Fabio Di Lello condannato a 30 anni per l'omicidio del giovane che aveva investito la moglie, uccidendola

Fabio Di Lello sua moglie Roberta Smargiassi e Italo D'Elisa

Fabio Di Lello è stato condannato a 30 anni dalla Corte d’Assise a Lanciano. Il 34enne di Vasto (Chieti) è stato accusato dell’omicidio volontario premeditato – avvenuto lo scorso primo febbraio – di Italo D’Elisa (22 anni), il giovane che aveva investito e ucciso sua moglie in un incidente stradale. La dinamica dell’omicidio ha convinto i giudici che si è trattata di vendetta personale.

Fabio Di Lello esplose contro il giovane tre colpi di pistola calibro 9, secondo l’accusa per vendicare l’investimento mortale da parte di Italo D’Elisa la scorsa estate, di sua moglie, Roberta Smargiassi.

D’Elisa, prima di essere ucciso, era indagato a piede libero per omicidio stradale, ed era in attesa che iniziasse il processo.

LEGGI ANCHE CHI ERA ITALO D’ELISA NEL RICORDO DEL PADRE

Di Lello è stato quindi giudicato con rito abbreviato per l’accusa di omicidio volontario premeditato. Il procuratore aveva chiesto l’ergastolo. Nella sua dichiarazione spontanea alla Corte, sempre in quell’udienza, Di Lello ha detto di essere “pentito e dispiaciuto per quanto fatto”.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere