Cassidy Hutchinson, l’inaspettata testimone che ha smascherato Trump

La dichiarazione di Cassidy Hutchinson, una giovane consigliere della Casa Bianca aumenta le possibilità che l’ex presidente Trump finisca perseguito.

Cassidy Hutchinson
Cassidy Hutchinson . NanoPress.it

Cassidy Hutchinson è scoppiata in lacrime di gioia il giorno in cui è stata ammessa al White House Fellows Program. Era l’estate del 2018, aveva 22 anni ed era appassionato di politica, potere e servizio pubblico. Era già stata una stagista al Campidoglio e il suo obiettivo era avere una carriera con un “significato civico”.

Cassidy Hutchinson testimone ‘chiave’ dell’assalto al Campidoglio

Non avrebbe potuto immaginare allora che sarebbe diventata la testimone principale della commissione che indaga sull’assalto al Campidoglio il 6 gennaio 2021. La sua testimonianza rivela qual era il suo capo, l’allora presidente Donald Trump. L’immagine più potente che il racconto di Hutchinson ha lasciato è quella del ketchup che gocciola dal muro della sala da pranzo della Casa Bianca come ritratto della rabbia di Trump.

La sua rivelazione più importante è che Trump stesso era disposto a guidare la folla armata che ha marciato a Capitol Hill per impedire la certificazione della vittoria elettorale di Joe Biden, e ha persino cercato di allentare le misure di sicurezza. La sua dichiarazione, insieme ad altre testimonianze della commissione del 6 gennaio, è quella che ha più peso per facilitare un eventuale processo contro l’ex presidente.

Secondo la sua storia, già allora il principale consulente legale della Casa Bianca, Pat Cipollone, era consapevole del rischio: “Ci accuseranno di tutti i crimini immaginabili”, ha detto Hutchinson quel giorno. Il ketchup e i pezzi di porcellana sul pavimento illustrano la rabbia di Donald Trump quando il suo stesso procuratore generale, William Barr, ha riferito il 1° dicembre 2020 che non c’erano prove di frode elettorale nella vittoria di Biden. Trump ha lanciato un piatto di cibo contro il muro quando la notizia lo ha raggiunto.

Erano settimane frenetiche sulla strada per quel sinistro 6 gennaio. Cassidy Hutchinson li ha vissuti in prima fila. Nonostante la giovinezza e la poca esperienza, alla Casa Bianca occupò un ufficio molto vicino allo Studio Ovale. Hutchison ha testimoniato per ore in quattro sessioni registrate a porte chiuse davanti ai membri della commissione e questo martedì è apparsa solennemente a Capitol Hill.

Vestita con una giacca bianca immacolata, riparata da diversi compagni, usava un tono basso, tenue, come se fosse triste, un po’ nervosa all’inizio, ma senza esitazione, rispondendo con sicurezza. Dopo aver testimoniato, ha lasciato la stanza con uno sguardo un po’ smarrito e un’espressione triste. Pochi giorni fa, Cass, come la chiamano i suoi amici, era una perfetta sconosciuta al grande pubblico. Ora è diventato una celebrità, nel bene e nel male.

Un sogno infranto dal piatto di porcellana lanciato da Trump contro il muro.

Per alcuni, una sorta di eroina anonima, la donna sincera e fedele ai suoi ideali, una figura “incoraggiante e stimolante”, come l’ha definita un deputato durante la seduta. Per altri, una bugiarda in cerca di importanza: i sostenitori di Trump hanno iniziato martedì una campagna di molestie contro di lei in diretta sui social network e l’hanno battezzata come Amber Heard 2.0. Hutchinson è nato nel 1996 a Pennington, una cittadina all’interno del New Jersey, dove ha frequentato il liceo.

Trump
Trump – NanoPress.it

Ha studiato scienze politiche alla giovane e piccola università pubblica di Christopher Newport, nella cittadina di Newport News, sulla costa dello Stato della Virginia, a circa tre ore di macchina a sud di Washington. Nella sua lista di illustri studenti, a cui ha già aderito, ci sono alcuni deputati. Il suo interesse per la politica l’ha portata a ottenere una borsa di studio al Campidoglio, ha svolto tirocini sotto il comando del senatore repubblicano Ted Cruz e del capo del caucus repubblicano alla Camera dei rappresentanti, Steve Scalise.

La sua grande occasione è arrivata nel 2018 con la sua borsa di studio alla Casa Bianca. “Fare uno stage in Campidoglio ha confermato la mia volontà di seguire un percorso nel Governo e quando ho saputo della borsa di studio alla Casa Bianca ero ansiosa di candidarmi”, ha ricordato nel 2018 in un’intervista condotta dalla rivista universitaria.

“Come studente universitario di prima generazione, essere stato selezionato per servire come borsista insieme ad alcuni degli studenti più brillanti e motivati ​​di tutto il paese, molti dei quali frequentano le migliori università, è stato un onore e un’esperienza di crescita straordinaria”.

Vedere l’elicottero presidenziale allontanarsi dalla finestra del suo ufficio, assistere alle cerimonie di firma della legge o alle apparizioni di Trump sono stati alcuni dei piccoli traguardi che ha messo in evidenza e, guardando al futuro, ha dichiarato: “Ho tutte le opportunità alla mia portata e sono aperta a qualsiasi lavoro mi venga incontro”. Mesi dopo sarebbe tornata alla Casa Bianca, ma non più come stagista.

A marzo 2019 è arrivata al West Wing come consigliere del presidente per le questioni legislative, dove ha instaurato un buon rapporto con Mark Meadows, nominato capo di gabinetto della Casa Bianca un anno dopo, una figura che negli Stati Uniti è simile a quella di un primo ministro.

Meadows si fidava di lei e presto Hutchinson divenne il suo braccio destro in una carriera breve e fulminea. Un neolaureato di vent’anni che incontra senatori e rappresentanti con enorme potere politico e decenni di esperienza. Ha fatto una campagna per la rielezione di Trump. Come altri testimoni passati per la commissione, è sata un’entusiasta sostenitrice dell’allora presidente.

Oltre alla sua foto come stagista della Casa Bianca, è stata anche fotografata mentre ballava con l’allora portavoce della Casa Bianca Kayleigh McEnany con l’Air Force One dietro di lei nel settembre 2020 a Swanton, Ohio, dove Trump aveva partecipato a un evento. Per lei è stato come un sogno, un sogno infranto dal piatto di porcellana lanciato da Trump contro il muro.