Due Hellfire guidati verso un balcone: così gli Usa hanno ucciso al Zawahiri

Una delle armi più recenti nella guerra dei droni contro il terrorismo è stata la chiave dell’attacco contro il leader di Al Qaeda, al Zawahiri, e l’ideologo dell’11 settembre Sono le 6.18 di domenica 31 luglio a Kabul.

Ayman al Zawahiri
Ayman al Zawahiri – NanoPress.it

Due missili Hellfire guidati colpiscono un edificio della capitale afgana, Kabul. È una casa di tre piani nell’esclusivo quartiere diplomatico di Sherpur, una zona che i funzionari del governo talebano tendono sovente a frequentare. Si trova a pochi metri da ambasciate come quelle del Regno Unito e della Francia. A 10.800 chilometri, Joe Biden, confinato dal coronavirus, segue l’operazione dalla Casa Bianca, dove sono le 21.48 di sabato.

Ayman al Zawahiri, il capo di Al Qaeda, è morto alle 6.18 del mattino

Appena 48 ore dopo, il presidente degli Stati Uniti conferma che l’attacco è stato un successo: Washington ha ucciso Ayman al Zawahiri, uno degli ideologi degli attentati dell’11 settembre insieme a Osama Bin Laden, al quale è succeduto come capo dell’organizzazione dopo la sua morte nel 2011. Il terrorista si era rifugiato almeno da aprile nella capitale afgana, in una casa che i residenti della zona credevano abbandonata.

Le autorità talebane hanno coperto l’edificio con teloni alcune ore dopo l’attacco, ma non ci sono ustioni, resti di esplosioni o segni di detonazione sui muri: diversi analisti suggeriscono che una cosa del genere possa essere dovuta solo al fatto che l’attacco ha utilizzato gli ultimi generazione della famiglia di missili Hellfire, l’AGM-114R9X.

Il missile ninja, come è noto il modello R9X, viene utilizzato sempre più frequentemente negli attacchi di precisione contro i leader terroristi. Un alto funzionario della Casa Bianca si è limitato a spiegare lunedì a Washington in una telefonata con i giornalisti che le munizioni utilizzate erano “due” missili Hellfire, senza fornire ulteriori dettagli.

La novità di questo missile è che non trasporta esplosivi: uccide per la sua velocità e perché sei lame si staccano dal suo corpo prima dell’impatto. È stato utilizzato per la prima volta nel 2017 e c’è molta segretezza su come funziona. Non ci sono immagini ufficiali del missile intatto, ma è stato ricostruito dai detriti di altri attacchi. Un’indagine degli esperti di verifica di Newsly e Bellingcat ha concluso che, ad oggi, è stato utilizzato almeno 11 volte in paesi come la Siria, lo Yemen o l’Afghanistan.

La sua prima apparizione ufficiale è stata in un articolo del Wall Street Journal del maggio 2019 che documentava l’attacco all’auto del vice leader di al Qaeda Abu Khayr al Masri in Siria due anni prima. Un missile normale avrebbe fatto saltare in aria l’auto con la sua onda d’urto, mandando in frantumi i finestrini e lasciando detriti di detonazione tutt’intorno. “Utilizzando una R9X, gran parte del veicolo rimane intatto. I tagli delle lame sembrano essere la ‘firma’ della R9X”, ha descritto Nick Waters, ex militare e analista.

Questo missile è che non trasporta esplosivi: uccide per la sua velocità e perché sei lame si staccano dal suo corpo prima dell’impatto

La parte dell’auto di Al Masri che non è stata colpita direttamente dal proiettile è rimasta intatta. Il missile ha iniziato ad essere sviluppatp  una decina di anni fa, durante l’amministrazione di Barack Obama, e sembra così preciso da non provocare vittime innocenti. Human Rights Watch ha ricordato, tuttavia, che l’accuratezza di un missile guidato è buona quanto le informazioni che lo guidano.

Il balcone dove è stato ucciso al Zawahiri
Il balcone dove è stato ucciso al Zawahiri

Da solo non impedirebbero le oltre 500 morti civili che i droni statunitensi hanno causato in Afghanistan dal solo 2015. Le ultime sono state le 10 persone morte quasi un anno fa, a pochi giorni dalla partenza dell’esercito americano dal Paese. Nella sua apparizione lunedì, Biden ha ripetuto due volte in sette minuti che l’operazione era stata un successo perché non aveva causato “vittime civili”.

Un alto funzionario della Casa Bianca ha spiegato che questa parte era essenziale per il piano, considerando che l’obiettivo era in una zona popolata del centro di Kabul. I servizi di intelligence statunitensi hanno ottenuto informazioni all’inizio del 2022, secondo cui Al Zawahiri si stava rifugiando in quell’edificio senza nome, insieme a sua moglie, sua figlia e suoi nipoti. Per anni, i suoi rapporti hanno collocato il capobanda di al Qaeda in Pakistan, essendo già sopravvissuto a malapena alla battaglia nella remota regione di Tora Bora nel dicembre 2001.

L’operazione che ha posto fine alla sua vita è stata compiuta in segreto, e solo un piccolo numero di membri di varie agenzie con sede a Washington ne erano a conoscenza fin dall’inizio, ad aprile. Hanno raccolto dati sulle abitudini dei membri della famiglia. Al Zawahiri non l’ha mai lasciata in tutti questi mesi, ma aveva l’abitudine, che ha finito per rivelarsi fatale, di uscire sul balcone a prendere una boccata d’aria. “Solo quando abbiamo avuto tutte le informazioni ben definite”, ha chiarito l’alto funzionario, “le abbiamo condivise con il presidente”.

Quel momento è arrivato a maggio. Poi, il 1° luglio si è tenuto un incontro, di cui è emersa una fotografia, distribuita martedì dalla Casa Bianca. In esso, Biden è circondato da alcuni dei suoi più stretti collaboratori: il Consigliere per la Sicurezza Nazionale, Jake Sullivan, è seduto alla sua sinistra. Alla sua destra c’è William Burns, direttore della CIA, l’agenzia che ha guidato l’attacco.

La novità di questo missile è che non trasporta esplosivi: uccide per la sua velocità e perché sei lame si staccano dal suo corpo prima dell’impatto.