Elisabetta II ed i suoi 14 presidenti americani: un rapporto speciale

Durante i suoi sette decenni di regno, Elisabetta II ha incontrato tutti i presidenti degli Stati Uniti con i quali ha coinciso, con un’eccezione, Lyndon Johnson.

Elisabetta II
Elisabetta II-NanoPress.it

Ha ballato con Gerald Ford, è andata a cavallo con Ronald Reagan, che ha elogiato le sue abilità equestri, e ha piantato un albero sul prato della Casa Bianca con Jimmy Carter. Durante i suoi sette decenni di regno, la regina Elisabetta II d’Inghilterra ha coinciso con 14 presidenti americani e ha visto ognuno di loro, con la sola eccezione di Lyndon B. Johnson.

Ha ballato con Gerald Ford ed è andata a cavallo con Ronald Reagan

Con alcuni ha mantenuto una vera sintonia personale, come con Barack Obama e sua moglie Michelle. Con altri, come il presidente Donald Trump, i sorrisi erano molto meno calorosi. Il legame tra il sovrano e gli Stati Uniti fu sempre intenso, riflesso del rapporto speciale tra l’ex metropoli e la sua prima colonia indipendente.

Elisabetta II ha partecipato a commemorazioni chiave della storia degli Stati Uniti, dal duecentesimo anniversario della dichiarazione di indipendenza, celebrata nel 1976, agli atti in memoria della fondazione della prima colonia britannica sul suolo nordamericano, Jamestown ; il suo discorso di solidarietà dopo gli attacchi dell’11 settembre ha commosso gli abitanti di un paese sconvolto. Il sovrano era sempre stato molto popolare in un paese che ha il repubblicanesimo inciso nel suo codice genetico, ma sempre affascinato dalle novità della famiglia reale britannica.

Elisabetta II era, secondo tutti i sondaggi, il membro vivente dei Windsor più amato dal pubblico americano, anche se Diana del Galles, morta nel 1997, l’ha superata anno dopo anno nelle liste di popolarità. “È stata la prima sovrana britannica con cui le persone in tutto il mondo hanno potuto sentire un legame personale e immediato”, ha detto giovedì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden in una dichiarazione di cordoglio firmata con sua moglie, Jill Biden.

“La regina Elisabetta II è stata una statista di impareggiabile dignità e fermezza, che ha approfondito l’indissolubile alleanza tra Stati Uniti e Regno Unito. Ha contribuito a renderlo un rapporto speciale”. L’attuale occupante della Casa Bianca ha ordinato che la bandiera americana venga sventolata a mezz’asta sugli edifici ufficiali il giorno della sepoltura reale. Elisabetta II “ha ostentato solidarietà con gli Stati Uniti durante i nostri giorni più bui dopo l’11 settembre, quando ci ha ricordato emotivamente che ‘il dolore è il prezzo che paghiamo per l’amore'”, ha detto Biden.

Anche altri ex presidenti che l’hanno conosciuta durante il suo mandato si sono affrettati a porgere le loro condoglianze. “Michelle ed io abbiamo avuto la fortuna di conoscere Sua Maestà, e lei ha significato molto per noi”, ha detto Barack Obama, forse il presidente con cui il legame personale era più evidente. “Quando stavamo appena iniziando a navigare come Presidente e First Lady, ci ha accolto sulla scena mondiale a braccia aperte e con straordinaria generosità.

Più e più volte siamo rimasti colpiti dal suo calore, dal modo in cui faceva sentire le persone a proprio agio intorno a lei e da come usava il suo notevole fascino e umorismo nei momenti di maggior sfarzo e circostanza”. “Melania ed io ricorderemo sempre con affetto i nostri tempi con la Regina e non dimenticheremo mai la generosa amicizia, la grande saggezza e il meraviglioso senso dell’umorismo di Sua Maestà.

“Sua Maestà la Regina Elisabetta II era più di una regina. Ha segnato un’era”, ha sottolineato Biden

Che bella ed elegante signora, come lei non c’è mai stata!”, ha scritto Donald Trump, che ha partecipato con la moglie a una cena di stato in suo onore a Buckingham Palace nel 2019. Anche se, a giudicare dalle foto dell’epoca, l’armonia tra i due leader era limitata. Le immagini, trasformate in carne di meme sui social network quando sono state pubblicate, mostrano entrambi guardare le telecamere con un’espressione seria, quella della regina Elisabetta II insolitamente severa.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Il primo presidente americano con cui l’allora ancora la principessa Elisabetta ebbe a che fare ufficialmente fu Harry Truman nel 1951, che visitò a Washington, in viaggio con suo marito, il principe Filippo, un anno prima della sua ascesa al trono. Sei anni dopo furono Dwight Eisenhower, decorato dal padre del sovrano, Giorgio VI, e sua moglie, Mamie, a ricevere la già regina alla Casa Bianca. Elisabetta II ha ricambiato l’invito ricevendo l’eroe di guerra al castello di Balmoral, la residenza estiva scozzese che adorava e in cui è morto questo giovedì.

Durante la sua visita, Ike è rimasto entusiasta delle focaccine a goccia, un tipo di frittella scozzese. Al loro ritorno negli Stati Uniti, hanno ricevuto la ricetta personale inviata da Sua Maestà. Un po’ più movimentato, secondo i pettegolezzi dell’epoca, fu il ricevimento di John F. Kennedy e sua moglie Jacqueline a Buckingham Palace. La sovrana non era molto divertita, a quanto pare, dal fatto che Jackie avesse chiesto di invitare sua sorella e suo cognato, entrambi divorziati.

E la first lady è rimasta delusa dall’assenza di due reali che voleva incontrare, la principessa Margaret e la principessa Marina. Anche se la freddezza che si sarebbe potuta generare si è presto dissolta: da Washington, JFK ha inviato alla regina un messaggio di ringraziamento in cui assicurava: “Porteremo sempre nel cuore il ricordo di quella deliziosa serata”. La controversia indusse anche Gerald Ford a chiederle di ballare nel 1976 durante una cena di gala alla Casa Bianca. La ragione? La canzone che stava suonando, di Frank Sinatra, “The Lady is a Tramp” (“La signora è un mendicante”).

Uno dei presidenti che si è occupato più spesso della regina è stato Bill Clinton (1993-2001), invitato insieme alla moglie Hillary a trascorrere la notte sullo yacht reale Britannia durante le commemorazioni del 50° anniversario dello sbarco in Normandia nel 1994. Anche se Il presidente democratico non ha sempre accettato gli inviti del sovrano: nel 1997 ha rifiutato di partecipare al tè, preferendo approfittare della sua visita a Londra per comportarsi come un turista in più, visitare alcuni giardini e fare shopping, secondo i documenti pubblicati dalla CNN.

L’ultimo inquilino della Casa Bianca che ha ricevuto è stato Joe Biden, l’anno scorso, in uno dei suoi primi atti pubblici dopo il peggio della pandemia di covid e il primo con un capo di stato straniero dopo la morte del principe Filippo nell’aprile del 2021. “Sua Maestà la Regina Elisabetta II era più di una regina. Ha segnato un’era”, ha sottolineato Biden.