Francesco Facchinetti: ‘La famiglia è tutto, sogno di trasferirmi negli USA’

Francesco Facchinetti famiglia

Anni fa era un punkabbestia che andava a dormire alle 10 del mattino, ma oggi è diverso: per Francesco Facchinetti, la famiglia, i quattro figli (compresa Charlotte, la primogenita di sua moglie Wilma, che lui considera alla pari degli altri) e la sua dolce metà sono l’unica ragione di una vita che nel frattempo è diventata molto abitudinaria (‘mi alzo ogni giorno alle 6 e mangio sempre le stesse cose: riso, pollo e bresaola’) ma che conserva ancora un sogno da realizzare: trasferirsi prima o poi negli USA.

Francesco Facchinetti, figlio di cotanto padre (Roby dei Pooh), detentore di un primato difficilmente eguagliabile (il suo celeberrimo tormentone del 2003, La Canzone del Capitano, è il singolo italiano più venduto del XXI secolo con un milione e 600mila copie), oggi è un uomo di 37 anni completamente diverso rispetto al passato.

[galleria id=”317″]

‘Sono diventato grande quando mi hanno dato Mia in braccio, la figlia che ho avuto da Alessia Marcuzzi’, ha raccontato in una lunga intervista al Corriere della Sera, ‘Prima andavo a letto alle 10 del mattino e mi svegliavo alle 7 di sera, mi veniva voglia di andare a New York e sparivo per un mese. Ancora oggi ho voglia di New York, poi mi ricordo che ho quattro figli, non parto ma mi metto a ragionare su come portarli con me’.

[npleggi id=”139547″ testo=”Francesco Facchinetti, ‘mia moglie Wilma l’ho conosciuta su Whatsapp'”]

In America però prima o poi ci ritornerà, e questa volta per restarci: ‘Sì, vorrei viverci. Cerco sempre il modo per trasferirmi, ho pure girato la puntata zero di un format chiamato I Facchinetti’s su proposta di un produttore americano: gli piace che abbia tanti figli, che venga da una famiglia di cinque fratelli di tre mamme diverse, che ho un papà e una ex fidanzata famosi e che siamo un circo’. Francesco Facchinetti e la sua famiglia a far concorrenza ai Kardashian’s: chissà, potrebbe anche funzionare…

[npleggi id=”114617″ testo=”Francesco Facchinetti lancia un movimento (a)politico per il futuro dei giovani”]

Archiviate le velleità di cantante (‘Da ragazzo mi sentivo Mick Jagger e credevo di avere la voce di Stevie Wonder, poi ho capito che quella voce non l’avevo e ho dovuto ripensare tutto’) oggi il figlio di Roby Facchinetti dei Pooh è rimasto nell’ambiente dello spettacolo ma con un altro ruolo: ‘Ho un’agenzia di talenti: sono agente, producer, concessionaria pubblicitaria. Ho scoperto Frank Matano e Riki (Riccardo Marcuzzo di Amici, ndr), che con il suo primo album è già doppio disco di platino. E a settembre condurrò Miss Italia 2017 su La7‘.