‘Caso Pelosi”: la Cina annuncia manovre militari vicino a Taiwan

Taipei aumenta il livello di allerta di fronte a esercizi miitari da parte della Cina, che teme siano legati alla visita di Nancy Pelosi, il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi – Nanopress.it

L’amministrazione cinese per la sicurezza marittima ha annunciato martedì nuove esercitazioni militari nel Mar Cinese Meridionale, vicino allo stretto di Taiwan, e nella baia di Bohai (nel nord) per i prossimi giorni.

La Pelosi su Taiwan continua a far innervosire la Cina

Sebbene le autorità cinesi affermino che tali esercitazioni siano parte della commemorazione del 95° anniversario della fondazione dell’Esercito popolare di liberazione, celebrato il 1° agosto, a Taiwan temono che siano legate alla probabile imminente visita del presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi.

Nonostante Pechino abbia espresso attivamente e passivamente la propria contrarietà a tale viaggio, lunedì fonti anonime della Casa Bianca hanno confermato che la delegazione di membri del Congresso Usa sbarcherà martedì sull’isola autonoma che la Cina considera parte del suo territorio.

Visto l’aumento della presenza militare del colosso asiatico nelle vicinanze di Taiwan, il ministero della Difesa taiwanese ha avvertito che invierà rinforzi sulla linea di demarcazione dello Stretto di Formosa per scoraggiare “minacce nemiche”. L’isola ha anche alzato il livello di allerta militare. Mentre la controversa visita della Pelosi a Taiwan nell’ambito del suo tour Asia-Pacifico rimane non ufficiale, il ministero degli Esteri cinese ribadisce che se l’82enne legislatore metterà piede sull’isola “ci saranno misure energiche”.

I social network della nazione più popolosa del pianeta sono pieni di messaggi nazionalisti. Questo martedì, innumerevoli video e foto dei veicoli dell’esercito cinese che circolano al loro interno vengono trasferiti nella città meridionale di Xiamen, situata a circa 300 chilometri da Taiwan e dove si trova una base militare.

Secondo le informazioni raccolte dai media taiwanesi, stamattina aerei da guerra cinesi sono volati vicino alla linea di demarcazione dello Stretto di Taiwan, mentre diverse navi – un cacciatorpediniere missilistico e una fregata – sono state posizionate vicino alle sue acque da lunedì. Una fonte citata da Reuters ha affermato che le forze cinesi hanno ripetutamente fatto mosse tattiche basate sul raggiungimento breve della linea di divisione e sul ritorno alla posizione di partenza.

Il ministero della Difesa taiwanese ha rilasciato un comunicato in cui afferma di essere a conoscenza di tutte le attività militari che si svolgono nelle vicinanze del territorio. Hanno anche affermato di avere la “determinazione, capacità e fiducia” per garantire la sicurezza nazionale di Taiwan. Secondo l’agenzia di stampa ufficiale CNA, l’isola ha aumentato il livello di allerta per i combattimenti fino a giovedì a mezzogiorno, e le autorità non escludono di dichiarare una “emergenza” nei prossimi giorni, “a seconda del livello di minaccia rappresentato dai cinesi Esercito”.

Le relazioni diplomatiche tra la Cina e gli altri paesi si basano sul principio One China

Durante la conferenza stampa quotidiana del ministero degli Esteri cinese, la portavoce Hua Chunying non ha commentato le manovre, ma ha sottolineato che la situazione attuale è dovuta solo ed esclusivamente all’azione degli Stati Uniti: “Penso che il mondo possa chiaramente vedere quello che gli Stati Uniti stanno causando per aumentare la tensione nello Stretto di Taiwan.

Xi Jinping
Il presidente cinese Xi Jinping – Nanopress.it

“La Cina ha ripetutamente affermato, attraverso più canali ea vari livelli nei colloqui tra Pechino e Washington, la sua posizione solenne contro la visita del presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti a Taiwan”, ha aggiunto. Lo stesso presidente Xi Jinping ha avvertito giovedì scorso il suo omologo Joe Biden in una telefonata che il viaggio di Pelosi equivarrebbe a “giocare con il fuoco”.  

Alla domanda se la risposta della Cina includerà misure diplomatiche o militari, Hua si è limitato a dire che “gli Stati Uniti si assumeranno sicuramente la responsabilità e pagheranno il prezzo per aver danneggiato la sovranità e gli interessi di sicurezza della Cina”. Il ministero della Difesa cinese ha già espresso la scorsa settimana, ancor prima della conversazione tra i due leader, che l’Esercito popolare di liberazione “non resterà a guardare” se la visita avrà luogo.

Le relazioni diplomatiche tra la Cina e gli altri paesi si basano sul principio One China, espressione che implica che esiste una sola Cina e che questa include Taiwan, dove le truppe nazionaliste si rifugiarono dopo essere state sconfitte nella guerra civile dall’esercito comunista nel 1949 Una delle grandi preoccupazioni di Pechino è che il viaggio di Pelosi generi un effetto domino che aprirà la porta ad altri leader mondiali per visitare Taiwan, inteso come una dimostrazione di sostegno all’indipendenza dell’isola.

Il primo ministro taiwanese Su Tseng-chang ha dichiarato martedì che l’isola “accoglie calorosamente” tutti gli ospiti stranieri e “organizzerà tutti i preparativi necessari”. Il Consiglio dell’agricoltura di Taiwan ha annunciato che la Cina ha temporaneamente interrotto le importazioni di oltre 100 prodotti da più aziende alimentari taiwanesi, una mossa vista come la prima rappresaglia per la visita pubblicizzata.

Secondo il quotidiano Liberty Times, Pelosi e la sua delegazione atterreranno a Taiwan questa sera alle 22.20 ora locale, sebbene non citi alcuna fonte. L’aereo dello speaker della Camera dei Rappresentanti Usa è decollato questa mattina da Kuala Lumpur, capitale della Malesia, seconda tappa del suo itinerario, dopo la visita a Singapore. Ufficialmente, andrà anche in Corea del Sud e Giappone.

La veterana deputata è nota per la sua ferma posizione contro il Partito Comunista Cinese: nel 1991, Pelosi ha srotolato uno striscione in piazza Tienanmen a Pechino per commemorare le vittime del massacro, due anni dopo il suo svolgimento. Inoltre, ha incontrato dissidenti cinesi e il Dalai Lama, il leader spirituale tibetano in esilio, e ha espresso sostegno alle proteste pro-democrazia a Hong Kong.