Cina, due sedicenni bruciano vivi due cagnolini: 'La madre ci ha morso'

Cina, due sedicenni bruciamo vivi due cagnolini 'La madre ci ha morso'

Cina, due sedicenni bruciamo vivi due cagnolini 'La madre ci ha morso'

L’ennesima storia di violenza sugli animali ci arriva dalla Cina, precisamente da Xuzhou: due studenti hanno bruciato vivi due cagnolini, a loro dire, per vendicarsi della madre che li avrebbe morsi. I due sedicenni non hanno risparmiato nemmeno la mamma che hanno ucciso brutalmente. La ferocia dei giovani è stata filmata e il video ha fatto il giro dei social.

Le immagini shock diffuse in rete, in cui si vede un cucciolo guaire terrorizzato mentre viene cosparso di un liquido infiammabile prima di essere bruciato, hanno scatenato la reazione di tutte le associazioni animaliste asiatiche, nonché di moltissime altre persone. Nonostante il clamore generato dalla terribile vicenda, ai due giovani che studiano presso la Middle School nella provincia di Jiangsu in Cina, è stato rivolto soltanto un avvertimento verbale da parte degli insegnanti e dei genitori. Uno dei ragazzi ha giustificato le sue gesta feroci, dicendo che la madre dei cuccioli lo aveva morso. La Polizia di Quan Shan in un messaggio pubblicato su Weibo, un equivalente cinese di Twitter, ha assicurato che sulla vicenda è stata aperta un’indagine. Tuttavia, al momento, i giovani sono rimasti impuniti, fatta eccezione per il formale richiamo.

Parole di Beatrice Elerdini

Beatrice Elerdini è stata una collaboratrice di Nanopress dal 2014 al 2019, occupandosi di cronaca e attualità. Degli stessi argomenti ha scritto su Pourfemme dal 2018 al 2019.

Da non perdere