FIFA, il leggendario videogioco perde il suo nome. E ora che succede?

Ormai la notizia è ufficiale: Electronic Arts ha ‘rotto’ con la FIFA, e ora dovrà rinominare il suo leggendario videogioco.

FIFA con il nuovo nome di F.C. EA Sports
FIFA con il nuovo nome di F.C. EA Sports – NanoPress.it

FIFA, ecco cosa cambia nel famoso videogioco sportivo

Ma di certo continuerà a conservare gli elementi essenziali per il suo successo: tecnologia, community, e le licenze per utilizzare giocatori di calcio reali.

Questo perché le principali leghe e club si sono affrettati a dire che continuano con EA. Per milioni di persone, pensare alla “FIFA” non significa pensare all’organismo che governa il calcio, ma al videogioco Electronic Arts, che porta quel nome da 30 anni.

Ma il loro accordo, come dicevamo, è stato rotto, e dal 2023 il gioco si chiamerà ‘EA Sports FC’. Il simulatore di calcio perde il suo nome, ma chi avrà la peggio, in termini di visibilità e prestigio?  Il gioco ‘FIFA’ è diventato un fenomeno mondiale.

È uno dei dieci franchise più venduti di sempre, insieme a marchi universali come Mario, Tetris, Pokémon o Minecraft. Nel 2021 ha venduto 30 milioni di unità e la sua community conta 150 milioni di giocatori.

Ea-Sport
Ea sports – Nanopress.it

È lo star game di Electronic Arts, che è il sesto distributore più grande al mondo, con un fatturato annuo di circa 5.500 milioni di dollari — come riferimento, guadagna la metà di Seat (9.200) e un quinto di Mercadona (25.000), sebbene generi quattro volte più benefici del primo e poco più del secondo.

Il successo di FIFA è sostenuto dalla sua modalità online, Ultimate Team, in cui i giocatori competono l’uno contro l’altro gestendo una rosa con calciatori reali, che ottengono durante la stagione, come se fossero figurine.

È una community di forum, app, tutorial e youtuber famosi. Anche un affare. È una modalità pay-to-win (pay to win), perché si possono puoi usare soldi veri per acquistare pacchetti di giocatori, dove all’interno si può trovare Mbappe.

Quasi un terzo delle entrate di EA proviene dai pagamenti in-game. Electronic Arts pagava 150 milioni all’anno per utilizzare i marchi dei Mondiali e le sigle, ma ora la FIFA, per rinnovare l’accordo, chiedeva il doppio dei soldi.

300 milioni di dollari considerati troppi per l’esclusiva

Inoltre, secondo il New York Times, non voleva cedere in esclusiva alcuni diritti digitali, che stanno diventando ogni giorno più preziosi. In EA hanno pensato che 300 milioni di dollari l’anno fossero troppi, e che sono abbastanza famosi per continuare da soli.

La chiave è che EA non perde nulla di essenziale. Mantengono i tre pezzi fondamentali di FIFA: tecnologia e conoscenza per creare il miglior gioco possibile, una vasta comunità di giocatori e, cosa più delicata, i diritti di includere calciatori reali.

Fifa mobile 2002 con l'immagine di Mbappé
Fifa mobile – NanoPress.it

È bello poter giocare sulla tua console con Manchester City e FC Barcelona, ​​ma la cosa più importante sono gli atleti. Gestire un fuoriclasse che assomiglia a Benzema, Salah o Ronaldo, non solo nel suo aspetto, ma anche nei suoi movimenti e abilità.

Quando giochi a FIFA, ti confronti con calciatori autentici, che sono diversi l’uno dall’altro, è un fascino unico del franchise. In EA lo sanno, e quindi dicono addio alla sigla FIFA, ma lasciano centinaia di accordi di licenza firmati con club, campionati e competizioni, e anche con giocatori storici, in modo da poter gestire Henry o Butragueño.

La dimostrazione di forza di EA si è fatta sentire il giorno in cui ha annunciato la risoluzione dell’accordo con la FIFA. Sono usciti per dire che i principali campionati e i migliori club del mondo erano ancora dalla loro parte.

È stato fatto dalla Premier League (“EA Sports è un partner prezioso e a lungo termine”), dalla Liga spagnola (“Ci impegniamo a collaborare con EA”) o dalla UEFA (“vogliamo continuare la nostra relazione”). E lo hanno fatto decine di club, come Madrid, Atlético, PSG o City, che hanno twittato quasi all’unisono: “Siamo nel Club #EASPORTSFC”.