Deputato della Lega minaccia i magistrati: ‘Se toccate Salvini vi veniamo a prendere a casa’

leghista minaccia giudici

Nel clima di braccio di ferro istituzionale generato dalla linea dura di Salvini sulla questione dello sbarco della nave Diciotti in stallo a Catania, si schiera con parole ‘velatamente’ minacciose il deputato leghista, eletto in Abruzzo, Giuseppe Bellachioma, che se la prende coi magistrati scrivendo su Facebook un messaggio che riprende la posizione del leader e vicepremier leghista, per poi avvertire: ‘Se toccate Salvini vi veniamo a prendere a casa’.

Nel messaggio Facebook, si legge: “Messaggio da parte della Lega Abruzzo: se toccate il Capitano vi veniamo a prendere sotto casa..occhio!!!”. Il Capitano è ovviamente il leader della Lega e ministro dell’Interno del governo Conte, Matteo Salvini, i destinatari sono i magistrati.

[facebook code=”https://www.facebook.com/GiuseppeBellachiomaLega/photos/a.789585724471585/1909917902438356/?type=3″]

Bellachioma nel suo post social rilancia le parole del vicepremier a proposito dell’apertura di un fascicolo contro ignoti per sequestro di persona, Salvini infatti aveva twittato il messaggio: “Pare che per la nave Diciotti, ferma nel porto di Catania, la Procura stia indagando “ignoti” per “trattenimento illecito” e sequestro di persona. Nessun ignoto, INDAGATE ME! Sono io che non voglio che altri CLANDESTINI (questo sono nella maggioranza dei casi) sbarchino in Italia. Se mi arrestano, mi venite a trovare Amici?”.

[twitter code=”https://twitter.com/matteosalvinimi/status/1032355777380605952″]

L’Associazione Nazionale Magistrati ha presto replicato al messaggio intimidatorio con una nota: “Si tratta di una azione di una inaudita gravità che rappresenta un inaccettabile tentativo di interferire nella attività dei magistrati impegnati nella delicata vicenda. È un fatto senza precedenti, tenuto conto della provenienza da un parlamentare, da chi dovrebbe rispettare l’attività che svolgono tutte le Istituzioni, tra esse la magistratura. L’ANM respinge ogni tentativo di interferenza e di intimidazione, assicurando che tutti i magistrati svolgono e continueranno a svolgere i propri compiti rispondendo esclusivamente alla legge, per cui ogni tentativo di condizionamento sarà vano”.