolo delle scimmie – Nanopress.it

David Fidler, ricercatore senior in salute globale presso il Council on Foreign Relations, ha affermato che la ritrovata attenzione dell’OMS al vaiolo delle scimmie, in mezzo alla sua diffusione oltre l’Africa, potrebbe inavvertitamente peggiorare il divario tra paesi ricchi e poveri visto durante il COVID-19.

Potrebbero esserci ragioni legittime per cui l’OMS ha lanciato l’allarme solo quando il vaiolo delle scimmie si è diffuso nei paesi ricchi, ma nei paesi poveri sembra un doppio standard”, ha detto Fidler. Ha affermato che la comunità globale sta ancora lottando per garantire che i poveri del mondo fossero vaccinati contro il coronavirus, e che non è chiaro se gli africani vogliano anche i vaccini contro il vaiolo delle scimmie, date le priorità come la malaria e l’HIV.

“A meno che i governi africani non richiedano specificamente i vaccini, potrebbe essere un po’ condiscendente inviarli perché è nell’interesse dell’Occidente impedire l’esportazione del vaiolo delle scimmie”, ha detto Fidler. L’OMS ha anche proposto di creare un meccanismo di condivisione dei vaccini per aiutare i paesi colpiti, che potrebbero vedere le dosi andare a paesi ricchi come la Gran Bretagna, che ha il più grande focolaio di vaiolo delle scimmie oltre l’Africa, e recentemente ha ampliato il suo uso di vaccini.

Ad oggi, la stragrande maggioranza dei casi in Europa riguarda uomini gay o bisessuali, o altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, ma gli scienziati avvertono che chiunque sia a stretto contatto con una persona infetta o i suoi vestiti o le lenzuola è a rischio di infezione, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale.

I sintomi di questa malattia

Le persone con vaiolo delle scimmie spesso manifestano sintomi come febbre, dolori muscolari e un’eruzione cutanea; la maggior parte guarisce in poche settimane senza bisogno di cure mediche. Anche se l’OMS annuncia che il vaiolo delle scimmie è un’emergenza globale, non è chiaro quale impatto potrebbe avere. Nel gennaio 2020, l’OMS ha dichiarato che il COVID-19 era un’emergenza internazionale. Ma pochi paesi se ne sono accorti fino a marzo, quando l’organizzazione l’ha descritta come una pandemia, settimane dopo che molte altre autorità lo hanno fatto.

Il Vaiolo delle Scimmie
Il Vaiolo delle Scimmie – NnoPress.it

L’OMS è stata successivamente criticata per i suoi molteplici passi falsi durante la pandemia, che secondo alcuni esperti potrebbero provocare una risposta più rapida a questa malattia.“Dopo il COVID, l’OMS non vuole essere l’ultima a dichiarare il vaiolo delle scimmie un’emergenza”, ha affermato Amanda Glassman, vicepresidente esecutivo del Center for Global Development. “Questo potrebbe non raggiungere il livello di un’emergenza simile al COVID, ma è ancora un’emergenza di salute pubblica che deve essere affrontata”.

Salim Abdool Karim, epidemiologo e vicecancelliere dell’Università di KwaZulu-Natal in Sud Africa, ha affermato che l’OMS e altri dovrebbero fare di più per fermare il vaiolo delle scimmie in Africa e altrove, ma non è convinto che una dichiarazione di emergenza globale possa aiutare. “C’è questa idea malriposta che l’Africa sia questo continente povero e indifeso, quando in realtà sappiamo come affrontare le epidemie”, ha detto Abdool Karim.

Ha affermato che l’arresto dell’epidemia in definitiva dipende da cose come la sorveglianza, l‘isolamento dei pazienti e l’istruzione pubblica. “Forse hanno bisogno di vaccini in Europa per fermare il vaiolo delle scimmie, ma qui siamo stati in grado di controllarlo con misure molto semplici“, ha detto.