Fotoreporter ucraino e un soldato “giustiziati a freddo” dai russi

Un fotoreporter ucraino e un soldato che lo stava accompagnando, che sono stati uccisi nelle prime settimane dell’invasione russa, sembrano essere stati “giustiziati a freddo”, mentre stavano cercando nei boschi occupati dai russi il drone scomparso del fotografo.

Maxs Levin
Maxs Levin . NanoPress.it

A fare questa rivelazione è stata Reporter senza frontiere (Rsf) questa mattina, citando i risultati di un’indagine sulla morte di queste due persone. Il gruppo per la libertà di stampa ha affermato di essere tornato nel punto in cui i corpi di Maks Levin e del militare Oleksiy Chernyshov sono stati trovati il ​​1 aprile nei boschi a nord della capitale, Kiev.

ll Fotoreporter stava cercando il suo drone nel bosco

Il gruppo ha detto di aver contato 14 fori di proiettile nella carcassa bruciata della loro auto ancora sulla scena. Il gruppo ha detto che posizioni russe in disuso, una delle quali ancora intrappolata, sono state trovate nelle vicinanze. Sono stati trovati anche i resti di razioni di cibo, pacchetti di sigarette e altri rifiuti apparentemente lasciati dai soldati russi.

Alcuni degli effetti personali di Levin e Chernyshov, inclusi i documenti d’identità del soldato e parti del suo giubbotto antiproiettile e l’elmetto del fotografo, sono stati recuperati. Una squadra ucraina con metal detector ha anche scoperto un proiettile sepolto nel terreno dove giaceva il corpo di Levin.

Il gruppo ha affermato che la scoperta suggerisce “probabilmente è stato ucciso con uno, forse due proiettili sparati a distanza ravvicinata quando era già a terra”. Una tanica per la benzina è stata trovata anche vicino al luogo in cui era stato recuperato il corpo bruciato di Chernyshov, ha aggiunto.

Reporter senza frontiere (Rsf) ha affermato che i suoi risultati “mostrano che i due uomini sono stati senza dubbio giustiziati a freddo”. Levin e Chernyshov sono stati ascoltati per l’ultima volta il 13 marzo. Un localizzatore GPS nel loro veicolo ha dato la loro ultima posizione, nei boschi a nord di Kiev, ha detto il gruppo di Reporter. Dicono che Levin aveva perso il suo drone nella zona il 10 marzo, e non era stato in grado di recuperarlo perché era finito sotto il fuoco russo.

I droni strumento indispensabile in questa guerra

I droni sono diventati uno strumento comune per i fotoreporter per ottenere foto e video aerei. Reporters senza frontiere ha detto che Levin aveva occasionalmente condiviso le informazioni raccolte dal suo drone, comprese le posizioni russe, con le forze ucraine.

Soldati russi
Soldati russi – NanoPress.it

“Ma l’uso del suo drone è stato prima di tutto uno strumento giornalistico, confermato dal suo entourage e mostrato dalle immagini vendute ai media dall’inizio dell’invasione russa”, si legge.

Il gruppo ha ipotizzato che Levin stesse cercando il suo drone quando lui e Chernyshov sono stati uccisi. Il gruppo ha affermato di aver consegnato le prove raccolte e dozzine di foto agli investigatori ucraini. Il gruppo ha affermato di non essere in grado di confermare se i corpi degli uomini siano stati sottoposti ad autopsia, un passaggio che ha definito essenziale per le indagini sulla loro morte.

Ha anche chiesto alle agenzie di difesa e intelligence ucraine di fornire agli investigatori tutte le informazioni in loro possesso, sulle unità russe che avevano occupato l’area durante il fallito assalto di Mosca a Kiev, nelle fasi iniziali della guerra di quattro mesi.