Il tetto massimo del prezzo del petrolio colpirebbe la Russia al cuore

I leader delle più grandi economie sviluppate del mondo stanno valutando un limite al prezzo del petrolio della Russia.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Così i leader occidentali stanno cercando di colpire il pilastro principale delle finanze del Cremlino dopo l’invasione dell’Ucraina e per limitare il caos che gli alti prezzi dell’energia stanno provocando in tutto il mondo. I dettagli non sono stati concordati al vertice del Gruppo dei Sette a Elmau, in Germania, ma l’idea di base sarebbe quella di legare il prezzo massimo ai servizi che rendono possibile il commercio di petrolio. Ad esempio, agli assicuratori verrebbe impedito di gestire le spedizioni al di sopra del limite massimo, ovunque finisca per essere impostato.

Toglie il petrolio alla Russia per mandarla in default

Poiché tali fornitori di servizi hanno sede in gran parte nell’Unione Europea e nel Regno Unito, la Russia dovrebbe incontrare difficoltà a trovare soluzioni alternative su larga scala. Limitare il prezzo ridurrebbe le entrate del Cremlino dal petrolio: all’inizio della guerra, solo dall’Europa era di circa 450 milioni di dollari al giorno. Il tetto limiterebbe anche l’impatto dell’aumento dei prezzi del petrolio sull’inflazione nei paesi consumatori, con il costo della benzina e del diesel che comprime i consumatori e le imprese.

Ma molto dipenderebbe dal fatto che paesi asiatici come l’India accettino il limite di prezzo. Una questione chiave è l’applicazione e anche i funzionari europei sono cauti riguardo agli effetti collaterali.

Vogliamo entrare più nei dettagli. Vogliamo assicurarci che l’obiettivo sia prendere di mira la Russia e non rendere la nostra vita più difficile”, ha affermato Charles Michel, capo del Consiglio dei governi dell’Unione europea, composto da 27 membri. “Dobbiamo avere una chiara comprensione comune su quali sono gli effetti diretti e quali potrebbero essere le conseguenze collaterali”.

L’UE ha accettato di eliminare gradualmente il 90% del petrolio russo che arriva via nave entro la fine dell’anno, ma è amareggiata dal fatto che stia ancora pagando il forziere di guerra del Cremlino. I paesi dell’UE, tuttavia, hanno bisogno di tempo per allineare nuove fonti di petrolio e sono sotto pressione a causa dell’alto prezzo del greggio.

I governi stanno affrontando richieste di azioni ancora più dure, come la fine immediata delle spedizioni russe di petrolio e gas naturale, una mossa che secondo molti economisti provocherebbe una recessione in Europa.

L’UE ha accettato di eliminare gradualmente il 90% del petrolio russo

Già, i timori che l’offerta dalla Russia andasse perduta nel mercato globale ha contribuito a far salire notevolmente i prezzi globali del petrolio, insieme alla ripresa della domanda dalla pandemia di COVID-19. L’alleanza OPEC+ dei paesi produttori di petrolio, tra cui Arabia Saudita e Russia, ha aumentato la produzione ma troppo lentamente per abbassare i prezzi.

Barili
Barili su banconote da dieci euro – Nanopress.it

La Russia sta vendendo meno petrolio poiché gli acquirenti occidentali evitano la sua fornitura, ma i prezzi più alti hanno cancellato gran parte della perdita per le finanze statali. La banca centrale del paese è riuscita a stabilizzare il rublo nonostante le sanzioni occidentali, in parte grazie all’aiuto dei guadagni petroliferi. Il greggio Brent di riferimento internazionale viene scambiato a 113 dollari al barile, rispetto ai 79 dollari al barile di inizio anno.

Un risultato è stato che i prezzi alla pompa hanno raggiunto il massimo storico di oltre 5 dollariper gallone negli Stati Uniti e di oltre 7,50 dollari in Germania. “Ai prezzi attuali, ciò comporta enormi profitti per il Cremlino“, ha affermato Simone Tagliapietra, esperto di politica energetica presso il think tank Bruegel a Bruxelles. “Se il G-7 dovesse concordare un tetto massimo per il prezzo del petrolio russo, sarebbe un passo molto importante per limitare le entrate straordinarie di Putin”.

Tagliapietra ha affermato che il ritardato boicottaggio dell’UE sul petrolio russo è stato “troppo poco e troppo tardi”, soprattutto considerando il taglio o la riduzione del gas naturale da parte della Russia a 10 paesi dell’UE nelle ultime settimane. Funzionari occidentali affermano che la Russia sta “armando” l’energia e sfruttando la dipendenza dell’Europa dalle forniture di Mosca. La Russia è stata in grado di trovare acquirenti al di fuori dell’Occidente poiché i clienti asiatici, come India e Cina, hanno sostituito l’UE come i maggiori acquirenti di petrolio spedito via mare.

A causa delle sanzioni, il petrolio russo viene scambiato a un forte sconto rispetto al benchmark internazionale Brent, ingrassando i margini di profitto delle raffinerie in India che trasformano il greggio in benzina. E alcune vendite di petrolio russo sono semplicemente andate fuori dai libri. Una volta che il petrolio russo è stato raffinato in benzina o miscelato con altro greggio, è difficile dire da dove provenga, soprattutto se nessuno vuole guardare troppo da vicino.

L’India e la Cina accetteranno di cessare l’acquisto di petrolio russo?

“È discutibile se paesi come l’India e la Cina accetteranno di cessare l’acquisto di petrolio russo, soprattutto perché viene scambiato a uno sconto significativo sul prezzo di mercato globale”, ha affermato l’analista di materie prime Carsten Fritsch alla Commerzbank di Francoforte, in Germania. “Invece, l’India sta aiutando la Russia a continuare a vendere il suo petrolio nonostante le sanzioni occidentali”.

Decine di barili di petrolio
Decine di barili di petrolio – Nanopress.it

Fritsch ha affermato che l’India è disposta a fornire la certificazione di sicurezza per più di 80 navi appartenenti a una filiale con sede a Dubai della compagnia di navigazione statale russa Sovcomflot dopo che gli organismi di certificazione occidentali non sono stati in grado di farlo a causa delle sanzioni. 

Da quando le raffinerie europee hanno iniziato a evitare il petrolio russo alla fine di febbraio, le importazioni di greggio russo in Europa sono diminuite da 2,04 milioni di barili al giorno a 1,49 milioni tra marzo e maggio, secondo Rystad Energy. Le importazioni di petrolio di origine russa da parte delle raffinerie asiatiche, inclusa la Cina, hanno registrato un corrispondente aumento di 503.000 barili al giorno. 

“L’aspettativa che il greggio russo cesserebbe di essere scambiato sui mercati internazionali non è emersa, e invece il forte sconto sul greggio russo ha visto le navi reindirizzate verso mercati alternativi”, ha affermato Wei Cheong Ho, vicepresidente di Rystad Energy. “Sebbene il costo del finanziamento di queste navi e traffici sia aumentato in modo significativo a causa del blocco del sistema finanziario occidentale, lo sconto sugli Urali è troppo allettante per essere ignorato da alcune raffinerie”, ha aggiunto Ho.