Crisi di mezza età? Esiste e arriva a 42 anni

La crisi di mezza età è dimostrabile scientificamente. Si colloca intorno ai 42 anni ed è determinata da un crollo delle aspettative.

Crisi di mezza età? Esiste e arriva a 42 anni

Secondo gli esperti la crisi di mezza età esiste veramente e merita attenzione. A scatenarla non sarebbero i soldi o la vecchiaia, ma soprattutto il crollo delle aspettative e l’eventuale perdita del lavoro. E’ questo ciò che emerge da una ricerca condotta dall’Università di Melbourne, in collaborazione con la London School of Economics, l’Università di Walwick e l’Istituto per lo studio del lavoro di Bonn. Lo studio compiuto può essere considerato la prima dimostrazione dell’esistenza di ragioni scientifiche legate alla crisi a cui sarebbero soggetti molti individui, arrivando intorno ai 42 anni.

I ricercatori si sono basati sull’analisi di decine di migliaia di questionari sul benessere e hanno confermato ciò che viene detto da molti anni. La nostra felicità ha un andamento particolare, perché si può essere molto felici nell’infanzia e nella vecchiaia e quasi contenti nella prima età adulta. Negli anni “di mezzo” si sarebbe destinati ad una certa sofferenza.

Sulla questione influiscono diversi fattori, come la salute dei genitori, il rapporto con i figli, la stabilità, le relazioni di coppia. Ci sono anche degli altri elementi che rendono complessa l’analisi, come la salute e il reddito. Ma l’invecchiamento in sé non può essere considerato una ragione di tristezza.

Gli esperti suggeriscono che a 30 anni si può essere convinti di poter fare cose grandiose, ma verso i 40 ci si rende conto che ormai questi progetti non andranno più in porto. Le aspettative crollano e anche la felicità. Soltanto in una fase successiva subentra la rassegnazione, che coinciderebbe con il principio di realtà, con la vita adulta, quella vera.

Parole di Gianluca Rini

Da non perdere