Europa: cosa succede dopo che la Russia ha ridotto il gas

Non è un’ondata di caldo estivo che in Europa sta facendo sudare i leader e le imprese europee. Si teme che la manipolazione da parte della Russia delle forniture di gas naturale porti a una crisi economica e politica il prossimo inverno. O, nel peggiore dei casi, anche prima.

Nord Stream 1
Il gasdotto di Gazprom verso la Germania – Nanopress.it

La scorsa settimana la Russia ha ridotto le forniture di gas a cinque paesi dell’Unione Europea, inclusa la Germania, la più grande economia del blocco di 27 paesi che dipende fortemente dal gas di Mosca per generare elettricità e far andare avanti l’industria energetica.

Germania e Italia si ritrovano con metà del gas della Gazprom

Il colosso energetico statale russo Gazprom ha ridotto del 60% le forniture attraverso il gasdotto Nord Stream 1, che corre sotto il Mar Baltico, dalla Russia alla Germania, il principale gasdotto europeo. L’Italia ha visto la sua sua offerta dimezzarsi. Anche Austria, Repubblica Ceca e Slovacchia hanno registrato riduzioni.

Questo si aggiunge alle interruzioni del gas in Polonia, Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Francia e Paesi Bassi nelle ultime settimane. Inizialmente, queste interruzioni erano considerate un problema minore perché la Polonia, ad esempio, stava già eliminando gradualmente il gas russo entro la fine dell’anno, mentre altri avevano forniture alternative.

Gli ultimi tagli, tuttavia, hanno colpito paesi che sono grandi economie e utilizzano molto gas naturale russo. La Germania fa affidamento sulla Russia per il 35% delle sue importazioni di gas; Italia per il 40%. In questo momento, le forniture di gas sono sufficienti per le esigenze attuali.

L’Europa si sta affrettando a riempire il suo deposito sotterraneo di gas prima dell’inverno. Le società di servizi di gas funzionano a un ritmo regolare, riempiendo le riserve durante l’estate – quando, si spera, possono acquistare il gas a un prezzo inferiore – e poi riducendolo durante l’inverno all’aumentare della domanda di riscaldamento. Le riduzioni renderanno il riempimento dello stoccaggio più costoso e difficile da realizzare.

La mossa ha anche avvicinato lo spettro di una chiusura completa del gas russo che renderebbe impossibile per l’Europa ottenere tutto il carburante di cui ha bisogno per l’inverno. Il gas naturale è utilizzato da diverse industrie ad alta intensità energetica, come i produttori di vetro e i produttori di acciaio, che stanno già affrontando costi più elevati e rallentando l’uso, contribuendo a rallentare l’economia europea.

Perché le riduzione di gas preoccupa l’Europa?

Per la produzione di elettricità, il gas è la fonte di energia “altalenante” che entra in gioco quando fonti rinnovabili come vento e sole generano meno energia, a causa di condizioni meteorologiche imprevedibili, e quando il consumo di elettricità aumenta durante la stagione fredda o calda, come l’ondata di caldo dello scorso fine settimana che ha stimolato livelli record in Europa.

Logo di Gazprom
Logo di Gazprom – NanoPress.it

In questo momento, i magazzini di stoccaggio sotterranei d’Europa sono piene al 57%. L’ultima proposta della Commissione europea prevede che ciascun paese raggiunga l’80% entro il 1° novembre, mentre la Germania ha fissato obiettivi dell’80% entro il 1° ottobre e del 90% entro il 1° novembre.

Gli analisti del think tank Bruegel a Bruxelles avvertono che “Bulgaria, Ungheria e Romania non raggiungeranno l’obiettivo dell’80% dell’UE se continueranno alla velocità attuale”, mentre “Germania, Austria e Slovacchia troveranno molto difficile riempire i loro impianti di stoccaggio se i flussi di gas dalla Russia vengono interrotti”.

L’UE, che prima della guerra otteneva circa il 40% del suo gas dalla Russia, ha delineato piani per tagliare le importazioni di due terzi entro la fine dell’anno e eliminare completamente il gas russo entro il 2027. Il blocco ha già affermato che stopperà l’invio del carbone russo in agosto e la maggior parte del petrolio russo in sei mesi.

L’obiettivo è ridurre gli 850 milioni di dollari al giorno che la Russia sta raccogliendo dalle vendite di petrolio e gas all’Europa per evitare di finanziare la sua guerra in Ucraina. I governi e i servizi pubblici europei hanno acquistato dagli Stati Uniti costoso gas naturale liquefatto, o GNL, che viene consegnato via nave, al contrario del gas che arriva tramite gasdotto dalla Russia ed è in genere più economico.

Come ovviare al gas russo?

