Il governo israeliano in crisi per la Cisgiordania

La mancata estensione della legge israeliana ai coloni che vivono in Cisgiordania complica il governo del Paese sul territorio.

Naftali Bennett
Naftali Bennett – NanoPress.it

La fragile coalizione di governo israeliana ha perso lunedì un voto cruciale in parlamento, per approvare un disegno di legge di routine che estende la legge israeliana ai coloni che vivono in Cisgiordania, un risultato che complica il governo del Paese sul territorio e minaccia nuove elezioni.

I coloni della Cisgiordania dopo 55 anni ancora senza un’identità precisa

La legge, adottata come misura di emergenza in seguito alla cattura da parte di Israele della Cisgiordania dalla Giordania 55 anni fa, durante la guerra arabo-israeliana del 1967, di solito ha un ampio sostegno politico e passa facilmente.

Ma l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu ha schierato l’intera opposizione – che include politici che in linea di principio sostengono fermamente la legge – per votare contro di essa nel tentativo di mettere in imbarazzo la coalizione di governo e potenzialmente farla cadere.

Il governo del primo ministro Naftali Bennett – un miscuglio di partiti di sinistra, destra, centristi e arabi formati per spingere Netanyahu a lasciare l’incarico lo scorso anno – non è riuscito a far passare la misura. Con 60 membri in un parlamento da 120 seggi, la coalizione non poteva perdere alcun voto.

Ma un membro del partito Arab Ra’am e uno della sinistra Meretz hanno votato contro il disegno di legge, e altri nella coalizione si sono astenuti. Un legislatore del partito di Bennett si è astenuto dal votare sul disegno di legge, nonostante il suo sostegno all’impresa di insediamento.

Alcuni membri di destra della coalizione avevano affermato che il governo non avrebbe potuto continuare se non avesse potuto approvare questo disegno di legge, mettendo a rischio la presa del potere di Bennett dopo meno di un anno in carica e aumentando la prospettiva di un’elezione.

L‘opposizione avrebbe bisogno del sostegno di 61 legislatori per votare, sciogliere il parlamento e avviare nuove elezioni, che sarebbero le quinte in poco più di tre anni. La legislazione, rinnovata ogni cinque anni e che scadrà alla fine di questo mese, conferisce agli israeliani che vivono in Cisgiordania, che non fa legalmente parte di Israele, il diritto di votare alle elezioni israeliane, perseguire i tribunali israeliani e ricevere benefici statali.

Coloni e palestinesi, una convivenza sempre difficile

Il sistema determina anche se i circa 500.000 coloni debbano pagare le tasse e prestare servizio nell’esercito. Bennett e altri leader della coalizione hanno condotto una feroce campagna di lobbying dell’ultimo minuto per mantenere in vita il governo, cercando di persuadere i membri arabi e di sinistra che si oppongono agli insediamenti a votare per la legge.

Benjamin Netanyahu
Benjamin Netanyahu – NanoPress.it

Ma quei legislatori alla fine hanno affermato che le regole hanno creato un sistema legale a due livelli in Cisgiordania, con i palestinesi che vivono secondo la legge militare e i coloni che beneficiano del sistema legale israeliano. L’approvazione di un disegno di legge che consenta la continuazione di due norme di diritto separate per i coloni e i palestinesi in Cisgiordania si è rivelata una linea rossa per Ra’am, il primo partito arabo a servire in un governo israeliano.

La mancata approvazione della legislazione mette in discussione lo status giuridico dei coloni e la coalizione del signor Bennett a rischio di collasso. Il ministro della Giustizia Gideon Sa’ar, un membro della coalizione di destra che sostiene i coloni, aveva avvertito prima del voto che lui e il suo partito si sarebbero allontanati dal governo se il disegno di legge non fosse stato approvato.

Un membro della Knesset della coalizione che non sostiene una legge così fondamentale sta lavorando attivamente per dissolverla”, ha detto Sa’ar in una riunione tenuta dal suo partito New Hope prima del voto di lunedì.

“Un paese non può essere gestito in questo modo”. Il signor Sa’ar non ha immediatamente commentato se avesse o meno portato a termine la sua minaccia di lasciare la coalizione. Yair Lapid, ministro degli Esteri israeliano e leader del più grande partito al governo, ha twittato: “Come dopo ogni sconfitta, torneremo e vinceremo il prossimo round”.

Il governo può ancora riportare in parlamento il disegno di legge dei coloni per un voto entro la fine del mese e provare di nuovo a vederlo passare, ma sarebbe difficile convincere i legislatori che hanno già votato contro, ha affermato Yuval Shany, professore di Diritto internazionale all‘Università Ebraica di Gerusalemme.