Ha un tatuaggio con la scritta Isis sul labbro e viene licenziato

Persino la Cnn ha parlato di lui e della sua storia, e del fatto che il suo capo l'ha licenziato per un tatuaggio.

Ha un tatuaggio con la scritta Isis sul labbro e viene licenziato

Un giovane di New York che risponde al nome di Kirk Soccorso ha raccontato la sua storia sui media e persino la Cnn ha parlato di lui. Il ragazzo ha affermando di essere stato licenziato sul posto di lavoro dopo aver fatto vedere ai colleghi il tatuaggio che ha sul labbro inferiore interno, un tatto piuttosto controverso, che reca la scritta ISIS. Kirk Soccorso ha deciso di raccontare il motivo per cui quattro anni prima aveva deciso di fare proprio quel tatuaggio.

Kirk Soccorso, all’epoca, cioè nel 2011 stava insieme a una ragazza che si chiama proprio Isis, (in onore della divinità egiziana Iside) e dunque insieme decisero di tatuarsi i rispettivi nomi. Lei si è fatta apporre la scritta KIRK e lui si è tatuato il nome ISIS ‘Erano entrambi di sole quattro lettere, ci sembrava fantastico‘, ha detto il ragazzo.

Successivamente, purtroppo per lui, l’Islamic State of Iraq and Syria, cioè lo Stato Islamico, anche chiamato semplicemente IS, ha cominciato a diventare sempre più tristemente famoso in tutto il mondo proprio con l’acronimo ISIS.

A questo punto, alla luce di tutti gli eventi terroristici successivi organizzati dall’Islamic State, il tatuaggio del giovane è diventato sempre più imbarazzante. Lui ha sostenuto, al proposito, proprio di aver perso il lavoro dopo aver mostrato a due colleghi il tatuaggio con la scritta ISIS, e di essere stato in seguito licenziato per questo motivo. Anche se dall’azienda è partita una nota in cui si legge che il licenziamento non ha nulla a che vedere con il tatuaggio.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere