Giorgia Meloni in difesa della famiglia tradizionale: polemiche sul web

cartellone giorgia meloni

cartellone giorgia meloni


Giorgia Meloni
in difesa della famiglia tradizionale ed è subito polemica. Stanno facendo il giro del web le polemiche sui cartelloni scelti dalla leader di Fratelli d’Italia per la campagna elettorale 2018 che recita “Difendiamo la famiglia tradizionale”. In molti infatti hanno fatto notare come né lei né gli altri leader del centrodestra abbiano quello che si definisce una “famiglia tradizionale”: Meloni infatti convive con il compagno, dal quale ha avuto una figlia, senza essere sposata; Matteo Salvini è divorziato, ha convissuto e avuto due figli dalle ex compagne e Silvio Berlusconi è divorziato due volte, ha cinque figli dalle due ex mogli e attualmente convive.

A fronte delle accuse di ipocrisia, la stessa Meloni ha spiegato in cosa consiste la “famiglia tradizionale” nella sua idea politica. A margine della convention “Qui si fa l’Italia” organizzata al teatro Parenti di Milano, ha infatti dichiarato che sia la sua che quella di Berlusconi sono tradizionali. “Noi difendiamo le famiglie naturali, quelle che fanno figli. Sono queste a dover ricevere contributi dallo Stato, non quelle degli immigrati”, le sue parole.

Nel cercare di mettere una toppa a quanto detto, Meloni ha così peggiorato i toni: le sue parole sono risuonate come una condanna nei confronti di chi non ha figli perché non può o semplicemente non vuole. Inoltre, le uniche famiglie che meritano di essere difese sono quelle degli italiani, come se i bambini nati da genitori stranieri non fossero bambini tanto quanto gli italiani.

In questa deprimente campagna elettorale la Meloni è quella che non sposa il compagno con cui ha fatto un figlio ma...

Pubblicato da Selvaggia Lucarelli su Domenica 21 gennaio 2018

In tanti hanno così attaccato Meloni per parole che sono apparse omofobe e razziste e la polemica è letteralmente esplosa. Alle voci di chi ha sottolineato l’ipocrisia della definizione “famiglia tradizionale”, si sono unite quelle dei tanti single, coppie omosessuali o eterosessuali che non hanno figli perché non li vogliono o non li possono avere o che li hanno ma non sono italiane e che, nella definizione dell’onorevole, non sarebbero “naturali”.

Parole di Lorena Cacace

Da non perdere