Germania: è così che diventerà angusto un inverno senza gas russo

Il gasdotto Nord Stream 1 del Mar Baltico tornerà in funzione dopo la manutenzione o Vladimir Putin non invierà più gas in Europa, e soprattutto alla Germania? Un’analisi mostra che le consegne dalla Russia sono possibili solo a determinate condizioni.

Nord Stream 1
Il gasdotto di Gazprom verso la Germania – Nanopress.it

I migliori politici tedeschi sono attualmente in competizione. Il ministro federale dell’Economia Robert Habeck (Verdi) avverte di uno “scenario da incubo”, il leader dell’SPD Lars Klingbeil di “mesi drammatici” – e il primo ministro bavarese Markus Söder (CSU) anche di un “infarto economico” se il gas dalla Russia non scorre più . È passato molto tempo da quando i più potenti della repubblica sembravano così nervosi collettivamente come lo sono in questi giorni.

In Germania, il rischio di una completa interruzione della fornitura di gas è reale

Dopotutto, il rischio di una completa interruzione della fornitura di gas è più reale che mai, afferma Habeck. Quasi nessuno non è d’accordo.Da lunedì scorso, quando sono iniziati i lavori di manutenzione del gasdotto del Mar Baltico, quasi nessun gas naturale è fluito dalla Russia alla Germania. La revisione dovrebbe concludersi giovedì prossimo, secondo i piani ufficiali. Nessuno in questo paese sa se davvero ripartirà.

E se il Cremlino invierà di nuovo carburante a ovest attraverso il Nord Stream. Fino a poco tempo, più della metà di tutte le importazioni di gas tedesche provenivano dall’impero di Vladimir Putin. Ora quella percentuale potrebbe scendere a zero. E che meno di tre mesi prima dell’inizio della stagione di riscaldamento.

La Germania può superare l’inverno in questo modo? Ciò dipende principalmente dalla risposta a quattro domande chiave.Innanzitutto, possiamo importare più GNL? Nonostante la guerra e i tagli alle forniture, nella prima metà del 2022 l’UE ha persino importato una quantità leggermente maggiore di gas naturale rispetto ai primi sei mesi del 2021. Lo dimostrano i dati del think tank Bruegel di Bruxelles. 

È vero che dalla Russia è arrivato in Europa ben 30 miliardi di metri cubi di gas in meno rispetto al 2021. Anche l’Algeria ha tagliato circa tre miliardi. Tuttavia, ciò è stato più che compensato – da un lato da una quantità significativamente maggiore di gasdotto dalla Norvegia (più nove miliardi di metri cubi), ma soprattutto da importazioni di gas naturale liquefatto molto più elevate: da gennaio a giugno 2022, le utilities europee si sono procurate 28 miliardi metri cubi di GNL in più rispetto al primo semestre 2021 Il gas di congelamento liquefatto freddo a meno 162 gradi è peccaminosamente più costoso.

Ma con lui, gli europei sono riusciti a mettere al sicuro i loro rifornimenti e a riempire i magazzini vuoti. Il governo federale sta fornendo 15 miliardi di euro per questo. E ha grandi speranze per il GNL. Secondo i loro piani, il primo terminale galleggiante di GNL vicino a Wilhelmshaven dovrebbe entrare in funzione verso la fine dell’anno e poco dopo un secondo vicino a Brunsbüttel.

Le importazioni di GNL in Europa difficilmente possono essere aumentate

Tuttavia, le importazioni di GNL in Europa difficilmente possono essere aumentate in modo sostanziale per compensare eventuali ulteriori carenze russe. Dopotutto, secondo gli studi della multinazionale energetica Shell e altre previsioni, la fornitura globale di gas naturale liquefatto aumenterà di un massimo di 30 miliardi di metri cubi quest’anno – e gli europei hanno già acquistato quasi esattamente questa cifra. 

Olaf Scholz
Olaf Scholz – NanoPress.it

“Il limite è stato ampiamente raggiunto: per il GNL e anche per il gasdotto norvegese”, afferma Ben McWilliams, esperto di energia di Bruegel. »Sarà difficile importare le stesse quantità della prima metà dell’anno.«Da un lato, ciò è dovuto al più importante fornitore di GNL, gli Stati Uniti. Freeport, il secondo terminal di esportazione più grande del paese, è bruciato lì all’inizio di giugno.

Rappresenta circa un sesto della capacità di esportazione totale degli Stati Uniti. Probabilmente passerà almeno fino alla fine del 2022 prima che possa tornare pienamente operativo. L’agenzia nazionale per l’energia EIA prevede quindi che gli Stati Uniti spediranno il 6% in meno di gas naturale liquefatto nella seconda metà dell’anno rispetto ai primi sei mesi. D’altra parte, è probabile che la concorrenza globale per il GNL aumenterà. I paesi asiatici sono solitamente i più importanti acquirenti di GNL.

Il principale consumatore cinese, in particolare, si è recentemente trattenuto a causa dei blocchi della corona e della relativa debolezza della propria economia. “Ciò ha leggermente rilassato il mercato del GNL”, afferma Andreas Schröder, esperto della società di analisi londinese ICIS. Se la crescita riprenderà, la domanda cinese di GNL aumenterà. Il secondo importatore più grande, il Giappone, ha appena chiesto agli Stati Uniti e all’Australia di promuovere più GNL.

Il governo di Tokyo teme per l’approvvigionamento nazionale di gas, soprattutto da quando il Cremlino ha nazionalizzato un progetto GNL russo-giapponese. Dopotutto, le società giapponesi possono costruire contratti a lungo termine con i principali produttori in Qatar o in Australia. A differenza di molti fornitori tedeschi.E quindi non è ancora certo che ci sarà abbastanza gas per utilizzare appieno i primi due terminali GNL galleggianti per la Germania. Anche se ciò riesce ed entrambi gli impianti si avviano in tempo, inizialmente insieme consegneranno appena un miliardo di metri cubi di gas al mese. Ciò corrisponde a quasi un decimo del consumo tedesco in un mese invernale.