Emiliano Sala, morto il calciatore inabissatosi con l’aereo nel canale della Manica

Anche le ultime speranze sono svanite dopo l’annuncio della Polizia del Dorset sul ritrovamento del corpo di Emiliano Sala all’interno dell’aereo su cui viaggiava sul canale della Manica e precipitato lo scorso 21 gennaio. Il calciatore argentino era in volo da Nantes verso Cardiff dove avrebbe dovuto giocare per il suo esordio in Premier League il 29 gennaio contro l’Arsenal. Con lui sul velivolo, un Piper PA-46 Malibu, c’era solo il pilota di cui ancora non è stato recuperato il corpo. Le ricerche erano continuate per giorni nonostante le cattive condizioni meteo. Tra le prime a esprimere il dolore sui social c’è la sorella Romina Sala che con il suo intervento era riuscita a convincere le autorità a non fermare le ricerche.

La notizie della morte del calciatore ha colpito tutto il mondo del calcio e non solo. Giovane talento argentino, Sala era stato acquistato nel mercato invernale dalla squadra gallese per 18 milioni di euro e avrebbe dovuto fare il suo esordio nella massima serie inglese la settimana successiva all’incidente.

Parole di cordoglio sono arrivate dai social da parte di chi lo conosceva, come l’amata sorella Romina.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10218404069076897&set=p.10218404069076897&type=3&theater

Anche il presidente argentino Mauricio Macrì si è unito al cordoglio dei social così come altri calciatori dell’Albiceleste come Javier Mascherano, Sergio Aguero “El Kun” o Gabriel Batistuta.

Tra chi ancora aspetta il calciatore c’è il suo cane, Nala, ritratta dalla sorella mentre è in attesa del suo amato padrone davanti alla porta finestra di casa: anche per lei ormai le speranze sono svanite.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10218362307552885&set=a.10202473450061378&type=3&theater