Ma la guerra ha fatto aumentare i prezzi dell’energia, che stanno alimentando un’inflazione record in Europa e contribuendo a mantenere alte le entrate per la Russia. Ci sono sforzi per ottenere più gas dai gasdotti dalla Norvegia e dall’Azerbaigian, mentre si prevede che l’introduzione accelerata di energia rinnovabile e conservazione svolgeranno ruoli minori. La Germania, che non ha terminali di importazione di GNL, sta introducendo quattro terminali galleggianti, due dei quali dovrebbero essere operativi quest’anno.

Un tir dell'Eni
Un tir dell’Eni – NanoPress.it

Nonostante l’attenzione alle energie rinnovabili, la crisi sta spingendo i paesi a tornare ai combustibili fossili. La Germania sta affrettando la legislazione per riavviare le centrali elettriche a carbone, nonostante i piani per uscire completamente dal carbone entro il 2030. Il vicecancelliere Robert Habeck ha detto che è “innaturale” passare al carbone, ma che “in questa situazione, è pura necessità”. Il governo prevede misure per incentivare l’industria e le utility a utilizzare meno gas naturale. Habeck ha anche esortato i tedeschi a risparmiare energia.

“Il consumo di gas deve essere ulteriormente ridotto, in modo che più gas possa essere immagazzinato, altrimenti in inverno sarà limitato”, ha affermato. Il governo olandese afferma che consentirà alle centrali elettriche a carbone di tornare a funzionare a pieno regime, per conservare il gas naturale che altrimenti verrebbe bruciato per produrre elettricità.

La sicurezza del gas in Europa è fragile nonostante tutte queste misure. I terminali di esportazione di gas liquefatto nei paesi produttori di energia come gli Stati Uniti e il Qatar stanno funzionando a pieno regime, il che significa che l’Europa sta facendo offerte all’Asia per forniture limitate.

Inoltre, un’esplosione e un incendio in un terminal di esportazione a Freeport, in Texas, hanno messo offline per mesi un quinto della capacità di esportazione degli Stati Uniti, provocando un altro brivido nel mercato del gas. La maggior parte delle esportazioni di quel terminal sarebbero andate in Europa, ha affermato Rystad Energy.

La situazione sul mercato europeo del gas naturale si sta aggravando ulteriormente”, ha affermato l’analista di materie prime Carsten Fritsch di Commerzbank Research, indicando l’esplosione e un arresto programmato per manutenzione del Nord Stream 1 che significherà nessun flusso di gas attraverso il gasdotto dall’11 al 21 luglio. “L’accumulo urgente di scorte di gas per i mesi invernali potrebbe quindi vacillare” e i prezzi probabilmente saliranno ancora.

Qual è il gioco della Russia?

Gazprom afferma di aver dovuto ridurre i flussi verso l’Europa attraverso il Nord Stream 1 perché le sanzioni occidentali hanno bloccato un pezzo chiave dell’attrezzatura in Canada, dove erano stati portati dei pezzi per la manutenzione. I passi di Gazprom hanno fatto salire notevolmente i prezzi del gas naturale dopo che erano scesi sulla scia del finale della stagione invernale.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

Ciò aumenta le entrate per la Russia in un momento in cui è sotto pressione per le sanzioni economiche occidentali e aggiunge stress all’Europa poiché fornisce supporto politico e militare all’Ucraina. Le mosse di Gazprom possono anche essere viste come un respingimento contro le sanzioni occidentali, e come un deterrente per imporre ulteriori sanzioni.

E gli utenti di gas più grandi sono stati avvisati che, proprio come quelli più piccoli, non sono esenti da un possibile taglio. Germania e Italia hanno visto le loro forniture tagliate nel periodo in cui i loro leader si sono uniti al presidente francese Emmanuel Macron a Kiev, per incontrare il presidente Volodymyr Zelensky, e sostenere lo status di candidato dell’UE per l’Ucraina.

Ciò è improbabile perché la legge dell’UE impone ai governi di razionare le forniture di gas all’industria in modo da risparmiare case, scuole e ospedali. I paesi che sono a corto di gas possono anche chiedere aiuto ad altri che potrebbero essere in una forma migliore, anche se ciò dipende da collegamenti adeguati ai gasdotti.

Lo svantaggio del razionamento sarebbero i tagli e le chiusure industriali che potrebbero costare posti di lavoro e crescita, in un’economia già schiacciata dall’inflazione elevata, e dai timori di un rallentamento globale ,poiché le banche centrali alzano i tassi di interesse.

Nel frattempo, un taglio completo potrebbe far salire i prezzi del gas verso il record di 206 euro per megawattora dal 7 marzo, alimentando ulteriormente l’inflazione. All’inizio del 2021, prima che la Russia ammassasse le truppe al confine con l’Ucraina, il gas spot costava circa 19 euro per megawattora.