I Paesi Bassi sconvolti dallo scandalo del “razzismo istituzionale”

Nei Paesi Bassi l’Agenzia delle Entrate ha sottoposto a controlli più severi i richiedenti benefici familiari e gli imprenditori che volessero iscrivere la propria attività se il loro aspetto o cognome non sembravano occidentali.

Mark Rutte
Mark Rutte – NanoPress.it

il Governo dei Paesi Bassi di nuovo sotto accusa

Il governo di centrodestra olandese ha riconosciuto questo lunedì per la prima volta che l’Agenzia delle Entrate ha esercitato il “razzismo istituzionale” nell’esaminare le richieste di sussidi familiari e quelle di registrazione delle imprese in base all’origine, alla nazionalità o al sesso di coloro che lo hanno presentato.

Coloro che non avevano un aspetto o un cognome considerato occidentale erano soggetti a controlli più severi. Lo scorso anno lo scandalo dei sussidi familiari ha portato alle dimissioni in blocco del Consiglio dei Ministri, guidato dal premier liberale, Mark Rutte, che è ancora oggi in carica, perché la camera aveva rigettato le dimissioni.

Finora, però, il Governo aveva solo ammesso che le famiglie erano discriminate e ha cominciato a risarcire gradualmente i genitori indebitati. Oltre al riconoscimento del razzismo istituzionale, il Governo ammette ora una cosa sconosciuta: che gli uomini d’affari che intendevano iscrivere un’impresa alla Camera di Commercio, hanno subito lo stesso trattamento discriminatorio.

In una nota inviata lunedì al Congresso, Marnix van Rij, segretario di Stato alle finanze, ha definito “inaccettabili e dolorose per molte persone” gli esempi trovati “durante il processo di supervisione” dei fascicoli. Tra questi, ha citato “donazioni a una moschea” e ha aggiunto che “il razzismo istituzionale non può e non deve avere un posto nella nostra società”.

“Si trattava più di un comportamento inconscio e di ignoranza che di qualcosa di intenzionale, ma è sfuggito di mano; non c’era una regola chiara”, ha sottolineato. Il razzismo a livello istituzionale implica l’esclusione di un gruppo di persone a causa della loro origine etnica. Finora il Governo non aveva voluto usare questa espressione, poiché implicava l’elaborazione espressa di protocolli discriminatori.

Marnix van Rij
Marnix van Rij – NanoPress.it

Van Rij aveva già sottolineato che “il razzismo è un’ideologia e la discriminazione è vietata dalla legge”. Tra il 2003 e il 2020 l’Agenzia delle Entrate ha redatto liste nere in cui possono esserci fino a 270.000 persone. Le famiglie che hanno diritto a ricevere aiuti per la cura dei figli colpiti da questo pregiudizio sono circa 60.000.

L’avvocato spagnolo Eva González Pérez, residente a Eindhoven, che ha scoperto lo scandalo dei sussidi familiari, ritiene che “il riconoscimento sia molto importante per poter andare avanti. “Non solo hanno ammesso che c’è razzismo nei casi dei genitori che gestisco, ma anche nella sezione sulla costituzione di società”, aggiunge.

“Resta difficile per chi ritiene che i 30mila euro di risarcimento stipulati dal Consiglio dei Ministri non coprano le perdite subite. Non abbiamo i documenti necessari e abbiamo bisogno di esperti per calcolare l’indennizzo, che lo Stato non paga. Per questo non c’è una completa certezza del diritto”, conclude l’avvocato.

Le famiglie colpite sono state erroneamente bollate come truffatrici. L’Agenzia delle Entrate ha anche operato distinzioni in base alle nazionalità ritenute più soggette a frode “ad esempio bulgari e marocchini“. O per gruppi, come gli Antillesi. Alcune e-mail interne includevano frasi come: “Un altro richiedente asilo fraudolento“. L’avvocato ritiene che i funzionari “dovrebbero essere vigilati, possibilmente a livello europeo, per evitare questo tipo di eventi”.

“Non capisco che solo coloro che non sono di origine olandese siano controllati in questo modo”, aggiunge. Lo scandalo dei benefici familiari è stato indagato anche dal quotidiano olandese Trouw e dalla rete televisiva RTL. Secondo il segretario di Stato Van Rij, non tutte le distinzioni fatte ai fini fiscali sono discriminatori “perché ci deve essere una chiara giustificazione per l’aiuto”. Ma ha indicato che i funzionari saranno formati per “prevenire nuovi casi”.