GB: Starmer accusa di irresponsabilità i conservatori sul bilancio

Il leader dell’opposizione Starmer promette la creazione di una nuova compagnia energetica pubblica. L’ultimo sondaggio elettorale dà alla sinistra britannica un vantaggio di 17 punti.

Keir Starmer
Keir Starmer – NanoPress.it

Il merito principale del leader del Partito dei Lavoratori, Keir Starmer, è quello di molti altri leader di sinistra nel mondo: aver convinto i cittadini che lui è a capo di un partito di governo, in cui possono fidarsi. “Come nel 1997 [l’anno della vittoria di Tony Blair], è giunto il momento per i laburisti”, ha detto Starmer alle migliaia di delegati che hanno partecipato al congresso del partito a Liverpool questa settimana.

Secondo l’ultimo sondaggio il partito guidato da Starmer ha 17 punti di vantaggio sui conservatori

L’ultimo sondaggio YouGov, pubblicato martedì dal quotidiano The Times, dà al principale partito di sinistra del Regno Unito un vantaggio elettorale di 17 punti percentuali sul Partito conservatore. Il 45% dei britannici voterebbe oggi per i laburisti alle elezioni generali, rispetto al 28% che voterebbe per il partito di destra. Erano passati due decenni da quando c’era stata una così netta predominanza del progressismo nei sondaggi. I laburisti celebrano il loro incontro annuale nella migliore delle situazioni possibili.

I mercati hanno messo in dubbio la credibilità e la responsabilità fiscale del nuovo governo di Liz Truss, e hanno fatto crollare il valore della sterlina non appena è stato annunciato venerdì scorso l’annuncio del più grande taglio fiscale dell’ultimo mezzo secolo. Come nel caso del New Labour di Blair, gli inglesi iniziano a cercare segni di responsabilità e serietà sul fianco sinistro.

“Siamo al centro della scena. Siamo il braccio politico del popolo britannico”, ha assicurato Starmer, con due frasi rubate allo stesso Blair. Se negli anni di Boris Johnson il leader laburista, a rischio di essere noioso e senz’anima, ha offerto un’immagine di rigore e temperanza di fronte alla mancanza di integrità di Downing Street, la tempesta economica scatenata ora dal nuovo governo, con piani economici carichi di ideologie e privi di buon senso, è servito a Starmer per presentarsi ai cittadini come garanzia del rigore di bilancio.

“Il governo ha perso il controllo dell’economia britannica. In cambio di? Hanno fatto crollare la sterlina. In cambio di? Tassi di interesse più alti, inflazione più alta e prestiti più costosi. A beneficio di chi? Non a te, classe operaia, ma per abbassare le tasse all’1% più ricco della società. Non dimenticarlo. C’è solo un modo per fermare tutto questo: con un governo laburista», ha proclamato Starmer davanti a un’udienza che, a differenza delle precedenti occasioni, non ha esitato ad applaudire alle parole di un leader oratorio piuttosto freddo. Starmer non è il più audace.

Ma, come Blair ai suoi tempi, anche se senza carisma o freschezza, ha saputo svelare pazientemente le eredità più scomode del suo predecessore, il veterano di sinistra Jeremy Corbyn, e guidare il partito verso la via dell’istituzionalità. La sua reazione alla morte di Elisabetta II è stata impeccabile; il suo controllo dei deputati ribelli in quei giorni di lutto nazionale, di ferro; e come tocco finale, l’idea di far alzare in piedi i delegati, all’inizio del congresso, per cantare il God Save The King (God save the king), è stata un successo in termini di strategia dell’immagine.

“Nel primo anno del governo laburista formeremo Great British Energy”

Non ha voluto smantellare tutti i tagli alle tasse proposti dal governo Truss. Conosce la mentalità degli inglesi. Ha scelto di attaccare le misure che generano più lamentele. Come l’eliminazione del limite massimo del 45% dell’imposta sul reddito delle persone fisiche per i redditi più alti, che Starmer ha promesso di annullare per destinare quei soldi a più medici e infermieri del Servizio sanitario nazionale.

Liz Truss
Liz Truss – Nanopress.it

O come la promessa di imporre una nuova tassa sugli utili inaspettati delle compagnie energetiche. Annunci moderati di un leader moderato, che però sa suonare le chiavi emotive di un partito la cui anima è ancora più di sinistra che di centro, anche se è da quest’ultimo che si vincono le battaglie elettorali. “Il Partito Comunista Cinese ha partecipazioni nella nostra industria nucleare e cinque milioni di consumatori nel Regno Unito pagano le bollette a una compagnia energetica di proprietà della Francia.

Così, nel primo anno del governo laburista, formeremo Great British Energy, una società che sfrutta tutte le opportunità dell’energia pulita che viene generata nel Regno Unito”, ha annunciato Starmer nel mezzo della più grande ondata di applausi per tutto il suo intervento. . “E sì, sarà una società di proprietà pubblica, perché è un bene per creare posti di lavoro, ricchezza e per raggiungere l’indipendenza energetica da tiranni come Vladimir Putin”.

“Sono determinato a ridurre il debito. Ciascuna delle mie misure sarà accompagnata da spese dettagliate e giustificate”, ha promesso. Il nuovo ministro dell’Economia, Kwasi Kwarteng, si è adoperato per convincere banchieri e investitori dello stesso. Kwarteng ha incontrato questo martedì alcune delle principali aziende della City di Londra, il cuore finanziario della città, per difendere i suoi tagli alle tasse e le sue promesse di deregolamentazione —”piano di crescita”, l’ha battezzato lui—, ma ha anche cercato di rassicurare con un impegno per la stabilità di bilancio a medio termine.

“Abbiamo un piano fiscale a medio termine che presenteremo il 23 novembre, accompagnato da un’analisi dettagliata dell’Ufficio per la responsabilità di bilancio. Sarà un piano dotato di credibilità, per far sì che il livello del debito rispetto al PIL continui a ridursi”, ha promesso loro Kwarteng.