Il Codacons ancora contro Fedez: vuole denunciarlo per "istigazione a delinquere"

L'associazione a tutela dei diritti dei consumatori si è scagliata contro il rapper dopo le dichiarazioni di Eleonora Daniele

Fedez

Foto Getty Images | Jacopo Raule

Non più tardi lunedì il Codacons annunciava battaglia contro la Rai per la messa in onda del docufilm “Chiara Ferragni – Unposted”, definito “un mega spot pubblicitario di carattere commerciale“, adesso un altro attacco ai Ferragnez, nello specifico a Fedez. L’associazione dei consumatori vuole infatti denunciare il rapper nientemeno che per “istigazione a delinquere”.

L’antefatto: le dichiarazioni di Eleonora Daniele

Il giorno seguente alla messa in onda del documentario della Ferragni, la conduttrice Eleonora Daniele durante la trasmissione “Storie Italiane” aveva criticato l’influencer per non aver accennato, nel corso dell’intervista rilasciata a Simona Ventura, all’argomento Covid: visto il suo grande seguito, avrebbe dovuto, secondo lei, sensibilizzare soprattutto i più giovani.

Non è mancata la risposta del marito di Chiara Ferragni, che attraverso Instagram ha espresso il suo disappunto per le parole di Eleonora Daniele, ricordando quanto fatto dalla coppia durante la pandemia.

I social si sono scatenati contro la conduttrice, che ha poi chiesto scusa il giorno successivo, attaccandola per l’inadeguatezza del suo intervento, a detta di molti gratuito e superficiale. Ma il problema dei social lo conosciamo tutti: non si possono controllare i commenti e le parole usate dagli utenti, che fin troppo spesso sfociano nell’insulto gratuito. Purtroppo la Daniele è stata invasa da critiche e ingiurie, che l’hanno fatta arrivare al punto di dichiarare di star subendo del bullismo online.

Codacons: tutta colpa di Fedez

Secondo il Codacons, associazione che si occupa dei diritti dei consumatori, sarebbe stato proprio Fedez a scatenate l’ondata di bullismo (termine improprio visto che non si tratta di un’azione reiterata nel tempo) che ha travolto Eleonora Daniele.

Il presidente Carlo Rienzi ha dichiarato ad Adnkronos: “Da Fedez abbiamo assistito ancora una volta ad una violenza sessista inaudita, di cui ha fatto le spese una conduttrice colpevole di aver espresso una velata critica a Chiara Ferragni. Le violenze sollevate contro chiunque critica i Ferragnez devono finire una volta per tutte: è impensabile che chi esprime legittime opinioni sia ricattato da Fedez attraverso storie su Instagram e post che generano bullismo e attacchi ingiustificabili“, le sue parole.

Ha proseguito: “Fa tristezza che sul web la violenza sia così frequente, e credo che sia necessario stabilire delle regole anche con legge per prevenirla ed impedirla. Stiamo valutando, se Eleonora Daniele è d’accordo e ci dà l’ok, perché naturalmente deve essere d’accordo la diretta interessata, procediamo con una nuova denuncia per istigazione a commettere reato“.

Fedez l’ha presa con ironia: ha condiviso la notizia della denuncia su Twitter commentandola con “Buon compleanno Federico“, visto che proprio oggi compie 31 anni. Non è certo il primo scontro tra i Ferragnez e il Codacons: erano già stati denunciati per la loro raccolta fondi, poi per blasfemia per un’opera d’arte e infine per il documentario.

Carlo Rienzi contro il fenomeno influencer

Rienzi, intervistato dalla trasmissione radiofonica “Le Mattine di Radio Capital”, condotta da Selvaggia Lucarelli e Chicco Giuliani, ha definito il fenomeno degli influencer pericoloso per i più giovani, poiché dà un’immagine distorta della realtà, creando ideali dannosi. La sua lotta contro Chiara Ferragni e Federico Lucia pare proprio che non finirà a breve.

Parole di Alanews

Da non perdere