Gratta e Vinci con truffa: alteravano le schedine per incassare i premi, denunciati due tabaccai

GRATTA E VINCI

Due tabaccai di Fisciano sono stati denunciati per falsificazione, frode nell’esercizio del commercio, accesso abusivo al sistema informatico o telematico e truffa continuata in concorso per aver, nel corso di diversi anni, alterato le schedine del ‘gratta e vinci’ per scoprire quelle che contenevano le combinazioni vincenti. In questo modo riuscivano a incassare i premi relativi ai tagliandi vincenti, lasciando in vendita al pubblico solo quelli ”sfortunati”.

Attraverso delle impercettibili manomissioni sui tagliandi, i due anziani coniugi gestori del tabaccaio di via Posidonia a Fisciano, avevano trovato il modo di individuare le schedine vincenti, che tenevano da parte per passare poi all’incasso dei premi.

I responsabili del Monopolio di Stato si sono però insospettiti e hanno interpellato i Carabinieri per chiedere un controllo. I militari della stazione Mercatello, coordinati dal maggiore Pier Paolo Rubbo e dal tenente Bartolo Taglietti, hanno dunque scoperto che fin dal 2011 la coppia di tabaccai aveva incassato un milione e 300mila euro di biglietti vincenti.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere