Come si​ dichiarano al fisco i voucher?

voucher fisco

I voucher lavoro Inps non vanno dichiarati al fisco in quanto sono esenti dalle imposizioni fiscali. L’ente previdenziale, che eroga i buoni per retribuire prestazioni di lavoro accessorio, specifica infatti che “il prestatore può integrare le sue entrate attraverso queste prestazioni occasionali, il cui compenso è esente da ogni imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato”.

COSA SONO I VOUCHER? DOMANDE E RISPOSTE SUI BUONI LAVORO INPS

I compensi sono inoltre cumulabili “con i trattamenti pensionistici e compatibili con i versamenti volontari” e non vanno rilevati per il calcolo da fare per essere considerati familiari a carico. Questi compensi non fanno quindi parte dei redditi annuali da dichiarare al fisco. Ricordiamo però che i prestatori devono stare attenti a non superare il limite annuale di 7000 euro netti guadagnati tramite buoni lavoro. Soglia innalzata con il Jobs Act (prima corrispondeva a 5000 euro).

I voucher sono da inserire nel 730?
I voucher non vanno dichiarati né nel 730 né nel Modello Unico, proprio perché esenti da qualsiasi imposizione fiscale. Qua la differenza tra i due strumenti di dichiarazione dei redditi. Allo stesso modo i committenti non sono tenuti a fornire ai prestatori la Certificazione Unica (ex Cud).

I voucher sono soggetti a Irpef?
I voucher sono soggetti a Inail e Inps, ma non all’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche). Il voucher ha un valore di 10 euro lordi: 7,5 euro è la retribuzione netta per il lavoratore, mentre i restanti 2,50 rappresentano i contributi. Il 7% va all’Inail per l’assicurazione anti-infortuni, il 13% alla gestione separata Inps, il 5% per la gestione del servizio.

I voucher sono deducibili?
Sono deducibili i contributi previdenziali (il 13% del valore lordo di 10 euro dei voucher), a condizione che la prestazione di lavoro accessorio sia stata comunicata prima della presentazione della dichiarazione dei redditi.

I voucher sono deducibili dall’Irap?
Le prestazioni di lavoro accessorio pagate con i voucher, essendo considerate “attività lavorative di carattere occasionale”, vanno inserite nella voce B.7 del conto economico delle imprese. Non sono pertanto deducibili dall’Irap, l’imposta regionale sulle attività produttive.

Parole di Francesco Minardi

Da non perdere