I leader del G-7 conferiscono con Zelensky. Nuovi aiuti per l’Ucraina

I principali poteri economici del mondo hanno conferito questa mattina, in collegamento video, con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Zekensky
Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

I leader del G7 hanno sottolineato il loro impegno nei confronti dell’Ucraina di Zelensky a lungo termine con l’intenzione di perseguire un tetto massimo sul prezzo del petrolio russo, aumentare le tariffe sulle merci russe e imporre altre nuove sanzioni. Inoltre, gli Stati Uniti si stanno preparando ad annunciare l’acquisto di un avanzato sistema missilistico terra-aria per Kiev, per aiutare l’Ucraina a combattere l’aggressione di Vladimir Putin.

Fno a quando l’Occidente potrà aiutare Zelensky?

I nuovi aiuti e gli sforzi per punire Mosca dai leader del Gruppo dei Sette, arrivano quando Zelenskyy si è detto preoccupato che l’Occidente sia affaticato dal costo di una guerra che sta contribuendo all’impennata dei costi energetici, e all’aumento dei prezzi dei beni essenziali in tutto il mondo. I leader stanno finalizzando l’accordo per cercare un limite di prezzo durante il vertice di tre giorni del G-7 nelle Alpi tedesche.

Le maggiori economie democratiche si impegneranno anche ad aumentare le tariffe sulle importazioni russe nei loro paesi, con gli Stati Uniti che annunceranno nuove tariffe su 570 categorie di merci, nonché l’uso di sanzioni per colpire le catene di approvvigionamento della difesa della Russia. Biden dovrebbe annunciare a breve che gli Stati Uniti stanno acquistando NASAMS, un sistema antiaereo sviluppato in Norvegia, per fornire difesa a medio e lungo raggio.

NASAMS è lo stesso sistema utilizzato dagli Stati Uniti per proteggere lo spazio aereo sensibile intorno alla Casa Bianca e al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington. Ulteriori aiuti includono più munizioni per l’artiglieria ucraina, così come radar controbatteria, per sostenere i suoi sforzi contro l’assalto russo nel Donbass, ha detto. Biden sta anche annunciando un impegno di 7,5 miliardi di dollari per aiutare il governo ucraino a far fronte alle sue spese, come parte di un prelievo del pacchetto di aiuti militari ed economici da 40 miliardi di dollari che ha firmato il mese scorso.

I leader del G-7 hanno iniziato lunedì la sessione del loro vertice di tre giorni con un focus sull’Ucraina. Successivamente, saranno raggiunti dai leader di cinque economie emergenti democratiche – India, Indonesia, Sud Africa, Senegal e Argentina – per una discussione sui cambiamenti climatici, l’energia e altre questioni.

La guerra in Ucraina era già in prima linea nelle menti dei leader del G-7, quando domenica hanno aperto il loro vertice nell’isolato hotel di lusso Schloss Elmau, proprio mentre i missili russi hanno colpito la capitale ucraina di Kiev per la prima volta dopo settimane.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che le politiche dei paesi del G-7 sull’Ucraina sono “molto allineate”. Scholz ha detto dopo aver incontrato lunedì il primo ministro canadese Justin Trudeau che “stiamo prendendo decisioni difficili, che siamo anche cauti, che aiuteremo l’Ucraina il più possibile, ma dobbiamo evitare un grande conflitto tra Russia e Nato”.

Putin sperava in una divisione del blocco occidentale

Biden ha detto domenica che il presidente russo Vladimir Putin “ha contato sul fatto, fin dall’inizio, che in qualche modo la NATO e il G-7 si sarebbero frantumati, ma non l’abbiamo fatto e non lo faremo”. Biden spera di usare il suo viaggio in Europa per proclamare l’unità della coalizione che preme per punire la Russia per la sua invasione dell’Ucraina, tanto quanto sta esortando gli alleati a fare ancora di più, cercando di contrastare i dubbi sulla sua resistenza, mentre la guerra giunge al suo quinto mese.

Putin
Putin – NnoPress.it

L’ospite del vertice, il cancelliere tedesco Olaf Scholz, ha dichiarato la scorsa settimana di voler discutere i contorni di un “piano Marshall per l’Ucraina” con le sue controparti del G-7, riferendosi al piano sponsorizzato dagli Stati Uniti che ha contribuito a rilanciare le economie europee dopo la seconda guerra mondiale. Con la guerra ancora in corso e la distruzione che aumenta di giorno in giorno, è improbabile che in questa fase sia un piano dettagliato.

Scholz ha affermato che “ricostruire l’Ucraina sarà un compito per generazioni”. Il G-7 è già impegnato ad aiutare a finanziare i bisogni immediati dell’Ucraina. I ministri delle finanze del gruppo il mese scorso hanno concordato di fornire 19,8 miliardi di dollari in aiuti economici per aiutare Kiev a mantenere in funzione i servizi di base e impedire che le carenze finanziarie ostacolino la sua difesa contro le forze russe.

I leader del G-7 – Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada e Giappone – potrebbero sperare di fare qualche progresso nel avvicinare le loro controparti dei cinque paesi ospiti alle opinioni occidentali sulle sanzioni contro la Russia. Scholz è anche desideroso di conquistare tali paesi per la sua idea di un “club del clima” per le nazioni che vogliono andare avanti quando si tratta di affrontare la questione.