Elon Musk replica ai russi: “Se muoio in circostanze misteriose, è stato bello conoscervi”

Il CEO di Tesla e SpaceX; e proprietario di Twitter, Elon Musk risponde alla minaccia da parte di Dmitry Rogozin (capo di Roscosmos) con un Tweet che terrorizza i suoi seguaci.

Elon Musk
Elon Musk – Nanopress.it

“If I die under mysterious circumstances, it’s been nice knowin ya”, il tweet che ha spaventato i followers di Elon Musk.

CEO di Tesla minacciato dai russi

Elon Musk, CEO di Tesla e SpaceX e ora nuovo proprietario di Twitter è stato minacciato da Dmitry Rogozin (capo di Roscosmos l’agenzia spaziale Russa, controparte di SpaceX) per aver fornito agli ucraini i terminali del sistema satellitare Starlink. I sistemi sono stati consegnati ed utilizzati per mantenere attive le comunicazioni e le connessioni Internet del paese.

Questa è la minaccia di Rogozin che ha spaventato l’impreditore:

“Per questo, Elon, ti riterremo responsabile come un adulto, anche se continui a giocare a fare lo stupido.”

Tanto da averlo portato a rispondere con questo Tweet:

“If I die under mysterious circumstances, it’s been nice knowin ya”
(“Se muoio in circostanze misteriose, è stato un piacere conoscervi”).


Il testo ha allarmato tutti i suoi 91,5 milioni di seguaci e in primis sua madre, Maye Musk, che così ha risposto al figlio:

“Non è divertente”.

Qualche minuto dopo Musk risponde, provando a rassicurarla:

“Farò il possibile per restare vivo”.

Elon e Maye Musk
Elon Musk e sua madrem Maye Musk – Nanopress.it

Musk accusato di fornire materiale bellico all’Ucraina

Elon Musk, che dall’inizio dell’invasione russa espone pubblicamente il suo sostegno all’Ucraina e al presidente Zelens’kyj, è stato accusato dalle forza belliche russe di aver contribuito, insieme al Pentagono, a rifornire equipaggiamenti per comunicazioni militari alle forze combattenti fasciste del Battaglione Azov e ai marines ucraini, rifugiatosi a Mariupol.

L’accusa di aver fornito materiale bellico all’Ucraina rende Musk un bersaglio per possibili ritorsioni da parte della Russia, riconosciuta per aver eliminato diverse personalità in giro per il mondo con veleni e sostanze tossiche e radioattive.

Musk è giustamente spaventato dalla minaccia di Rogozin e spera di difendersi rendendo pubblica la sua dichiarazione.

La polemica contro il ceceno Kadirov

Il fondatore di Tesla e di SpaceX aveva inoltre montato una polemica contro il leader ceceno Kadirov. L’uomo d’affari aveva sfidato ironicamente Putin ad un incontro corpo a corpo per poter porre fine alla guerra in Ucraina.

“Elon Musk, un consiglio. Non misurare la tua forza con quella di Putin. Vladimir Vladimirovich (ovvero primo nome del presidente russo, ndr.) potrebbe sembrare antisportivo battendoti a morte. Tu, un avversario molto più debole”

così gli aveva risposto Kadiriv su Telegram, dopo le sue dichiarazioni.