Dopo il Covid in Italia arriva il Vaiolo delle Scimmie. Si cura?

E’ arrivato in Italia il Vaiolo delle scimmie. Come si diffonde? Quali sono i tuoi sintomi? C’è una cura? Ci sono medicine?

Vaiolo delle scimmie
Vaiolo delle scimmie – NanoPress.it

Attenzione al Vaiolo delle Scimmie. Ecco come si attacca

Un uomo tornato dalle Canarie a Roma ha avuto dei sintomi strani, e l’Ospedale Spallanzani ha individuato che è stato colpito dal Vaiolo delle Scimmie. Questa malattia è generalmente lieve e si ritiene che l’infezione richieda uno stretto contatto con una persona infetta.

Ecco cosa si sa finora dell’epidemia che ha già un caso confermato in Italia.  Con un caso confermate e dozzine sospetti, questa malattia tropicale sembra diffondersi da alcune settimane.

Il Regno Unito ha lanciato l’allarme il 7 maggio e, da allora, sono stati rilevati casi al di fuori dell’Africa, almeno in Portogallo, Spagna, Stati Uniti e Canada. La malattia è causata da un orthopoxvirus della famiglia del vaiolo, la prima malattia debellata dall’uomo grazie ai vaccini.

Si chiama scimmia perché è stata scoperta in questi animali nel 1958, sebbene si possa trovare anche nei roditori. Il primo caso umano è stato rilevato nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo.

Da allora, si sono verificati focolai in una dozzina di paesi africani ed è stato rilevato molto più raramente al di fuori del continente. Il sentiero principale va agli animali selvatici all’uomo. Per prendere il Vaiolo delle scimmie serve un contatto diretto con una persona infetta.

La trasmissione amche per via sessuale

Si può trasmetterlo attraverso i fluidi del corpo (mucosa, ferite, fluidi sessuali), ma ci può anche essere una trasmissione indiretta, attraverso il contatto con oggetti che hanno toccato questo fluido.  La maggior parte dei casi rilevati finora in Europa si è verificata attraverso rapporti sessuali non protetti.

Le bolle causare dal Vaiolo delle Scimmie e una Scimmia
Le bolle causare dal Vaiolo delle Scimmie e una Scimmia – NanoPress.it

Tuttavia, esiste uno studio che indica la possibilità di trasmissione per via aerea, ma non è una ipotesi al momento confermata.  Per ora, la stragrande maggioranza dei casi rilevati colpisce uomini che hanno avuto rapporti sessuali con altri uomini, nelle ultime settimane. È un gruppo considerato vulnerabile ad altre malattie infettive, come l’HIV.

Ma il fatto che abbia cominciato a essere rilevato tra loro, indica semplicemente che è qui che si sono localizzate le catene di contagio (la malattia, ovviamente, può influenzare anche le relazioni eterosessuali). I sintomi sono simili a quelli del vaiolo, ma leggermente più lievi.

Inizia con febbre, dolori muscolari e mal di testa. Tra uno e tre giorni dopo la febbre, si formano eruzioni cutanee che, come spiega su Twitter il microbiologo David Grandioso, “di solito colpiscono prima il viso e poi si diffondono nel resto del corpo. Le zone più colpite sono il viso, le mani e i piedi. Il numero delle lesioni varia da poche a diverse migliaia e interessano le mucose della bocca (70% dei casi), i genitali (30%), la congiuntiva palpebrale (20%) e la cornea (bulbo oculare)”.

Dove è ‘nata’ questa malattia

Dalla prima infezione umana, si sono verificati focolai in Camerun, Costa d’Avorio, Gabon, Liberia, Nigeria, Repubblica Centrafricana, Repubblica del Congo, Repubblica Democratica del Congo, Sierra Leone e Sud Sudan. Oltre a ciò, gli Stati Uniti hanno rilevato casi sporadicamente, l’ultimo prima di questo focolaio, nel 2021.

Studio in laboratorio del Vaiolo delle Scimmie
Studio in laboratorio del Vaiolo delle Scimmie – NanoPress.it

Da quando il Regno Unito ha allertato all’inizio del mese, questo paese ha segnalato sette casi confermati, gli stessi della Spagna (che indaga su quasi cinquanta). Il Portogallo ha individuato almeno cinque casi. E il Canada e gli Stati Uniti stanno indagando su più di una dozzina.

Nella maggior parte dei casi, la malattia non è grave e si evolve favorevolmente da sola. In Africa ha presentato tassi di mortalità compresi tra l’1% e il 22%, con maggiore virulenza tra i bambini, ma è difficile esportare queste cifre, date le differenze nei sistemi sanitari e nella capacità di cura precoce.

Secondo un articolo del professore di microbiologia Raúl Rivas González in The Conversation, gli individui infetti in Europa hanno la variante del virus dell’Africa occidentale, “che è lieve rispetto a quella dell’Africa centrale”.

Nessuno dei casi rilevati in questo focolaio si è concluso con la morte. Inoltre non esiste un vaccino specifico, ma il vaccino contro il vaiolo, che non è più somministrato dagli anni ’80, quando questa malattia ha cessato di essere una minaccia, sembra fornire una protezione di oltre l’80%.

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha raccomandato giovedì di vaccinare le persone ad alto rischio, che sono state in stretto contatto con altre persone infette dal vaiolo delle scimmie.