Decreto liquidità, l'azione di governo a difesa delle imprese

In arrivo il nuovo decreto del governo volto a salvaguardare imprese e posti di lavoro messi a rischio dall'emergenza coronavirus. Misure centrali del decreto l'iniezione di liquidità nel sistema economico e l'estensione del golden power, il potere del governo di porre il veto ad acquisizioni straniere

Decreto liquidità

Foto Getty Images | Elisabetta Villa

Con il Paese fermo a causa dell’emergenza coronavirus e con il prolungarsi ad oltranza delle misure di isolamento e quarantena, il governo è chiamato a dare risposte concrete a famiglie e imprese messe gravemente in difficoltà dal blocco delle attività economiche e produttive. Oltre alla crisi sanitaria, infatti, si fa sempre più concreto il rischio di una crisi economica potenzialmente devastante per il sistema Paese, crisi che l’intera classe politica, dal governo all’opposizione, è chiamata a scongiurare. In questo senso, il primo punto dell’agenda di Palazzo Chigi è assicurare il più ampio sostegno possibile alle imprese, a salvaguardia del tessuto produttivo del Paese e di centinaia di migliaia di posti di lavoro. Ecco dunque in arrivo il nuovo decreto liquidità a sostegno di aziende e lavoratori, che sarà varato alla conclusione dell’odierno Consiglio dei Ministri.

Decreto liquidità a sostegno delle imprese: cosa prevede

La prima misura contenuta nel decreto in arrivo è quella volta ad assicurare alle imprese la liquidità necessaria a garantire i pagamenti che queste sono comunque chiamate a sostenere, a partire dalle prossime buste paga, misura dunque fondamentale al fine di assicurare il mantenimento dei posti di lavoro. In questo senso, lo Stato farà da garante per i prestiti che le banche erogheranno alle imprese: l’entità della garanzia statale sui prestiti sarà del 100% per importi fino ad un massimo di 800mila euro, mentre sarà del 90% per i prestiti fino al 25% del fatturato delle imprese di qualsiasi dimensione: una misura da circa 10 miliardi di euro che dovrebbe garantire una massiccia iniezione di liquidità – circa 200 miliardi di euro – nel sistema economico.

A salvaguardia delle imprese, in particolar modo di quelle strategiche ed operanti in ambiti considerati di interesse nazionale, arriva anche il provvedimento volto a rafforzare ed estendere il cosiddetto golden power, ossia la possibilità da parte del governo di porre il veto e dunque di dire no, ogniqualvolta ce ne fosse bisogno, a possibili acquisizioni da parte straniera di asset e aziende italiane ritenute strategiche per il Paese. Tale scudo anti-acquisizioni straniere, oggi limitato ai soli settori della difesa, delle comunicazioni, dei trasporti e dell’energia, sarà esteso anche alle piccole e medie imprese e sarà valido anche per i tentativi di acquisizione all’interno dell’Unione Europea.

A completare le misure a sostegno delle imprese c’è poi la sospensione degli adempimenti fiscali di aprile e maggio: per questi due mesi l’esecutivo prevede lo stop al pagamento di Iva, ritenute e contributi.

LEGGI ANCHE: BONUS, COME FARE DOMANDA

Parole di Luca Fiori

Classe 1994, laurea magistrale in Storia e Società presso l'università Roma Tre. Appassionato di Storia contemporanea e politica internazionale. Nel corso dei miei studi ho dedicato particolare attenzione all'analisi di movimenti e partiti politici.

Da non perdere