Gabriel Garko: l'attore in Sierra Leone per sostenere i bambini africani

La stella della fiction italiana in Sierra Leone

Gabriel Garko: l’attore in Sierra Leone per sostenere i bambini africani

54
Gabriel Garko

E’ un lato inedito di Gabriel Garko, quello che viene fuori da alcune foto postate sui social e che ritraggono l’attore torinese di 43 anni in Sierra Leone, nel continente africano. Garko ha detto in Rete di essere ‘alla ricerca di una nuova scuola‘ per i bambini del posto e, proprio con queste parole, ha fatto capire ai fans di aver passato qualche giorno fuori dall’Italia come volontario in un progetto di cooperazione internazionale eco-sostenibile, uno dei tanti promossi da un’associazione sanremese, un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale impegnata da anni in varie attività.

A suscitare curiosità sono state proprio le foto condivise su Facebook e Instagram dallo stesso Gabriel Garko, in quanto subito notate dai fans, per certi versi sorpresi di vedere il loro beniamino in compagnia di bambini africani.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

Alla ricerca di una nuova scuola@Roberto Ravera

Pubblicato da Gabriel Garko su Martedì 5 aprile 2016

L’impegno sociale dell’attore in Sierra Leone è stato quindi spiegato dal presidente di FHM Italia Onlus che ha commentato così ad ANSA l’inaspettato attivismo della star italiana: ‘Si è informato sulla nostra attività. Mi ha guardato e mi ha detto: ‘E se venissi?‘, ha fatto sapere Roberto Ravera, giudicando la presenza dell’attore, in Sierra Leone apparso ‘molto toccato‘, come un ‘segno di autentico bisogno di vivere esperienze che aprano a realtà diverse‘.

Il progetto a cui avrebbe preso parte Gabriel Garko sembra sia legato al recupero di bambini, alcuni finiti anche in carcere. A svelare alcune storie è stato lo stesso Roberto Ravera dal suo profilo Facebook. C’è ad esempio George, che a soli 11 anni soffre di psicosi dopo la morte della madre e l’abbandono del padre, o Maria, di 16 anni, che ha ucciso il marito dopo le violenze subite. ‘Esperienze come queste ti segnano dentro, è ineluttabile‘, ha commentato, ringraziando alcuni volontari e quindi anche Gabriel Garko, ‘che passa un po’ di tempo con noi‘, ha fatto sapere.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “//connect.facebook.net/it_IT/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3”; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, ‘script’, ‘facebook-jssdk’));

Sierra Leone@Roberto Ravera

Pubblicato da Gabriel Garko su Lunedì 4 aprile 2016

Per Gabriel Garko l’esperienza solidale in Sierra Leone non è la sola vicenda per lui significativa. In questo periodo è sul piccolo schermo nella nuova fiction di Canale 5 Non è stato mio figlio, ma prima di prendere parte al Festival di Sanremo 2016 come co-conduttore, era rimasto scosso da quanto capitato a pochi giorni dal debutto all’Ariston, quando la villetta vicina alla sua abitazione è esplosa, causando la morte di una persona.

Parole di Raffaele Di Santo

Da non perdere