Il Regno Unito celebra il regno ‘eterno’ di Elisabetta II, mentre Johnson ‘traballa’

Le celebrazioni per i 70 anni del suo regno di Elisabetta II, con i suoi atti ufficiali e le 16.000 feste di strada, danno tregua a un Paese recentemente uscito dalla pandemia, immerso nei disordini politici e confuso sul proprio posto nel mondo dopo la Brexit.

Elisabetta II
Elisabetta II – NanoPress.it

Elisabetta II, 4 giorni di festa per i 70 anni di regno

La sbornia delle vacanze colpirà il Regno Unito lunedì. Dopo quattro giorni di tregua, con i festeggiamenti e le celebrazioni del Giubileo di Platino, che in un lungo weekend commemorerà il 70° anniversario del regno di Elisabetta II (96 anni), la crisi politica che martella il governo di Boris Johnson, e per estensione tutti i britannici, dall’inizio dell’anno.

Domenica ci saranno 16.000 festeggiamenti di strada in onore dell’unico personaggio pubblico che oggi suscita il consenso dei cittadini. La settimana successiva, quando la Camera dei Comuni riprenderà la sua attività, nel gruppo parlamentare conservatore suoneranno di nuovo i tamburi della ribellione.

Sarà la sbornia infinita delle vacanze. Quelli di Downing Street. Quelli in reclusione. Quelli tenuti la notte prima che la regina sedesse da sola, attutita dal lutto e indossando una maschera, per dire addio a suo marito Filippo di Edimburgo nella cappella del Castello di Windsor. “Il suo atteggiamento, durante questi sette decenni, è stato di grande dignità.

E per coloro che pensano che questo non sia importante, basta guardare l’indignazione causata dal governo Boris Johnson “, afferma lo storico Anthony Seldon, co-fondatore dell’Institute for Contemporary British History. “Le persone vogliono che i loro rabbini, i loro imam, i loro sacerdoti e i loro politici si comportino meglio di come si comportano loro stessi.

Non vuole che si comportino male. E la regina, va detto, ha saputo comportarsi bene», difende l’accademico. Veterano quasi quanto la regina stessa (la pubblicazione iniziò nove anni dopo l’ascesa al trono di Elisabetta II), la rivista satirica e irriverente Private Eye ha riassunto lo stato attuale del Paese meglio di chiunque altro nella sua edizione speciale del Giubileo.

Una ristretta parte della famigla al suo fianco

“Non posso credere che sia sopravvissuta così a lungo”, dice la regina a Johnson, in una delle foto più recenti dei loro incontri settimanali a Buckingham Palace. “Goditi i tuoi quattro giorni di festa”, risponde il primo ministro.

Principe Carlo d'Inghilterra e Camilla
Principe Carlo d’Inghilterra e Camilla – NanoPress.it

E come al solito negli ultimi anni, a maggior ragione dopo la lunga pandemia, Elisabetta II farà del suo meglio per farsi vedere nella maggior parte di questi eventi, anche se i crescenti “problemi di mobilità” di cui Buckingham Palace ha avvertito limitano il vostro programma.

Questo giovedì, durante la celebrazione del Trooping The Colour, la massiccia parata militare con cui si celebra il compleanno ufficiale del monarca all’inizio di giugno, sarà il secondo in linea di successione, Guglielmo d’Inghilterra, che passa in rassegna 1.500 ufficiali e 250 cavalli di le scuderie reali.

Ma l’immagine più iconica della Casa di Windsor, il saluto dal balcone del palazzo dopo aver osservato il volo basso delle Frecce Rosse o dello Spitfire, con la sua scia di colori della bandiera britannica, la Union Jack, continuerà ad avere nel suo centro a Elisabetta II.

Affiancato da suo figlio Carlo d’Inghilterra (73 anni) e sua moglie, Camilla Parker-Bowles, e dal duca e dalla duchessa di Cambridge, William e Kate. Una famiglia reale più ristretta e funzionale. Quello che l’erede ha pazientemente progettato da quando la monarca gli ha delegato la maggior parte del suo lavoro di rappresentanza. La mano del Principe di Galles è alla base della decisione di rimuovere suo fratello, il principe Andrea, e suo figlio, il principe Henry, dai compiti pubblici.

Il primo, per i suoi oscuri rapporti con il milionario pederasta americano Jeffrey Epstein. Il secondo, per aver tentato, insieme alla moglie Meghan Markle, di gestire la propria immagine di membro della famiglia reale, al di fuori della supervisione di The Firm (The Company, come i giornali scandalistici chiamano la famiglia reale).

Sempre meno i ‘repubblicani’ tra i cittadini

La BBC, il più grande strumento per la promozione e il prestigio della cultura britannica, ha preparato una copertura eccezionale per i quattro giorni del Giubileo, che includeranno la grande cerimonia religiosa di venerdì all’Abbazia di Westminster, il concerto e lo spettacolo in onore di Elisabetta II sabato, e le migliaia di celebrazioni di strada in tutto il paese la domenica, che culmineranno in una gloriosa parata.

boris johnson
Boris Johnson – NanoPress.it

Poco ossigeno per il sentimento repubblicano del Regno Unito, che c’è, ma si muove in margini poco minacciosi per l’establishment. Il 54% dei britannici crede che la monarchia faccia bene al proprio paese. Appena il 13% pensa diversamente. E uno su quattro non ne ha idea, rassegnato a un paesaggio che è visto come immobile e inglese come lo Yorkshire pudding.

“Ci sarà sempre una nicchia repubblicana, ma è molto piccola. La regina ha mostrato ottime doti di pubbliche relazioni e, sebbene lasci una scia difficile da seguire, penso che il futuro sia molto assicurato nella figura di Kate Middleton.

Anni di divisione intorno alla Brexit si sono trasformati in anni di confronto intorno a un personaggio controverso come Johnson. Il Regno Unito sta entrando in una crisi enorme, aggravata dalla guerra in Ucraina e dall’inflazione galoppante. E il Palazzo di Westminster, sede del Parlamento, vive congelato in un estenuante e interminabile dibattito sul partygate, le feste bandite da Downing Street durante la reclusione.

Con circa 28 parlamentari conservatori che hanno già pubblicamente ammesso di aver inviato una lettera di ritiro della fiducia nei confronti del premier alla dirigenza del gruppo parlamentare, il voto interno per decidere se Johnson vada avanti – occorrono 54 lettere per attivarlo – è ora solo questione di tempo.

Gli inglesi hanno deciso di concedersi una tregua di quattro giorni per celebrare Elisabetta II, l’unico personaggio pubblico in cui si riconoscono, anche per nostalgia, prima di tornare nel fango politico degli ultimi mesi.