Il consigliere etico di Boris Johnson si dimette

Christopher Geidt ha accusato il Primo Ministro britannico Boris Johnson di aver violato il Code of Good Governance, limitandosi a pagare una multa per la sua partecipazione alle feste di Downing Street durante la reclusione.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Cristopher Geidt, fino a questo mercoledì consigliere indipendente per gli interessi ministeriali di Boris Johnson, ha deciso di gettare la spugna di fronte a un lavoro impossibile. Il guardiano del comportamento etico del Primo Ministro e del resto dei membri del governo britannico ha rassegnato le sue dimissioni, con la stessa discrezione con cui in questi anni si è lamentato con Johnson ogni volta che aveva l’impressione che il politico stesse tirando fuori gamba.

Cristopher Geidt ha deciso di ‘gettare la spugna’

Ventuno parole (in inglese) per dire addio: “Con rammarico, sento che la cosa giusta è che mi dimetta dal mio incarico di consigliere indipendente per gli interessi ministeriali”. Ogni presidente del Consiglio sceglie un consulente privato per garantire il rispetto del Codice ministeriale, una sorta di Codice di buon governo avallato dal Primo Ministro ―Johnson, in questo caso― che definisce gli obblighi etici che devono essere adempiuti ―e in caso negativo, dimettersi – i membri del Consiglio dei Ministri.

Può segnalare problemi, e due volte l’anno pubblica l’elenco degli interessi privati ​​dei ministri. Paradossalmente, è stato Johnson a commissionargli lo scorso anno di indagare sulle accuse di finanziamento illecito nei lavori di ristrutturazione dell’appartamento privato occupato dal premier e dalla moglie a Downing Street.

Attraverso il Partito conservatore, migliaia di sterline di un donatore privato erano state spese per mobili di lusso, persino carta da parati. Geidt, 60 anni, meglio conosciuto come Lord Geidt, ha poi scusato Johnson. Ha creduto alla versione del Primo Ministro, che sosteneva di non essere a conoscenza dell’origine del denaro. Poco dopo aver pubblicato le sue conclusioni, sono emersi scambi di WhatsApp tra lo stesso Johnson e l’uomo d’affari David Brownlow, in cui il primo chiedeva più soldi per finire i lavori.

Ha dovuto inviare una lettera a Geidt in cui ha espresso le sue “più umili scuse” per impedire al consigliere di presentare le sue dimissioni in quel momento. Ha anche cercato di convincerlo che aveva dovuto cambiare il cellulare per motivi di sicurezza, motivo per cui i messaggi non erano stati inclusi nelle indagini.

Ma ciò che più ha irritato il consigliere, un uomo rispettato dai politici britannici, membro della Camera dei Lord e segretario privato di Elisabetta II per dieci anni (2007-2017), è che Johnson non ha mosso un dito, oltre a presentare scuse di cartone.

Johnson sempre più in difficoltà

E poi è intervenuto il Parlamento, dopo che la polizia metropolitana di Londra ha deciso di multarlo, per la sua partecipazione a una delle feste di Downing Street durante il lockdown. Era la prima volta che un primo ministro in carica veniva sanzionato per aver infranto la legge. Per Geidt si trattava di una chiara violazione del Codice ministeriale, che richiedeva una risposta energica, o rischiava di rendere il codice lettera morta, e il suo ruolo consultivo uno scherzo.

Christopher Geidt
Christopher Geidt – NanoPress.it

Ancora una volta Johnson ha cercato di convincerlo con parole dolci e scuse tiepide, come quella di non essersi mai accorto di aver infranto le regole del distanziamento sociale. “Dalla posizione di normale cittadino, posso concludere che pagare una multa implica non aver rispettato la norma principale del codice ministeriale, che è quello di rispettare la legge”.

Così si è espresso martedì Geidt in una comparizione davanti alla Commissione per i pubblici Amministrazioni e Affari Costituzionali della Camera dei Comuni, composta da parlamentari conservatori e laburisti, in cui ha subito una valanga di critiche per il suo ruolo. I parlamentari hanno messo in dubbio l’utilità del suo ruolo negli ultimi anni.

Ore dopo, ha rassegnato le dimissioni. Un portavoce di Downing Street ha espresso la sorpresa di Johnson per la decisione e ha affermato che il consigliere si era impegnato per altri sei mesi in carica. Anche il suo predecessore, Alex Allan, si è dimesso dopo aver concluso che il ministro dell’Interno Priti Patel era coinvolto in atti di bullismo sul posto di lavoro con il personale sotto il suo comando. Johnson ha deciso di tenerla al lavoro.