Clima: Bangladesh e India nord-orientale devastate dalle inondazioni

Clima: Gli scienziati affermano che il cambiamento climatico è un fattore che è alla base delle piogge irregolari e precoci che si stanno susseguendo ormai da settimane.

Inondazioni Bangladesh
Inondazioni Bangladesh – NanoPress.it

Questi fenomeni hanno innescato inondazioni senza precedenti in Bangladesh e nell’India nord-orientale, uccidendo dozzine di persone e rendendo la vita impossibile a milioni di altre. Sebbene la regione non sia estranea alle inondazioni, in genere si verificano più avanti nell’anno, quando le piogge monsoniche cominciano a prendere il sopravvento. Le piogge torrenziali di quest’anno hanno sferzato l’area già a marzo.

Per colpa dell’uomo il clima genera morte e distruzione

Potrebbe volerci molto più tempo per determinare fino a che punto il cambiamento del clima abbia avuto un ruolo nelle inondazioni, ma gli scienziati affermano che ha reso il monsone, un cambiamento stagionale del tempo solitamente associato a forti piogge, più variabile negli ultimi decenni. Ciò significa che gran parte della pioggia che dovrebbe cadere in un anno arriverà nel giro di poche settimane.

Lo stato indiano nord-orientale di Meghalaya ha ricevuto precipitazioni quasi tre volte superiori alla media di giugno, solo nelle prime tre settimane del mese e il vicino Assam ha ricevuto il doppio della media mensile nello stesso periodo. Diversi fiumi, tra cui uno dei più grandi dell’Asia, scorrono a valle dei due stati nel Golfo del Bengala nella pianura del Bangladesh, una nazione densamente popolata. Con più precipitazioni previste nei prossimi cinque giorni, il Centro di previsione e allerta sulle inondazioni del Bangladesh ha avvertito martedì, che i livelli dell’acqua rimarranno pericolosamente alti nelle regioni settentrionali del paese.

Il modello dei monsoni, vitali per le economie agrarie dell’India e del Bangladesh, è cambiato dagli anni ’50, con periodi di siccità più lunghi intervallati da forti piogge, ha affermato Roxy Matthew Koll, scienziato del clima presso l’Indian Institute of Tropical Meteorology di Pune, aggiungendo che si prevede che anche gli eventi di precipitazioni estreme aumenteranno. Fino ad ora, le inondazioni nel nord-est del Bangladesh erano rare, mentre lo stato di Assam, famoso per la sua coltivazione del tè, di solito faceva fronte alle inondazioni nel corso dell’anno, durante la consueta stagione dei monsoni.

L’enorme volume delle prime piogge di quest’anno che ha colpito la regione in poche settimane rende le attuali inondazioni una situazione “senza precedenti”, ha affermato Anjal Prakash, direttore della ricerca presso il Bharti Institute of Public Policy dell’India, che ha contribuito allo studio sponsorizzato dalle Nazioni Unite sul riscaldamento globale. “Questo è qualcosa di cui non abbiamo mai sentito parlare e non abbiamo mai visto”, ha detto.

 

Mercoledì il primo ministro del Bangladesh Sheikh Hasina ha espresso una valutazione altrettanto cupa. “Non affrontiamo una crisi come questa da molto tempo. Le infrastrutture devono essere costruite per far fronte a tali disastri”, ha detto in una conferenza stampa a Dhaka.

Inondazioni India
Inondazioni India – NanoPress.it

“L’acqua proveniente da Meghalaya e Assam ha colpito la regione di Sylhet” nel nord-est del Bangladesh, ha detto, aggiungendo che non c’è tregua per il Paese. Hasina ha detto che le acque alluvionali si sarebbero presto ritirate da nord-est, ma probabilmente avrebbero colpito presto la regione meridionale del paese sulla strada per il Golfo del Bengala.

“Dovremmo prepararci ad affrontarlo“, ha detto. “Viviamo in una regione in cui le inondazioni si verificano abbastanza spesso, cosa che dobbiamo tenere a mente. Dobbiamo prepararci per questo”. Un totale di 42 persone sono morte in Bangladesh dal 17 maggio, mentre le autorità indiane hanno riferito che i decessi per inondazione sono saliti a 78 nello stato di Assam, con altre 17 uccise per frane. Centinaia di migliaia di persone sono state costretti a precipitarsi verso centri di evacuazione improvvisati.

Il Bangladesh, che ospita circa 160 milioni di persone, ha contributo in modo importante alle emissioni nocive. Nel frattempo, un accordo decennale per le nazioni ricche, che hanno contribuito maggiormente alle emissioni nocive, di donare 100 miliardi di dollari alle nazioni più povere ogni anno per adattarsi ai cambiamenti climatici e passare a combustibili più puliti non è stato rispettato. E il denaro che viene fornito è distribuito troppo sottile.

Ciò significa che paesi come il Bangladesh, il cui PIL è passato da 6,2 miliardi di dollari nel 1972 a 305 miliardi di dollari nel 2019, devono reindirizzare i fondi per combattere il cambiamento climatico, invece di spenderli in politiche volte a sollevare milioni di persone dalla povertà. “Questo è un problema creato dal nord industrializzato globale. E ne stiamo pagando il prezzo perché hanno ignorato le loro responsabilità“, ha detto Prakash.