Green Pass sul luogo di lavoro, tutto quello che c’è da sapere

Domani entra in vigore l’obbligatorietà per i dipendenti del settore pubblico e privato: le FAQ più interessanti.

Verifica del Green Pass prima di accedere sul luogo di lavoro

Foto Shutterstock | Fabio Principe

Da domani, il Green Pass sarà obbligatorio per i dipendenti del settore pubblico e privato. Il Governo ha adottato ieri due Dpcm che regolano modalità di accesso a lavoro e relativi controlli. Di seguito, alcune delle FAQ più interessanti sul tema.

Quando avvengono i controlli?

Non c’è una modalità univoca di verifica del Green Pass, ogni amministrazione/azienda ha autonomia nell’organizzazione, sempre nel rispetto delle normative sulla privacy e delle linee guida presenti nel Dpcm del 12 ottobre.

I datori di lavoro definiscono le modalità dei controlli, che come priorità dovranno essere, se possibile, al momento dell’accesso ai luoghi di lavoro, senza causare ritardi o code all’ingresso.

In caso di mancato controllo all’ingresso, la verifrica del Green Pass potrà avvenire su base giornaliera, alla mattina, potrà essere generalizzato o a campione, coprendo almeno il 20% del personale presente in servizio e con un criterio di rotazione che assicuri, nel tempo, il controllo su tutto il personale dipendente.

Come avvengono i controlli?

Oltre all’app “VerificaC19”, saranno disponibili altre funzionalità che consentono una verifica quotidiana e automatizzata del Green Pass:

  • L’integrazione del sistema di lettura e verifica del QR code del certificato verde nei sistemi di controllo agli accessi fisici, inclusi quelli di rilevazione delle presenze, o della temperatura;
  • Gli enti pubblici aderenti alla Piattaforma NoiPA potranno sincronizzarla con la Piattaforma nazionale-DGC per controllare chi ha il Green Pass;
  • I datori di lavoro con più di 50 dipendenti, sia privati che pubblici, potranno utilizzare l’interazione tra il Portale istituzionale dell’INPS e la Piattaforma nazionale-DGC;
  • Le amministrazioni pubbliche con almeno 1.000 dipendenti, anche con uffici di servizio dislocati in più sedi fisiche, potranno usare i sistemi informativi di gestione del personale e la Piattaforma nazionale-DGC.

Come fa chi è in attesa di rilascio del Green Pass?

Per chi è ancora in attesa del Green Pass può usare i documenti rilasciati, in formato cartaceo o digitale, dalle strutture sanitarie pubbliche e private, dalle farmacie, dai laboratori di analisi, dai medici di medicina generale e dai pediatri.

E chi non può vaccinarsi?

Chi non può vaccinarsi per comprovati motivi di salute dovrà esibire un certificato contenente l’apposito QR code. Il personale esente – previa trasmissione della relativa documentazione sanitaria al medico competente dell’amministrazione di appartenenza – non potrà essere soggetto ad alcun controllo.

Quali sanzioni per chi non ha il Green Pass?

Il lavoratore, del settore pubblico o privato, è considerato assente ingiustificato senza diritto allo stipendio, fino alla presentazione del Green Pass.

Nel caso di aziende con meno di 15 dipendenti, dopo il quinto giorno di assenza ingiustificata, il datore di lavoro può sospendere il lavoratore per la durata corrispondente a quella del contratto di lavoro stipulato per la sostituzione, comunque per un periodo non superiore a dieci giorni, rinnovabili per una sola volta.

Nel caso di accesso di un dipendente al luogo di lavoro senza green pass, il datore di lavoro deve poi effettuare una segnalazione alla Prefettura: sarà applicata una sanzione amministrativa che va da 600 a 1.500 euro. Vengono poi applicate anche le sanzioni disciplinari eventualmente previste dai contratti collettivi di settore.

Oltre alla retribuzione, non sarà più versata al lavoratore senza green pass qualsiasi altra componente della retribuzione, anche di natura previdenziale, avente carattere fisso e continuativo, accessorio o indennitario, per la giornata di lavoro non prestata. I giorni di assenza ingiustificata non concorrono alla maturazione delle ferie e comportano la perdita dell’anzianità di servizio.

Il datore di lavoro che non controlla il rispetto delle regole sul Green Pass è punito con una sanzione amministrativa che va da 400 a 1.000 euro.

Parole di Cesare Treccarichi

Giornalista, collaboro con l'Agenzia di stampa Italpress e con Giornalisti al Microfono, ex Pagella Politica. Mi occupo dei principali temi economici e politici del giorno.

Da non perdere