Derby, il cane disabile torna a camminare grazie a una stampante 3D

La diversità non dovrebbe essere una condanna.

Derby

Derby

Quando è nato in un rifugio del New Hampshire, Derby, un cane disabile non è stato soppresso da cucciolo, malgrado la sua malformazione congenita agli arti anteriori. Nonostante questa disabilità gli impedisse di correre e di muoversi, i suoi amici umani gli hanno regalato una speranza, grazie ad una stampante 3D. Ora questa tenera bestiola può scorazzare insieme alla sua famiglia di due-zampe.

Come spesso accade in questi casi, quando cioè a essere disabile è un cane, ai suoi arti è stato applicato un semplice carrello, due ruote che gli permettevano di muoversi, per quanto possibile.

Spero – racconta Anderson – che questa tecnologia possa aiutare altri cani nati con delle malformazioni o vittime di incidenti, perché la diversità non dovrebbe essere una condanna‘.

I progressi nella tecnologia però vanno sfruttati, devono aver pensato i suoi amici umani, e così Tara Anderson, una delle responsabili della 3D Systems in Massachusetts, ha ideato e realizzato nuove protesi che garantiscono all’animale maggiore comodità e libertà di movimento.

Grazie ad avanzate stampanti 3D sono nate così le ‘gomitiere’. Da allora l’animale indossa le sue protesi speciali tutti i giorni per abituarsi. ‘Eravamo meravigliati – racconta Stephanie Portanova, la nuova padrona del cane – e Derby non smetteva più di correre‘.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere